Dry Bridge Flea Market: il mercato più celebre di Tbilisi

Scopri il Dry Bridge Flea Market, uno dei luoghi più singolari e interessanti di Tbilisi, capace di accompagnarti in un viaggio nella cultura georgiana.

Foto di Alessandra Gamba

Alessandra Gamba

Content Writer & Travel Expert

Autrice e Content Writer professionista, scrive di viaggi per passione. Ama leggere e il suo cuore l'ha lasciato nel Regno Unito.

Visitare Tbilisi, splendida capitale della Georgia, senza passare per il Dry Bridge Flea Market significherebbe tornare a casa con un’esperienza di viaggio incompleta. Situato nelle vicinanze del Palazzo Presidenziale, questo vivace mercato delle pulci all’aperto è una meta che, sin dagli anni ’50, attira persone da tutto il mondo offrendo uno spaccato affascinante sulla storia passata e presente di questa città; trasportando i visitatori in un viaggio alla scoperta del lato più autentico di Tbilisi.

La storia del Dry Bridge Flea Market

Quello che oggi è il grande mercato en-plein-air di Tbilisi, nasce insieme alla costruzione del ponte “Dry Bridge” che lo ospita. Il ponte venne costruito tra il 1847 e il 1851 durante il periodo dell’Impero Russo e ottenne il soprannome di “ponte secco” negli anni ’40, quando il ramo del fiume Mtkvari che passava sotto di esso venne deviato e il suo bacino interrato per far spazio a una strada. Il mercato iniziò a prendere forma come un piccolo raduno di abitanti locali che vendevano vecchi oggetti e, nel tempo, si è evoluto diventando un vero e proprio punto di riferimento quotidiano per gli amanti dei mercatini delle pulci e per chi è sempre alla ricerca di piccoli tesori unici. Non solo, il mercato è anche entrato tra i punti di interesse principali per chi viene a visitare la città.

Vivere il Dry Bridge Flea Market

Venditore al Dry Bridge flea Market di Tbilisi
Fonte: iStock
Un venditore e la sua bancarella al Dry Bridge Flea Market di Tbilisi

Non appena raggiunto il mercato verrai catapultato in una miscela di colori, suoni e voci. I banchetti, a volte strutturati, a volte dei semplici teli stesi per terra, offrono agli acquirenti un’ampia gamma di oggetti di tutti i tipi: dai pezzi di antiquariato ai vinili; passando per dipinti, gioielli fatti a mano, tessili e altri oggetti di vario tipo e genere. Conosciuto anche come “il mercato dei ricordi”, al Dry Bridge Market è frequente trovare anche tantissimi oggetti appartenenti all’era sovietica.

Se sei a caccia di souvenir ma non vuoi portare a casa la solita calamita, questo è il posto migliore per cercarli, la destinazione perfetta per catturare un ricordo unico e portarlo via con te. Non fermarti al primo prezzo che vedi: prova a contrattare con il venditore poiché spesso – e soprattutto per i turisti – i prezzi vengono aumentati appositamente.

Concediti anche il lusso di provare a parlare con loro; nonostante la barriera linguistica, i venditori sono spesso ben contenti di raccontare la storia dei propri pezzi o della propria passione, accompagnando gli acquirenti in un viaggio alla scoperta di nuove culture e di pezzi di vita altrui. Il Dry Bridge Flea Market di Tbilisi, oltre all’ampia offerta di oggettistica, ospita anche una piccola mostra all’aperto: gli artisti locali, in un parco lì nelle vicinanze, si ritrovano per esporre il proprio lavoro e vendere le proprie opere d’arte.

Dry Bridge Flea Market: qualche consiglio

Come avrai intuito, se sei in viaggio nella capitale della Georgia non puoi assolutamente esimerti dal fare un passaggio in questo caratteristico mercato delle pulci. Ecco quindi alcuni consigli pratici per organizzare al meglio la tua visita:

  • Orari di apertura: il Dry Bridge Flea Market è aperto 7 giorni su 7, ma il consiglio è di visitarlo nel weekend poiché è il momento della settimana in cui ci sono più venditori.
  • Come raggiungerlo: il mercato è facilmente raggiungibile sia a piedi che con i mezzi. Qualora optassi per la metro, la fermata più vicina è “Rustaveli”.
  • Compravendita: ricordati di portare con te dei contanti, molti venditori non possiedono POS o altri metodi per pagare con la carta. Inoltre, non aver paura di contrattare poiché è una pratica comune e rende l’esperienza davvero autentica.
  • Barriera linguistica: non tutti i venditori parlano inglese, preparati a trovare dei metodi alternativi per farti comprendere. Ne varrà sicuramente la pena.

Dintorni del Dry Bridge Flea Market: organizza al meglio la tua visita

Se stai organizzando la tua visita al mercato può esserti utile avere una panoramica completa dei suoi dintorni, così che tu possa organizzare nel modo più efficiente possibile il tuo itinerario per quella giornata. Ecco altre attrazioni da non perdere nei dintorni del Dry Bridge Flea Market:

  • Parco Dedaena: una piccola oasi verde nei pressi del mercato ideale per una passeggiata rilassante dopo lo shopping. Il parco offre ampi spazi e aree per sedersi e rilassarsi all’ombra delle fronde dei propri alberi.
  • Museo Nazionale della Georgia: con la sua vasta collezione di artefatti storici, è una tappa obbligata per chiunque sia interessato alla storia e alla cultura georgiana e si trova a breve distanza dal mercato.
  • Ponte della Pace: iconico ponte pedonale che attraversa il fiume Mtkvari, offre splendide vedute panoramiche sulla città vecchia.
  • Viale Rustaveli: viale ricco di negozi, caffè, ristoranti e altri edifici storici come il Teatro dell’Opera e del Balletto di Tbilisi e il Parlamento.
  • Chiesa di Kashveti: sempre in zona, puoi visitare la Chiesa ortodossa georgiana di Kashveti.
  • Galleria d’Arte Nazionale: per gli amanti dell’arte, sulla Rustaveli Avenue, si trova questa splendida galleria che ospita una collezione di arte georgiana, con opere che spaziano lungo un ampio continuum temporale.
  • Ristoranti e caffè tradizionali: nei dintorni del mercato puoi trovare numerosi ristoranti e caffè per scoprire l’autentica tradizione culinaria georgiana.

In sintesi, che tu sia un amante dei mercati delle pulci e ti piace passare ore a scovare offerte imperdibili e piccole gemme nascoste; o che tu sia un semplice visitatore che vuole immergersi nella cultura georgiana la tappa al Dry Bridge Flea Market a Tbilisi è d’obbligo.