A Genova, nella pancia del sommergibile

Oltre al mare, al Porto Antico, ai vicoli e alle meraviglie dell'Acquario c'è un motivo in più

Oltre al mare al Porto Antico, ai vicoli e alle meraviglie dell’Acquario, c’è un motivo in più per visitare Genova. Un sommergibile, l’S 518 Nazario Sauro, il primo a essere musealizzato in acqua. Quasi 64 metri di lunghezza, 6.8 di larghezza sistemati a pochi metri dal Galata Open Air Museum, nella Darsena e al centro del mondo Acquario Village. Donato al capoluogo ligure dalla Marina Militare, il Sauro è stato restaurato a La Spezia fin nei minimi dettagli e messo a disposizione di curiosi e appassionati.

Trentasei visitatori alla volta, muniti di caschetto (e, per chi lo desidera, di audio-guida), qualche gradino e ci si ritrova nella pancia, in un universo difficile da descrivere a un non-sommergibilista. “Sono quasi quaranta anni che sono sposata con uno di loro – ci ha raccontato una signora durante la visita – ma fino a oggi non avevo la minima idea di cosa volesse dire vivere qui dentro”. Spazi e passaggi angusti, luce artificiale, rumori in sottofondo (sono stati riprodotti suoni ed effetti della navigazione), spie lampeggianti, ogni cosa ridotta al minimo indispensabile. Tutto da vedere e sentire con gli occhi e col cuore.

“Si inizia al terzo piano del Museo – ha spiegato Pierangelo Campodonico, direttore del MuMa e ideatore del percorso espositivo – dove è stata ricostruita una sezione interattiva che introduce i visitatori ai segreti dell’andar per mare a bordo di un sottomarino. Questa esperienza consentirà al visitatore di scoprire, ad esempio, quali erano le modalità di immersione e risalita del sommergibile, la vita a bordo, l’uso del periscopio e dell’idrofono”.

Chi entrerà nella pancia del signore del mare potrà sedersi sui sedili destinati ai quadri di comando, ascoltare la descrizione e il funzionamento dei vari ambienti: dalla camera di manovra all’alloggio sottoufficiali passando per il locale radio, la mensa, la cucina, gli alloggi fino alla camera di lancio dei siluri. La visita ha una durata media di circa 30 minuti, tanti ne servono per vivere appieno ogni angolo e ogni esperienza offerti dal Nazario Sauro. Per chi non potesse accedere al battello – disabili, donne in gravidanza, bambini al di sotto dei 4 anni – c’è una speciale sezione all’interno del Galata.

La visita al Nazario Sauro è inclusa in quella del Galata Museo del Mare, costa 17 euro. Il biglietto Acquario Village, che include la visita al Galata, al Nazario Sauro e all’Acquario di Genova ed è valido un anno dal momento dell’acquisto, costa invece 37 euro. L’orario di visita al sommergibile coincide con quello del Galata: dalle 10.00 alle 19.30 (ultimo ingresso, ore 18.00).

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

A Genova, nella pancia del sommergibile