La Cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze

La Cattedrale di Santa Maria del Fiore è uno dei monumenti simbolo della città di Firenze: scopri come visitarla e cosa ammirare

La Cattedrale di Santa Maria del Fiore, meglio conosciuta come Duomo di Firenze, è una delle opere più magnificenti che si possano ammirare quando si visita il capoluogo toscano. La splendida costruzione gode di un fascino senza pari e di un impatto visivo decisamente stupefacente ed è facilmente visibile da ogni angolo della città grazie alla sua imponente cupola. Quello che viene comunemente indicato come Duomo di Firenze è in realtà composto da un insieme di edifici religiosi e strutture architettoniche che hanno visto la luce in epoche diverse, ovvero La Cattedrale di Santa Maria del Fiore, la Cupola del Brunelleschi, il Battistero di San Giovanni ed il Campanile di Giotto.

La Cattedrale di Firenze

Santa Maria del Fiore è un’imponente cattedrale in stile gotico che sorge sui resti dell’antica chiesa fiorentina di Santa Reparata. La prima pietra della Cattedrale fu posta nel 1296 su progetto di Arnolfo di Cambio e la sua costruzione fu più volte interrotta e ripresa nei secoli successivi passando sotto la direzione di diversi maestri quali Giotto, Francesco Talenti e Giovanni di Lapo Ghini e contando sul contributo di numerosi importanti artisti. La chiesa fu consacrata nel 1436 da parte di Papa Eugenio IV, subito dopo il completamento della Cupola di Brunelleschi.

Il duomo venne tuttavia arricchito nei secoli successivi di dettagli, affreschi, spazi e sculture: il volto finale della sua facciata fu ad esempio completato solo nel 1887, su progetto di Emilio De Fabris e prosecuzione lavori del suo allievo Luigi del Moro. Il Duomo di Firenze volle essere espressione della grandezza della città di Firenze, e seppur capace di stupire con le sue facciate esterne meravigliosamente decorate con marmi bianchi, rosa e verdi, sorprende con una semplice austerità una volta varcata la soglia. L’interno di Santa Maria del Fiore è modesto e denso di una spiritualità in grado di avvolgere il visitatore e lasciarlo senza parole.

Il senso di meraviglia profonda colpisce anche grazie all’ampiezza degli spazi e la bellezza disarmante delle opere che Santa Maria del Fiore racchiude tra i suoi tesori. Grandi nomi del panorama artistico italiano hanno infatti lasciato la loro firma tra queste mura. Paolo Uccello ha ad esempio dato vita al celebre orologio che sovrasta il portale d’ingresso della chiesa, raro esempio orologio risalente al 1443 che riporta l’hora italica, un particolare metodo di suddivisione del tempo che fa terminare le giornate al tramonto.

Celebri autori come Andrea Del Castagno e Domenico Michelino, o ancora Donatello e Ghiberti, hanno eseguito affreschi, vetrate sontuose, statue e decorazioni con un unico grandioso scopo comune: lasciare l’osservatore estasiato, per tutti i secoli successivi. L’opera che lascia più colpisce tuttavia si trova all’interno della cupola del Brunelleschi e si tratta dei bellissimi affreschi di Giorgio Vasari il quale ideò e realizzò uno strabiliante Giudizio Universale affrescato sulle volte della cupola, terminato in seguito alla sua morte da Federico Zuccari, suo allievo, nel 1579.

La Cupola del Brunelleschi

La stessa cupola di Brunelleschi è un’opera architettonica unica nel suo genere, i cui lavori proseguirono dal 1418 al 1434. L’innovazione del Brunelleschi fu quella di voltare la Cupola senza l’uso di armature, grazie ad una doppia volta con intercapedine, di cui quella interna con funzione strutturale autoportante e quella esterna solo di copertura. Sopra la cupola svettano la lanterna con copertura a cono realizzata su disegno dello stesso Brunelleschi e la palla di rame dorato contenente reliquie sacre, opera invece di Andrea del Verrocchio. Il modo migliore per godere dell’opera è quello di salire i 463 gradini del percorso che porta all’interno della struttura e permette di osservare architetture e affreschi davvero da vicino.

Il battistero di San Giovanni

Di fronte alla chiesa di Santa Maria del Fiore si erge il Battistero di San Giovanni. Frutto dell’ampliamento di un antico battistero risalente al IV-V secolo, l’opera è intitolata al santo patrono della città, ha una pianta ottagonale ed è sormontato da una cupola con otto spicchi mascherata all’esterno da un tetto a piramide.

Gli esterni in marmo lo rendono a dir poco splendido, ma ciò che maggiormente cattura l’attenzione quando si accede al battistero sono gli strabilianti mosaici che decorano la cupola, dominati dalla gigantesca figura di Cristo Giudice e da scene del giudizio universale. Il battistero è inoltre adornato da tre porte bronzee: la Porta Sud è stata realizzata nel IV secolo da Andrea Pisano mentre la Porta Nord e quella Est, sono opera di Lorenzo Ghiberti, coadiuvato dai suoi allievi di bottega. La porta Est è stata soprannominata da Michelangelo la Porta del Paradiso, ed è un vero e proprio capolavoro rinascimentale.

Il Campanile di Giotto

Adiacente al Duomo, il Campanile di Giotto è una testimonianza eccezionale dell’architettura gotica fiorentina che venne iniziato dall’artista nel 1334. Alto ben 84.70 metri e largo circa 15, alla morte di Giotto l’edificio fu proseguito da Andrea Pisano e da Francesco Talenti e la sua decorazione interna ed esterna vede la partecipazione di artisti quali Luca della Robbia e Alberto Arnoldi.

Per completare una visita del Duomo di Firenze si può scendere nei suoi sotterranei per visitare i resti dell’antica cripta di Santa Reparata ed esplorare poi il Museo dell’Opera del Duomo situato sul lato nord-est della Piazza del Duomo e custode di centinaia di opere d’arte provenienti dal complesso sacro. E’ possibile accedere all’intero complesso del Duomo con un unico biglietto di ingresso che comprende la Cattedrale, il Battistero, la Cupola, il Campanile, la Cripta ed il Museo che ha un costo di 18€ per gli adulti e di € 3 per bambini tra i 6 e gli 11 anni, ed è gratuito per bambini di età inferiore ai 6 anni.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La Cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze