Kunstmuseum: tutte le informazioni per la tua visita

Al museo statale del Principato del Liechtenstein, simbolo della capitale Valduz, si incontrano 130 anni di arte moderna e contemporanea internazionale

Foto di Marialuisa Urbano

Marialuisa Urbano

Giornalista specializzata in Travel

Giornalista, autrice, conduttrice radiofonica, Blogger e SMM. Ama i viaggi zaino in spalla, la vita all’aria aperta, gli animali e lo sport.

Il Kunstmuseum Liechtenstein è il museo statale di arte moderna e contemporanea. Con la sua architettura iconica e la facciata scura e riflettente, dal 2000 è un punto di riferimento distintivo di Vaduz e contribuisce in modo significativo al profilo internazionale del Liechtenstein. La collezione comprende arte internazionale dal primo modernismo ai giorni nostri, con particolare attenzione a sculture, installazioni e oggetti. Invece di un’esposizione permanente della collezione, il Museo presenta formati espositivi mutevoli, che consentono sempre un nuovo dialogo con le opere della collezione.

Con mostre su temi di attualità, esposizioni a scelta dell’artista o mostre personali, il Kunstmuseum mira a far appassionare il proprio pubblico alla moltitudine di storie diverse racchiuse nella sua collezione. Il museo stesso è un’opera d’arte: il suo iconico edificio cubico in pietra nera è ormai un punto di riferimento della città di Vaduz. Inoltre, si trova su una collina che domina la capitale e offre una vista panoramica mozzafiato sul Liechtenstein e sulle Alpi svizzere.

Kunstmuseum Liechtenstein
Fonte: iStock
L’iconica facciata del Kunstmuseum Liechtenstein di Vaduz

La storia del Kunstmuseum

Nel 1967 il Principato del Liechtenstein ricevette in dono dieci dipinti, che l’anno successivo portarono alla fondazione della Collezione d’arte dello Stato del Liechtenstein. Il primo curatore della collezione fu il Dr. Georg Malin, artista, storico, storico dell’arte e politico del Liechtenstein. Ben presto ampliò la collezione includendo l’arte moderna e contemporanea internazionale. La costruzione del Kunstmuseum, così come si presenta oggi, è stata realizzata grazie al sostegno di un gruppo di donatori privati.

Insieme al governo del Liechtenstein e alla città di Vaduz, gli architetti svizzeri Morger, Degelo e Kerez hanno progettato e realizzato la costruzione del museo. Nell’agosto 2000 l’edificio è stato ufficialmente donato al Principato del Liechtenstein come regalo per il millennio, e il Governo ha istituito una fondazione pubblica per la gestione del museo. Il Kunstmuseum Liechtenstein è stato inaugurato ufficialmente il 12 novembre 2000.

Da maggio 2015, il Kunstmuseum Liechtenstein è stato ampliato grazie al nuovo edificio espositivo, a forma di cubo, della Hilti Art Foundation e arricchito da una collezione d’arte privata di prima classe e di fama internazionale. Concepito dallo studio Morger Partner Architekten di Basilea, l’edificio forma una presenza unitaria con il Kunstmuseum Liechtenstein direttamente adiacente. La forma cubica, la costruzione e il materiale della facciata riflettono i legami comuni delle due istituzioni sotto l’egida di un unico museo.

Come ulteriore segno di unione, l’accesso ai nuovi spazi espositivi avviene attraverso un ingresso condiviso con il Kunstmuseum Liechtenstein e un unico biglietto. Dal 1996 al 2021, il Dr. Friedemann Malsch è stato direttore della Collezione Statale d’Arte e successivamente del Kunstmuseum Liechtenstein. Letizia Ragaglia gli è succeduta il 1° luglio 2021.

Cos’è la Hilti Art Foundation

Dagli anni ’70 i membri della famiglia Hilti sono attivamente impegnati nella raccolta d’arte. Lo sviluppo sistematico e la crescita a lungo termine della collezione con opere d’arte di prima classe sotto gli auspici di una fondazione (Hilti Art Foundation) sono iniziati all’inizio degli anni ’90. La collezione della Hilti Art Foundation contiene attualmente circa 500 dipinti, sculture, oggetti e fotografie dal periodo del modernismo classico fino ai giorni nostri. Dopo più di vent’anni dedicati all’attività collezionistica, Cubismo, Futurismo, Espressionismo e Surrealismo, sono emersi come punti focali chiaramente riconoscibili e sempre più importanti della raccolta. Singoli artisti come Kirchner, Picasso, Beckmann e Giacometti o Fontana, Graubner, Knoebel, Scully e Struth sono rappresentati ciascuno con diverse opere.

Una caratteristica delle collezioni private è che riflettono gli interessi individuali dei rispettivi collezionisti, il loro approccio altamente personale all’arte. Ciò vale anche per la collezione della Hilti Art Foundation. Nata da un desiderio di bellezza e piacere estetico – che esclude il brutto, ma consente comunque l’esplorazione dell’abisso all’interno del bello – la collezione è caratterizzata da spiccate qualità sensuali, soprattutto nella pittura.

Allo stesso tempo, però, è guidato da una consapevole percezione dei cambiamenti formali e concettuali avvenuti nell’arte della fine dell’Ottocento e dell’intero Novecento. Attraverso ogni singola opera d’arte, ogni singolo artista, la collezione richiama l’attenzione su un’epoca che abbraccia quasi un secolo e mezzo in cui gli individui si interrogano come mai prima d’ora sulle capacità e sulle conseguenze della propria esistenza, così come dell’arte stessa e delle sue possibilità di espressione estetica. L’obiettivo della raccolta è quello di ampliare continuamente e diffondere pubblicamente la comprensione di questa epoca.

Cosa vedere al Kunstmuseum

Il Kunstmuseum Liechtenstein, a Vaduz, ospita una vasta collezione di arte moderna e contemporanea. Ti aspettano 130 anni di storia dell’arte, con opere che spaziano dal XIX secolo ai giorni nostri. Tra i punti salienti della collezione figurano:

  • Arte povera: il museo vanta una delle collezioni più importanti di arte povera, con opere di artisti come Jannis Kounellis, Giuseppe Penone e Gilberto Zorio.
  • Arte tedesca e austriaca: la collezione comprende opere di artisti tedeschi e austriaci di spicco, tra cui Max Beckmann, Ernst Ludwig Kirchner e Egon Schiele.
  • Arte americana: con una significativa collezione di opere di artisti come Andy Warhol, Jasper Johns e Robert Rauschenberg.
  • Arte svizzera: la collezione comprende opere di artisti di fama internazionale come Ferdinand Hodler, Alberto Giacometti e Meret Oppenheim.

Oltre alla collezione permanente, il Kunstmuseum Liechtenstein organizza regolarmente mostre temporanee di arte moderna e contemporanea. Il museo ospita anche un centro educativo con un’ampia varietà di programmi per bambini e adulti, mentre la galleria laterale offre il suo spazio per eventi, progetti, approfondimenti ed esperienze condivise. L’interdisciplinarità, la diversità, la sostenibilità e l’inclusione sono valori cruciali per il Kunstmuseum Liechtenstein, valori che si riflettono anche nella programmazione, compresa l’offerta di educazione artistica.

Il nostro consiglio: se hai poco tempo, concentrarti sulle opere della collezione permanente che ti interessano di più. Il museo offre anche delle audioguide che possono fornire informazioni aggiuntive sul patrimonio in mostra.

Vaduz
Fonte: iStock
Vaduz è una città a misura d’uomo e con una vasta rete ciclabile

Informazioni utili:

Indirizzo: Städtle 30, 9490 Vaduz, Liechtenstein
Orari di apertura: Martedì-domenica, 10:00-18:00; chiuso il lunedì
Biglietto:  Adulti CHF 20; Ingresso ridotto: CHF 15; Ingresso gratuito per bambini sotto i 12 anni

Come arrivare:

  • In auto: Il museo si trova a circa 1 ora di auto da Zurigo e a 2 ore da Milano.
  • In treno: La stazione ferroviaria più vicina è Sargans, in Svizzera. Da lì, si può prendere l’autobus per Vaduz.
  • In autobus: Ci sono autobus regolari da Zurigo, Coira e Sargans a Vaduz.

Come arrivare a Vaduz:

  • In aereo: l’aeroporto più vicino a Vaduz è quello di Zurigo, in Svizzera, che dista circa 1 ora di auto.
  • In treno: la stazione ferroviaria più vicina è Sargans, in Svizzera. Da lì, si può prendere l’autobus per Vaduz.
  • In autobus: ci sono autobus regolari da Zurigo, Coira e Sargans a Vaduz.
  • In auto: Vaduz si trova a circa 1 ora di auto da Zurigo e a 2 ore da Milano.