Visto turistico per il Brasile: dove richiederlo, costi e durata

Visto turistico per il Brasile: quando serve, dove si richiede, quanto costa e qual è la validità di questo permesso per andare in vacanza in Sud America

Il visto turistico per il Brasile, grazie a particolari accordi diplomatici tra i Paesi, non è necessario per i cittadini con passaporto italiano che si recano in Sud America in vacanza per un periodo non eccedente i 90 giorni. Questo periodo può essere tranquillamente esteso a 180 giorni con la sola presentazione del passaporto. La polizia federale potrebbe chiedervi di mostrare il biglietto aereo di ritorno e i mezzi di sostentamento per restare in Brasile, cioè contanti o carte di credito. La legge brasiliana è molto elastica per quello che riguarda i viaggi a scopo turistico.

Questo tipo di viaggi sono considerati ricreativi e senza scopi immigratori. Nel caso in cui il soggiorno debba prolungarsi è bene recarsi alla polizia federale con passaporto e biglietto di ritorno prima della scadenza dei 180 giorni. Tutte le informazioni riguardo il rilascio e la proroga del visto turistico sono reperibili presso la sede o il sito web del Consolato Generale di Milano. Al momento dell’ingresso in Brasile bisogna rispondere a una serie di domande scritte inerenti le motivazioni del viaggio. Una copia va consegnata alla dogana all’ingresso del Paese e una all’uscita.

Per motivi quali matrimonio, investimenti e trasferimento di pensione è possibile richiedere un visto permanente per vivere in Brasile. In caso di lavoro, stage, studio, attività sportive, missioni religiose e attività giornalistiche si dovrà richiedere un visto temporaneo. Per i viaggi d’affari in Brasile bisogna presentare anche una lettera della propria azienda che dichiari scopo e durata del soggiorno in territorio brasiliano. I visti per soggiorno temporanei possono essere richiesti allegando alla domanda, il passaporto, due foto tessere recenti e a colori, oltre che la dichiarazione della polizia che attesti l’assenza di precedenti penali.

Servono inoltre gli esami medici che confermino il buono stato di salute e una polizza di assicurazione sanitaria. Il Brasile è una meta molto frequentata dai turisti italiani che la scelgono come destinazione ideale delle proprie vacanze invernali. I mesi più gettonati sono gennaio, febbraio e marzo anche perché il periodo combacia con la stagione estiva. Ovviamente, vista l’estensione del Paese, il clima è diverso da zona a zona. Gli italiani amano la parte nord orientale, nella zona di Fortaleza .

Visto turistico per il Brasile: dove richiederlo, costi e durata