A Milano è boom di turismo, anche grazie a Taylor Swift

Il 13 e il 14 luglio presso lo stadio San Siro si terranno due concerti di Taylor Swift e Milano si prepara a una vera e propria invasione di turisti

Foto di SiViaggia

SiViaggia

Redazione

Il magazine dedicato a chi ama viaggiare e scoprire posti nuovi, a chi cerca informazioni utili.

Può un evento musicale di portata internazionale cambiare completamente il volto turistico di una città? Assolutamente sì: sta succedendo nella nostra Milano, dove Taylor Swift, una delle artiste di maggior successo nella storia della musica pop contemporanea, terrà due imperdibili concerti a San Siro, il 13 e il 14 luglio di quest’anno. Ecco cosa sta accadendo nella Capitale mondiale della moda e del design.

Oltre +250% le prenotazioni a Milano durante il tour

Sì, avete letto bene: si registra oltre un +250% per le prenotazioni a Milano in vista del tour di Taylor Swift, poiché nella città della Madonnina è previsto l’arrivo di numerosi fan da tutto il mondo. Ad aumentare vertiginosamente sono senza dubbio i viaggiatori italiani che arrivano per assistere ai concerti della regina del Pop internazionale, ma a mettersi in viaggio sono anche gli stranieri, soprattutto gli statunitensi.

Ad affermare quanto appena detto sono gli ultimi dati di Airbnb: le prenotazioni effettuate nel 2023 e nei primi mesi del 2024 per venire a Milano durante il Tour 2024 di Taylor Swift sono cresciute di oltre il 250% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Considerando anche i fan provenienti dall’estero, più di 1 prenotazione su 4 a livello globale arriva dagli Stati Uniti, con un aumento di quasi il 600% dei turisti statunitensi rispetto allo stesso periodo a luglio dello scorso anno.

Più di due terzi delle notti prenotate dagli americani durante le date del tour di Taylor in Europa sono di donne. Inoltre, quasi un terzo delle notti durante il tour nelle destinazioni europee sono state prenotate da americani. La musica di Taylor Swift, infine, affascina le generazioni in modo trasversale, anche se sono soprattutto i Millennial (47%) a prenotare in Europa durante le date dei suoi concerti, mentre solo il 14% della Gen Z americana sembra spinta a viaggiare oltreoceano per assistere dal vivo alle esibizioni della cantante.

Gli Swifties arrivano da ogni parte del mondo

Si fanno chiamare Swifties e sono i fan più caldi di Taylor Switf, al punto da seguirla quasi ovunque. Stando ai dati di Booking.com, in città ne arriveranno tantissimi, tutti pronti a vivere un’esperienza indimenticabile. Secondo l’agenzia di viaggi online olandese per la prenotazione di alloggi, infatti, le ricerche di soggiorni a Milano sono aumentate del 15%. Sebbene questo possa non sembrare molto, è invece notevole considerando la popolarità della città (seppur cresciuta notevolmente negli ultimi anni) come destinazione di viaggio.

Ma non è tutto, perché Booking ha messo a disposizione anche i dettagli sull’aumento delle ricerche dai vari Paesi, che dimostrerebbero quanto sia globale e senza confini la febbre da Taylor Swift:

  • Italia: +66%;
  • Croazia: +89%;
  • Grecia: +33%;
  • Spagna: +30%;
  • USA: +12%.

Raddoppiano anche le prenotazioni dei treni

C’è anche un ulteriore studio che dimostra l’incredibile corsa dei turisti a Milano per assistere al concerto di Taylor Swift: secondo un’analisi condotta da Trainline, app per l’acquisto di biglietti di treni e pullman, le tratte che collegano Milano con Napoli e Roma, hanno registrato un aumento quasi doppio di prenotazioni (del 117% e del 92%) durante la settimana del concerto, rispetto alla settimana precedente. Un’altra rotta con un incremento più che significativo è la Milano-Firenze, che ha visto crescere il numero di passeggeri del 69%.

Infine, ci sono anche le elaborazioni dell’ufficio studi di Confcommercio Milano: dal 12 al 14 luglio l’occupazione alberghiera segna un +4% e gli affitti brevi +11%.