Cosa vedere a Bangkok, la città degli angeli

Bangkok: tour guidato alla scoperta delle infinite sfumature dell’Oriente, dal Buddha di Smeraldo al mercato di Chatuchak.

Bangkok, affascinante metropoli del sud est asiatico, è una tappa obbligata per chi vuole conoscere le infinite sfaccettature dell’Oriente, un mix di tradizioni e modernità in un’atmosfera mistica e pacifica. Negli ultimi anni ha conosciuto un rapidissimo sviluppo industriale ed economico che, tra alti e bassi, ha contribuito a fare di Bangkok una delle megalopoli più animate e produttive dell’Asia.

Bangkok, in passato conosciuta con il nome di Krungthep, “la città degli angeli”, sorge sulle rive del fiume Chao Phraya. Inizialmente, la città era un piccolo villaggio portuale chiamato Bang Makok, popolato da una comunità di immigrati cinesi che commerciavano con Ayutthaya, l’allora capitale del Siam. La sua posizione strategica non ha garantito solo facili scambi commerciali, ma anche quella sicurezza necessaria a far diventare Bangkok la capitale del regno, prima, e della Thailandia, oggi.

Decidere cosa fare a Bangkok non è difficile anche perché si tratta di una delle località più visitate dai turisti di tutto il mondo. La città offre innumerevoli attrattive turistiche, tra cui moltissimi templi e palazzi di grande valore storico e artistico oltre a una vasta scelta di strutture ricettive in grado di soddisfare ogni tipo di turista. Chi avrà modo di visitare Bangkok la troverà una splendida sintesi di tutte le sfumature che dipingono la Thailandia. Bangkok è una città da scoprire, che unisce il vecchio e il nuovo, in un connubio di antiche tradizioni e ritmi da città ultra-moderna.

La vecchia Bangkok è la zona racchiusa in un’ansa del fiume Chao Phraya, qui si trovano gli edifici più antichi, come il Gran Palazzo e i templi Buddhisti. Il Gran Palazzo Reale, una delle meraviglie di Bangkok e simbolo dell’intera Thailandia è un vasto complesso di pagode, tetti arancioni, cortili, porticati e templi decorati con bellissimi stucchi dorati e affascinanti vetri multicolori. Qui si può visitare il Wat Phra Kaew, il tempio reale, al cui interno è custodita la statua del Buddha Smeraldo, ricavato da un unico pezzo di giada e considerato l’oggetto religioso più sacro e venerato della Thailandia.

Proseguendo il tour dei templi buddhisti (Wat in thailandese) di notevole interesse è anche il Wat Pho, il monastero più antico della capitale, sede di una delle più importanti scuole di massaggio tradizionale thailandese e dove si trova il tempio dedicato al Buddha Sdraiato, una gigantesca statua i cui piedi sono interamente ricoperti di madreperla, o il famoso Wat Arun, un tempio molto suggestivo le cui torri sono ornate di splendidi mosaici di porcellane cinesi che consigliamo di visitare nelle prime ore del mattino, quando la luce del sole regala un meraviglioso gioco di luci e colori.

Per gli amanti dalla storia della città vale la pena visitare anche la casa di Jim Thompson, uno splendido edificio in legno di tek appartenente al famoso stilista americano che si trasferì a Bangkok negli anni cinquanta. All’interno della casa, oggi trasformata in museo, si può ammirare una pregiata collezione fatta di mobili antichi, sculture, porcellane e ceramiche orientali, oltre al rigoglioso giardino.

Da soli, in coppia o in famiglia è facile trovare cosa fare a Bangkok, una città in cui incontrare ogni tipo di persona e imbattervi in locali e attività commerciali molto diverse tra loro. Il quartiere di Siam Square è l’anima commerciale di Bangkok e al suo interno si concentrano moderni centri commerciali, negozi di elettronica e boutique esclusive, mentre la mecca gastronomica e del divertimento notturno è Khao San Road, ideale per gli appassionati dello street food. Centinaia di bancarelle propongono, infatti, un’infinità di specialità gastronomiche thai particolarmente a buon mercato, ma in alternativa sono presenti anche decine di ristoranti e locali con musica dal vivo.

Una parte della città che merita di essere visitata è Chinatown, uno dei quartieri più caotici e pittoreschi di Bangkok. La sua via principale si chiama Sampaeng Lane ed è parzialmente coperta e interamente pedonale, mentre nelle vie laterali si dirama un numero infinito di piccoli vicoli stracolmi di bancarelle e ristoranti che offrono ogni genere di prodotto. Un frenetico via vai di persone e carretti trainati a mano regala uno spaccato di vita che sembra appartenere ad un’altra epoca.

I mercati di Bangkok sono tra le attrattive turistiche principali della città. Da non perdere il mercato di Chatuchak, noto anche come weekend market, che è tra i più grandi mercati del mondo e che si tiene durante i weekend in uno spazio coperto molto vasto. Migliaia di bancarelle propongono merci provenienti da laboratori e artigiani locali e se desiderate fare acquisti a Bangkok, qui potrete trovare i prezzi più convenienti… ricordate, però, che la contrattazione è d’obbligo!

Pur essendo lontana migliaia di chilometri dall’Italia, la città di Bangkok, è relativamente semplice da raggiungere essendo ben collegata. La sua compagnia di bandiera Thai Airways è una delle migliori al mondo, ma i voli diretti sono molto costosi. Se invece non vi dispiace volare con uno scalo, le opzioni sono molteplici e decisamente più economiche, sebbene il viaggio si allunghi inevitabilmente di diverse ore.

Cosa vedere a Bangkok, la città degli angeli