Cosa vedere a Manchester: dagli stadi ai luoghi della rivoluzione industriale

La bellezza di Manchester, dai luoghi legati alla rivoluzione industriale alle grandi cattedrali dello sport

Viaggio nel tempo a Manchester, tra i resti delle rivoluzione industriale e lo splendore architettonico dei suoi quartieri.

Visitare Manchester vuol dire ritrovarsi in cui dei principali centri economici, sportivi e culturali del Regno Unito. Dimensioni ridotte, ideali per i turisti che hanno poco tempo a disposizione. Chi volesse però dedicare a questa città i giorni che merita per conoscerla a fondo, si ritroverà dinanzi un mondo ricco di sfaccettature.

Manchester è nota come la capitale della rivoluzione industriale, e chi volesse effettuare un viaggio nel tempo, attraverso luoghi cruciali per lo sviluppo dell’epoca moderna, avrà pane per i propri denti. È possibile prendere parte al tour guidato presso la Quarry Bank Mill, così da avere una visione sul mondo del lavoro nel XVIII secolo, riscoprendo una struttura che conserva ancora il proprio aspetto originale. È possibile percepire la storia trasudare dalle mura, passando dall’interno ai giardini esterni, apprezzando la struttura nella sua totalità, inserita nell’elenco del National Trust.

Quarry Bank Mill - Manchester

Quarry Bank Mill – Manchester

Per scavare a fondo nelle origini della città di Manchester è possibile recarsi a Castelfield. Vi sono qui i resti di un antico forte romano (Mamucium), così come del canale Bridgewater, risalente al 1761, noto per essere il primo vero impianti di tal genere mai realizzato al mondo. Quello che oggi è un quartiere quieto e ricco di locali, rappresenta anche il luogo scelto nel 1830 per la prima ferrovia per passeggeri al mondo, che andava da Manchester a Liverpool.

Impossibile evitare una visita presso la John Rylands Library, qualora si voglia effettuare un vero tour di Manchester, senza limitarsi alle celebri aree dedicate allo sport. Ci si ritroverà immersi in un vero e proprio capolavoro d’architettura vittoriana, mettendo in dubbio il fatto d’essere entrati in una libreria. Per dimensioni, stile e valore storico sembra quasi d’aver messo piede in una spettacolare cattedrale. Anche in questo caso il legame con la rivoluzione industriale è decisamente forte. Basti pensare che John Rylands, che vantava una fortuna di 2,75 milioni di pounds e morì nel 1888, era uno dei maggiori industriali della città. La biblioteca è in suo onore e venne commissionata da sua moglie.

John Rylands Library - Manchester

John Rylands Library – Manchester

Restando in ambito di grandi opere architettoniche, la Cattedrale di Manchester è una tappa imprescindibile. Risalente al XIII secolo, vanta opere di grande valore, realizzate in legno e risalenti al tardo Medioevo. Tanti i luoghi da ammirare, il che richiede di certo svariati giorni, in contrasto con quanto si possa pensare valutando le dimensioni della città.

Manchester è ricca di storia e merita d’essere scoperta nel dettaglio, per poi fare un salto nell’epoca moderna e gustare il patrimonio sportivo proposto da Manchester United e City. Dei veri appassionati non potranno evitare di far visitare allo storico Old Trafford, che ospita le gare dei Red Devils fin dal 1910. Un pezzo di storia della città, sito nel quartiere omonimo di Trafford. Dalla storia alla modernità, apprezzando lo stile moderno dell’Etihad Stadium, che ospita le gare del City dal 2003. In entrambi i casi si avrà modo di prendere parte a un tour guidato, ammirando campo, spogliatoi e tutto il dietro le quinte di un match di calcio, solitamente riservato ai protagonisti delle due squadre in sfida. Visita che si conclude in entrambi i casi con i ricchi musei, tra trofei e cimeli del passato.

Old Trafford - Manchester

Old Trafford – Manchester

Cosa vedere a Manchester: dagli stadi ai luoghi della rivoluzione&nbsp...