Trinidad e Tobago, le perle delle Antille

Paradiso dell'ecoturismo, tra cascate, foreste pluviali e migliaia di specie animali e vegetali

Situate nell’arcipelago delle Piccole Antille, nel Mar dei Caraibi, a pochi chilometri dalle coste del Venezuela, le isole di Trinidad e Tobago sono le più grandi di un gruppo di isolotti caratterizzati da spiagge bianche, da un mare cristallino e da fondali mozzafiato.

Se siete alla ricerca di una vacanza all’insegna della biodiversità, questo è il paradiso terrestre che fa al caso vostro. Qui vivono 450 specie di uccelli, 620 diverse farfalle, 108 tipi di mammiferi e ben 55 differenti rettili. Inoltre in queste isole si possono attraversare foreste tropicali, visitare cascate e caverne, osservare le tartarughe sulla spiaggia e fare diving tra le acque limpide abitate da pesci colorati.

La capitale è Port of Spain e si trova sull’isola di Trinidad, che tra le due è la più moderna, anche se non mancano le bellezze naturali. Tobago è famosa per le sue splendide spiagge incontaminate e per la sua antichissima foresta pluviale ed è l’ideale per chi vuole fare ecoturismo, tanto da essersi aggiudicata alcuni premi (migliore destinazione ecologica al mondo e migliore destinazione naturale dei Caraibi).

L’attività turistica principale è il birdwatching, poiché su queste isole si trovano alcuni punti di osservazione naturali, come Little Tobago Island, che è anche circondata da un meraviglioso reef con 300 specie di coralli e 600 di pesci.

Tra i punti più belli di questo arcipelago c’è la Nylon Pool, una secca nel Buccoo Reef, che è un villaggio dove si praticano due singolari sport: la corsa delle capre e la corsa dei granchi.

Come arrivare
Le isole si raggiungono facilmente con voli diretti da Londra, Amsterdam e Francoforte oppure da New York e Miami. Sono collegate tra loro tramite ferry, che fanno la spola tra Port of Spain e Scarborough, o in aereo con soli 20 minuti di volo.

Quando andare
Se volete prenotare un viaggio in queste isole non vi dovete preoccupare del fatto che possano arrivare tempeste tropicali, perché grazie a delle strane correnti, Trinidad e Tobago sono risparmiate dagli uragani che imperversano in questa area del mondo.
Se cercate qualche occasione per andarci, il Carnevale potrebbe essere un ottimo motivo per fare un viaggio a Trinidad. Se invece volete approfittare delle tariffe scontate di aerei e alberghi, conviene scegliere la bassa stagione che va da metà aprile a metà dicembre. Questo è anche il periodo durante il quale le spiagge sono meno affollate.

Curiosità
Le isole di Trinidad e Tobago furono scoperte da Cristoforo Colombo nel suo terzo viaggio. Colombo diede il nome spagnolo Trinidad all’isola più grande in omaggio alla Santissima Trinità, mentre il nome Tobago viene dalla forma di sigaro dell’isola minore (in spagnolo tobaco).

Lo sapevate che nelle isole Trinidad e Tobago è prodotto il Legacy by Angostura, che è il rum più costoso del mondo?

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Trinidad e Tobago, le perle delle Antille