Viaggio in Belgio: consigli su cosa fare e dove andare

Il Belgio è uno Stato ricco di attrazioni e cittadini affascinanti, come Bruges e Gant. Scopri in questo articolo cosa vedere in base al tempo a disposizione

Il Belgio è indubbiamente uno degli Stati europei tra i più interessanti da visitare, non solo per chi ama le capitali cosmopolite come Bruges e Bruxelles, ma anche per chi ama gli scenari naturalistici mozzafiato e l’arte, oltre ad amare la vita notturna e i locali più caratteristici di questo pezzetto di Europa. Tuttavia, proprio perché il Belgio è ricco di luoghi di interesse sotto ogni punto di vista, diventa ancora più difficile scegliere cosa vedere, soprattutto se non si hanno tantissimi giorni a disposizione.

Con un po’ di organizzazione però, e sapendo già prima di partire cosa vedere in Belgio e quali attrazioni mettere in cima alla lista dei luoghi imperdibili, è possibile andare alla sua scoperta anche se si hanno due, tre, quattro o cinque giorni al massimo a disposizione.

Belgio: cosa vedere assolutamente in pochi giorni

Il Belgio è uno Stato piuttosto piccolo che, con la giusta dose di organizzazione, può essere visitato in lungo e in largo anche se non si ha troppo tempo da dedicargli. È però uno Stato molto ventoso, quindi prima di partire è bene sempre portare con sé tutto l’occorrente per fronteggiarne il clima in modo da sfruttare al massimo i giorni a disposizione per visitarlo.

Indubbiamente, tra le cose da vedere in Belgio in 2 giorni c’è Bruxelles, la sua capitale: si tratta infatti di una città meravigliosa che custodisce il vero e proprio cuore dell’Europa, non a casa è qui che sorge il Parlamentarium, ma anche la Commissione Europea e il Consiglio dell’Unione Europea. Sempre a Bruxelles, da vedere in 2 giorni c’è senza dubbio il Grand Palace e il Manneken Pis, monumento nazionale, per poi spostarsi nella città di Bruges, quella che è stata ribattezzata la Venezia del Nord per il suo fascino.

Da non perdere qui la piazza principale dove si affaccia Belfort, la torre civica del XIII secolo che racchiude un carillon costituito da 47 campane. E poi ovviamente è da vedere il Begijnhof, protetto dall’UNESCO, con 30 casette bianche che oggi accolgono le suore benedettine e lo stupendo scenario dei mulini a vento che sorgono lungo il fiume.

Belgio: cosa fare in una settimana

Cosa vedere in Belgio se si hanno a disposizione più di 2 giorni? In un lasso di tempo che va dai 3-4 giorni fino alla settimana, è possibile visitare naturalmente altri luoghi caratteristici e davvero interessanti.

Da vedere è ad esempio la città di Anversa: qui sorgono tantissimi monumenti e luoghi storici da visitare, dalla cattedrale di Nostra Signora all’antica Chiesa di San Carlo Borromeo, dalla piazza del Grote Markt con il municipio fino al castello cittadino che si trova lungo le sponde del fiume Schelde. Luogo imperdibile anche il porto di Anversa, dove sorge il Museo Aan Den Stroom, ma anche il Museo di Rubens, famoso pittore originario proprio di questa zona, e il Brueghel Museum.

Queste sono tutte cose da vedere in Belgio in 4 giorni, mentre tra le cose da vedere in Belgio in 5 giorni o anche in una settimana, aggiungiamo senz’altro la cittadina di Gent che è raggiungibile passando attraverso la Werregarenstraat, una strada interamente impreziosita da graffiti. Qui è possibile passeggiare tra le stradine medievali e ammirare le diverse chiese, la Cattedrale e persino Belfort, una Torre di controllo.

Belgio cosa fare e cosa mangiare: le pietanze da non perdere

Se siete in partenza per l’affascinante Stato europeo e vi state chiedendo cosa fare in Belgio, oltre alle visite ai Museo e ai vari monumenti, allora segnatevi questi luoghi. Ad Anversa, accanto al Brueghel Museum, galleggia sull’acqua del fiume il Welton Wervaert, un bar ecosostenibile realizzato interamente con materiali di recupero, dove potrete sorseggiare succhi biologici o la tipica birra belga dal sapore intenso.

Cosa mangiare in Belgio? Senza dubbio oltre alle tipiche birre artigianali non potete perdervi un brunch da Le Pain Quotidien a Leuven, la cittadina universitaria: qui potrete gustare tantissimi prodotti biologici e assaporare la celebre birra Stella Artois nata proprio in questa città.

Tra le strade di Bruxelles invece dovete assolutamente assaggiare le gustose patatine fritte, cibo principe dello street food locale, vendute soprattutto nei baraque à frites, i tipici chioschetti dove gustare le tipiche patate fritte alla belga. Sempre a Bruxelles non mancano i waffles, anche qui venduti in chioschetti ambulanti, senza dimenticare il prelibato cioccolato spalmabile, una vera e propria istituzione in questa terra.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Viaggio in Belgio: consigli su cosa fare e dove andare