La magia di Bruges, cuore medievale delle Fiandre

Capoluogo delle Fiandre occidentali, Bruges è una delle principali mete turistiche del Belgio, nota per l’ atmosfera incantevole di canali, piazze e chiese

La fiabesca città belga di Bruges è il capoluogo delle Fiandre Occidentali, oltre ad essere una delle principali attrazioni turistiche del Belgio grazie al suo incredibile patrimonio culturale e alla sua architettura inconfondibile che ogni anno conquistano tantissimi turisti provenienti da tutto il mondo. Situata nella Comunità fiamminga del Belgio (Vlaamse Gemeenschap), una delle tre comunità federali nelle quali è suddiviso lo Stato, la città di Bruges presenta un incredibile centro storico medievale, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2000.

Proprio il centro di Bruges è una delle principali attrazioni di tutto il Belgio soprattutto per i famosi reien, i canali, utilizzati in origine per il trasporto delle merci, che ne circondano gli antichi palazzi e che donano alla città un’atmosfera davvero incantevole. Vi consigliamo di salire a bordo di una delle innumerevoli imbarcazioni che viaggiano lungo i canali per percorrere il centro storico in una maniera originale… non ve ne pentirete perché dall’acqua è possibile osservare al meglio le meraviglie architettoniche della città ed esplorarne angoli inediti. Se, invece, preferite spostarvi sulla terraferma, potete anche affittare una bicicletta, un altro mezzo assai popolare per visitare Bruges.

Una delle principali attrattive di Bruges è senza dubbio la piazza del Mercato – chiamato Markt – che da sempre ha caratterizzato la vita cittadina e del quale si ha traccia documentale a partire dall’anno 1.000 e che ancora oggi costituisce il più importante centro di vendita di manufatti artigianali locali. Sulla piazza svetta un’importante torre medievale del 1200, il Beffroi (Belfort), uno dei simboli indiscussi della città. La torre, alta ottantatre metri e leggermente pendente, vanta la presenza di un bellissimo carillon costituito da quarantasette campane.

Le piazze di Bruges, brulicanti di persone a piedi e in bicicletta, ne costituiscono il cuore pulsante: vi consigliamo di visitare la piazza di Burg (di cui potrete avere una visione d’insieme davvero mozzafiato dal Beffroi!), sulla quale si affacciano molti edifici di grande rilevanza storico-architettonica. Tra questi spicca indubbiamente il Palazzo Municipale, in stile gotico brabantino, il più antico edificio del Belgio e che venne edificato a cavalo dei secoli XIV e XV al posto del preesistente castello dei conti di Fiandra.

Sulla piazza del Burg svetta, inoltre, l’Heilig-Bloedbasiliek, la Basilica del Santo Sangue, edificata nel XII secolo e caratterizzata da uno stile architettonico misto di romanico, gotico e rinascimentale, a causa dei successivi e progressivi rifacimenti. La basilica deve il proprio nome a una veneratissima reliquia in essa contenuta, il prezioso sangue di Cristo, che secondo la leggenda sarebbe stato raccolto da Giuseppe di Arimatea e trasportato sino a Bruges dal conte di Fiandra Teodorico d’Alsazia.

A circa seicento metri dalla basilica del Santo Sangue si trova la bellissima chiesa di Nostra Signora, esempio fulgido dello stile gotico brabantino, la quale ospita la meravigliosa scultura della Madonna col Bambino di Michelangelo, che vi consigliamo vivamente di andare ad ammirare dal vivo! A due passi troviamo l’altrettanto incantevole cattedrale di San Salvatore, la cui costruzione, iniziata nel 1250, ha richiesto circa tre secoli per essere completata. La cattedrale rappresenta il più antico esempio di edificio religioso in stile gotico non solo di Bruges, ma di tutto il Belgio ed è dotata di un’imponente torre di quasi cento metri.

Nella stessa area non perdetevi il Groeningenmuseum, il principale museo cittadino di Bruges, nel quale vengono ospitate numerose collezioni dedicate all’arte fiamminga e belga e tra le quali spicca senza dubbio quella dedicata ai Primitivi fiamminghi. Tra i principali artisti presenti vi segnaliamo Jan Van Eyck, Hyeronimus Bosch, Hugo van der Goes e Jan Provoost. Il museo include anche collezioni dedicate all’arte rinascimentale, a quella barocca sino a giungere all’espressionismo e al simbolismo.

La magia di Bruges, cuore medievale delle Fiandre