Villajoyosa, la colorata città spagnola che si affaccia sul mare

Perla della Costa Blanca, 'la città gioiosa' conquista per le vivaci case colorate, le magnifiche spiagge, il clima invidiabile e tradizioni uniche

È Villajoyosa per i castigliani, La Vila Joiosa per i valenciani, ma per i suoi abitanti è semplicemente La Vila. Comunque la si chiami, resta la “città gioiosa”, un nome che riassume alla perfezione la vivacità della gente del posto, enfatizzata dai colori delle case che fanno sorridere gli occhi ad ogni angolo. Una splendida località spagnola con una forte vocazione marinara, perennemente baciata dal sole. Una destinazione che attrae visitatori da ogni parte del mondo per le magnifiche spiagge, il clima invidiabile e tradizioni che la rendono davvero unica.

Villajoyosa, perla della Costa Blanca baciata dal sole

Perla della Costa Blanca, Villajoyosa dista circa 30 km a nord da Alicante e 150 km a sud di Valencia. I motivi per cui si ama questa città sono innumerevoli. A cominciare dalla sua posizione privilegiata, che le regala una temperatura piacevole per tutto l’anno.

Lo si deve alle catene Aitana e Puig Campana, le cui cime si intravedono dal centro cittadino, che fanno da barriera contro i venti del nord che sferzano la costa durante l’inverno, isolando e proteggendo naturalmente questo scrigno di attrazioni imperdibili. Il che favorisce anche il prolungamento della stagione turistica dalla primavera all’autunno inoltrato, quando è ancora piacevole bagnarsi in acque che conservano l’elevata temperatura raggiunta in estate.

Meno caotica e affollata della vicina Benidorm, Villajoyosa offre una dimensione più raccolta e tranquilla, perciò è senza dubbio la meta ideale per chi desidera una vacanza all’insegna del relax, in coppia o in famiglia. A rendere la città così affascinante e pittoresca sono le vivaci tonalità delle case che si affacciano sul centro storico o lungo il litorale, una caratteristica comune ad altri borghi e isole del Mediterraneo, frutto dell’antica tradizione marinara secondo cui i pescatori potevano riconoscere le loro dimore dai colori, orientandosi al rientro dalla navigazione.

In vacanza a Villajoyosa, tra spiagge e cioccolato

La storia di questa città la si può ripercorrere in ciò che resta della sua cinta muraria, che ci racconta come nel Medioevo sia stata ambita da aragonesi e arabi, nella chiesa-fortezza di Nuestra Señora de la Asunción in stile gotico, che ne incarna il passato alla perfezione, e nel Vilamuseu, che ospita una vasta collezione di gioielli fenici, iscrizioni romane e pezzi dell’antico Egitto, greci e iberici.

Il centro storico di Villajoyosa è un dedalo di viuzze pittoresche, con le mura coronate delle facciate multicolori che si affacciano sul fiume Amadorio, degradando verso il lungomare e regalando scorci particolarmente suggestivi. Vi si respira un’atmosfera da città operaia spagnola, ma non mancano servizi e strutture per i vacanzieri, tra negozi, bar e ristoranti, e un vivace mercato del pesce.

La Vila vanta splendide spiagge che si estendono per oltre tre chilometri e mezzo, da Playa del Centro e Playa del Paradís, entrambe Bandiera Blu, più vicine al centro storico alla spiaggia, al lido De Torres, dalle acque trasparenti, dove si possono ammirare le vestigia della torre della Cruz e di quella di Sant Josep, conosciuta come Torre di Ercole. Altrettanto affascinante la Playa del Xarco, una piccola baia con una torre difensiva arroccata su un promontorio, e Cala Mallaeta, incantevole insenatura circondata da scogliere e apprezzata dai naturisti.

Il vero orgoglio di Villajoyosa è, però, la storica industria del cioccolato creata nel 1881, che ha dato vita al marchio Valor presente in tutta la Spagna. Seguendo l’aroma del cacao, si possono visitare gratuitamente, tra gli altri, il Valor Chocolate Museum, e le fabbriche di cioccolato Clavileño e Chocolates Pérez.

Gli amanti del trekking e delle passeggiate nella natura troveranno percorsi e sentieri ben tracciati lungo la costa, da fare a piedi o in bicicletta, godendo di panorami magnifici. Se vi dovesse, infine, capitare di visitare la città gioiosa a luglio, non perdetevi il festival “Los Moros y Cristianos” (che coincide con l’ultima settimana del mese), celebrato da oltre 250 anni in onore di Santa Marta, che avrebbe aiutato la città a impedire l’attacco dei pirati berberi.