Bangkok, la capitale della Thailandia tra futuro e tradizione

La capitale della Thailandia è tra le città più enigmatiche dell’Asia. Facciamo un viaggio a Bangkok, dove si scontrano tradizione e modernità

Chi visita per la prima volta Bangkok rimane colpito dalle tante contraddizioni che coesistono nella città. La capitale della Thailandia è la città più enigmatica dell’Asia sud-orientale, sospesa tra passato e futuro. Con i suoi otto milioni di abitanti, Bangkok è una città che non dorme mai, affascinante, eccitante e davvero incredibile da visitare.

Sembra impossibile che lo Sky train, un’avveniristica ferrovia sovraelevata lunga quasi 30 km conviva con il tuk-tuk, il tipico taxi a tre ruote diventato uno dei simboli della città. Bangkok è questo: antico e moderno che si amalgamano per dare vita alla più irresistibile capitale del sud-est asiatico.

Cosa vedere a Bangkok

Bangkok è una città che offre tanto al turista, accontentando sia i viaggiatori moderni, che ne apprezzano l’atmosfera cosmopolita, che quelli più tradizionalisti, che rimangono affascinati dai templi e dal Palazzo Reale.

La città è divisa in due dalla ferrovia, da una parte c’è la zona più antica, ricca di templi, e dall’altra c’è la zona più moderna, priva di grosse attrattive turistiche.

Il tempio più antico della città è il Wat Pho, la casa dell’enorme Buddha sdraiato, alto 15 metri e lungo 46, interamente ricoperto d’oro. Il Wat Saket, invece, è il tempio buddista in cima al Golden Mount, la montagna dorata. La salita di 318 gradini vi porta su una collina dove troverete monaci e fedeli in preghiera. Il panorama su tutta la città è da mozzare il fiato. Altri templi da visitare sono il Wat Mangkon Kamalawat, tempio in stile cinese dedicato al buddismo mahayana, e il Wat Traimit che custodisce un buddha in oro massiccio alto tre metri.

Bangkok, la capitale della Thailandia tra futuro e tradizione

Il simbolo di Bangkok è però il Wat Phra Kaew, un enorme complesso di templi e palazzi, all’interno del quale troviamo anche il Palazzo Reale, l’antica residenza del sovrano. L’attrattiva principale del tempio è il Buddha di Smeraldo, tra gli altri palazzi, il Palazzo Borombhiman, il Palazzo Amarindra, il Chakri Mahaprasat e il Palazzo Dusit.

Siam Square è il fulcro della parte moderna della città, con centri commerciali, grattacieli e grandi arterie che costituiscono il centro finanziario di Bangkok.

Il Parco Lumphini è, invece, il polmone verde della città, ideale per trascorrere qualche ora di relax durante le visite, lasciandosi trasportare dall’atmosfera di pace e di quiete che si respira.

A Bangkok ci sono anche musei, il National Museum è il più grande del sud-est asiatico, da visitare anche il Museum of Siam e la National Gallery.

Bangkok, la capitale della Thailandia tra futuro e tradizione

La nightlife di Bangkok

Bangkok è famosa anche per la sua vita notturna. Un tempo, la città offriva soprattutto trasgressione e divertimento a luci rosse, oggi, invece, Bangkok permette a tutti di vivere la notte in modo da soddisfare qualsiasi esigenza. Si va dal mercato notturno ai rooftop bar, ai locali dove sorseggiare cocktail accompagnati da musica dal vivo.

I quartieri a luci rosse sono tre: Soi Cowboy ad Asok, Nana Plaza a Sukhumvit e Soi Patpong a Silom. Qui, tra spettacoli di lap dance e ragazze che si offrono alla clientela maschile, si passa la notte all’insegna della trasgressione più sfrenata.

Se, invece, vi interessa solo ballare e divertirvi, la città è piena di ristoranti, pub e discoteche dove passare la serata. Il quartiere più pittoresco di tutti è Chinatown, dove potete trovare una perfetta combinazione tra shopping, buon cibo e musica.

Una componente fondamentale della vita notturna thailandese è costituita dai mercati. Qui non solo potrete passeggiare scoprendo colori e profumi del posto, ma potete acquistare quello che desiderate, accompagnati dalla musica e sorseggiando un drink.

Non mancano i teatri, dove assistere a spettacoli tradizionali in maschera Khon o la tipica danza folkloristica thailandese Likay. Gli appassionati di sport non possono perdere un incontro di thai boxe, arte antica e molto importante per tutto il Paese.

In barca lungo il fiume di Bangkok

Molto suggestive anche le escursioni in barca lungo il fiume di Bangkok, per percorrere i tanti canali della città e viverla da un altro punto di vista. Durante la traversata, avrete la possibilità di vedere un volto nuovo di Bangkok e assistere a scene di vita quotidiana lungo il fiume. Esistono 5 linee di battelli e traghetti, di cui una esclusivamente turistica. Le fermate sono tante, per cui si possono usare i battelli anche per evitare il traffico e raggiungere i luoghi da visitare.

Bangkok, la capitale della Thailandia tra futuro e tradizione

Escursioni a Phuket e Chiang Mai

Da Bangkok è possibile anche fare delle escursioni nella vicina Phuket, tra sabbia dorata e acqua cristallina. Quest’isola della Thailandia è perfetta per rilassarsi ma anche per fare shopping nel mercato coperto di Karon Beach, oppure per visitare una delle circa quaranta statue di Buddha sparse per tutta l’isola.

Un’altra escursione da fare è sicuramente quella a Chiang Mai, che è la seconda città della Thailandia. Situata nel nord, offre tantissime possibilità ai visitatori: dalle escursioni a dorso di elefante alle mini crociere sul fiume, dallo shopping alla scoperta dei parchi naturali. E poi templi, mercatini notturni e tante specialità gastronomiche da provare.

Cosa devi sapere prima di visitare Bangkok

Prima di partire per Bangkok, è fondamentale conoscere alcune cose, per evitare di trovarsi impreparati una volta sul posto. Portate con voi sempre una mappa cartacea, in modo da avere sempre sotto controllo dove andare e non temere che possa scaricarsi la batteria del tablet o dello smartphone.

Il clima di Bangkok è influenzato fortemente dai monsoni, la media delle temperature è di circa 31 gradi, la minima non scende mai sotto i 21 gradi. Le stagioni sono tre: quella delle piogge, da metà maggio alla seconda metà di ottobre, la stagione fresca, da metà ottobre a metà febbraio, e la stagione calda, da metà febbraio a metà maggio. Il mese con il numero di precipitazioni più alto è settembre.

A Bangkok si parla il thailandese e l’inglese, per cui non ci sono problemi a comunicare.

La moneta thailandese è il baht, che corrisponde a circa 0,026 euro. Bangkok non è molto costosa ed è possibile prelevare baht dai numerosi bancomat presenti in città, con una carta di credito internazionale. Informatevi prima, con la vostra banca, sul costo delle commissioni all’estero, per non avere spiacevoli sorprese al momento dell’estratto conto.

Come arrivare a Bangkok

L’aeroporto di Bangkok è il Bangkok International Airport, chiamato anche Suvarnabhumi, che si trova a circa 30 chilometri dal centro della città. Uno dei modi più veloci per arrivare è il taxi, che è anche molto più economico rispetto ai taxi in Italia. In 40 minuti, sarete giunti a destinazione. Altrimenti, ci sono diversi autobus pubblici che, al costo di circa 1 euro, vi porteranno in centro, ma il viaggio dura circa due ore. La linea di autobus privati impiega 30 minuti e costa circa 5,50 euro. Il modo più veloce in assoluto è però il treno. Ci sono ben tre linee che collegano Bangkok all’aeroporto, due della Express Line e la City Line.

Come viaggiare sicuri in Thailandia

Per entrare in Thailandia è necessario il passaporto, su cui viene apposto un visto di validità 30 giorni. Visti più lunghi, per motivi di lavoro o di studio, sono da richiedere all’Ambasciata o al Consolato Thailandese in Italia. Tutte le altre informazioni sono disponibili sul sito della Farnesina.

Bangkok non può considerarsi una città pericolosa o, per lo meno, non più di tante altre metropoli. Si può girare tranquillamente sia di giorno che di notte senza alcun timore, il pericolo di essere borseggiati è lo stesso che si può avere in qualsiasi altra grande città. Bisogna evitare anche di discutere, alzare il tono di voce e criticare il re o la famiglia reale.

Bangkok, la capitale della Thailandia tra futuro e tradizione

Bangkok, la capitale della Thailandia tra futuro e tradizione