PROMO

Alla scoperta delle città d’arte del Piemonte

Un grande patrimonio artistico-culturale distribuito sull’intera regione: quali città scegliere e perché? Ecco alcuni consigli per programmare il tuo viaggio

Torino, Alessandria, Asti, Cuneo, Novara, Vercelli, ma anche i territori di Alba e Verbania: l’elenco delle città d’arte del Piemonte è lungo e ricco di fascino. Ognuna ha la sua storia e le sue particolarità, che possono essere scoperte durante una passeggiata cittadina, una visita al museo o semplicemente ammirando il sinuoso skyline al tramonto.

Se hai in programma un viaggio in questo territorio, accanto ad una gita al lago o un tour enogastronomico, puoi concederti anche una visita in una delle tante città d’arte, dove troverai anche numerosi eventi culturali: dalle mostre fotografiche all’esposizione di collezioni per gli amanti di ogni genere artistico. L’offerta è davvero ampia. Ecco i principali centri e gli appuntamenti in programma.

Torino: magico incontro tra regalità e arte

Iniziamo da lei, Torino, la città – l’unica italiana – che nel 2014 è stata insignita del premio Creative City UNESCO per il Design. Per capire il perché, basta passeggiare tra le sue strade ricche di eleganza. Caratterizzata da ben 18 chilometri di portici, è anche una delle metropoli più green al mondo, con oltre 160mila alberi.

Torino

Getty Images

Se hai in mente un viaggio all’insegna dell’arte e della cultura, le 22 Residenze Reali Sabaude saranno la meta obbligatoria. Questo complesso architettonico, Patrimonio UNESCO dal 1997, forma la cosiddetta “Corona di delizie”, parte della quale si snoda dal centro di Torino.

Immancabile una sosta in Piazza Castello, che abbraccia uno degli scorci più suggestivi della città. Qui è possibile visitare i Musei Reali, dove hanno luogo diversi eventi artistico – culturali di grande appeal, come la mostra Argenti Preziosi, collezione degli argentieri piemontesi del ‘700 e ‘800, visitabile a Palazzo Madama fino al 15 novembre 2020; oppure l’imperdibile esposizione Capa in Color, che per la prima volta presenta al grande pubblico oltre 150 immagini a colori del fotografo Robert Capa. È visitabile presso le Sale Chiablese, dal 26 settembre 2020 al 31 gennaio 2021.

A Raffaello è invece dedicata la mostra La Fortuna di Raffaello, che rientra tra gli appuntamenti celebrativi per i 500 anni dalla morte dell’artista. L’appuntamento è dal 30 ottobre 2020 al 15 marzo 2021 alla Galleria Sabauda.

Torino ha mille sfumature ed è perfetta sia per ammirare le preziose testimonianze del passato, sia per scoprire le correnti artistiche più recenti. La città è infatti forte riferimento per gli amanti dell’arte contemporanea, con eventi come Artissima Fair, la più importante fiera italiana del settore. La 27° edizione, dal 5 all’8 novembre, si svolgerà quindi sulle piattaforme digitali di Artissima con l’inaugurazione, nelle stesse date, di una serie di progetti digitali, insieme ad un progetto in presenza, che sarà realizzato in collaborazione con la Fondazione Torino Musei.

Fuori Torino: cosa visitare a pochi chilometri dalla città

Splendidi scenari a pochi passi dalla città sono anche il Castello di Moncalieri e la Palazzina di Caccia di Stupinigi, maestoso edificio in stile Barocco, che oggi accoglie il Museo dell’Arredamento e altre mostre. Qui a partire da febbraio 2021 riprenderà la mostra fotografica FRIDA KAHLO through the lens of Nickolas Muray.

Chi desidera esplorare il territorio torinese può concedersi una piacevole sosta al Castello di Rivoli, dove ha sede il primo Museo d’arte contemporanea fondato in Italia, che in autunno accoglie diverse esposizioni. Tra queste spicca Giulio PaoliniLe chef-d’oeuvre inconnu, l’importante retrospettiva che celebra gli 80 anni dell’artista, in programma dal 13 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021.

A circa trenta chilometri da Torino, non mancano ulteriori luoghi ricchi di fascino e cultura, tra cui il prezioso Castello di Agliè e Villa Il Meleto con il suo suggestivo giardino, “buon ritiro” estivo amato dal poeta Guido Gozzano.

Alessandria: tra edifici barocchi, ampie piazze e un ricco calendario di eventi

Nel nostro tour non manca una tappa ad Alessandria, che con le sue piazze maestose, i suoi portici e gli edifici barocchi è una delle perle più rappresentative della regione. Sulla sponda del fiume Tanaro, spicca uno dei simboli della città, la Cittadella, monumentale capolavoro di architettura militare unico in Europa e tra i meglio conservati al mondo.

La passeggiata prosegue verso piazza della Libertà, in cui si affacciano il Palazzo Municipale, Palazzo Ghilini e il Palazzo delle Poste e Telegrafi. Consigliamo poi la visita alla meravigliosa Cattedrale dedicata ai Santi Pietro e Marco. Per gli amanti degli eventi culturali segnaliamo la mostra multimediale di AcdB Museo – Alessandria Città delle Biciclette, con due spazi espositivi dedicati ai due storici campioni del ciclismo italiano Luigi Malabrocca e Fiorenzo Magni.

Asti e l’arte degli antichi arazzi

Antica colonia romana, Asti conserva con cura le testimonianze delle diverse epoche che l’hanno vista protagonista. Vanta infatti un grande patrimonio artistico e ha il centro storico più intatto del Piemonte, costellato da edifici sacri, palazzi nobiliari e vaste aree verdi. Tra gli eventi culturali da non perdere, segnaliamo “Asti. La Città degli arazzi”, la mostra che celebra l’antica arte arazziera del territorio, in programma dal 19 settembre 2020 al 17 gennaio 2021 a Palazzo Mazzetti.

Biella: città creativa tra arte e tradizione

Camillo Benso Conte di Cavour la definì la “Manchester italiana”: parliamo di Biella, città contornata da riserve naturali, come l’Oasi Zegna e tante aree fiorite, tra cui il Parco della Burcina.

Biella vanta una importante tradizione legata alla produzione di lana e filati, grazie a cui è stata accolta nel circuito delle Città Creative UNESCO nella categoria “Crafts & Folk Art”, ovvero dell’artigianato e arti popolari. Non a caso, uno dei poli creativi e museali più importanti della città, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, ha sede presso lo storico e imponente ex Lanificio Trombetta.

Il tour di Biella è l’ideale per chi ama l’arte e la bellezza. Il consiglio è quello di partire dal Piazzo, il quartiere storico situato nella parte alta della città, caratterizzato da edifici medievali, un portico gotico e affascinanti loggiati interni. Tra le mete spicca poi la Chiesa di San Giacomo, un bellissimo esemplare di stile romano-gotico, il Palazzo Gromo di Ternengo e il Palazzo dei marchesi La Marmora. Nella parte bassa della città invece meritano una menzione speciale il Duomo e il vicino campanile di Santo Stefano.

Chi desidera spostarsi fuori dal centro, rimarrà affascinato dal Ricetto di Candelo, una costruzione fortificata destinata alla conservazione dei beni più preziosi della comunità candelese.

Cuneo: in programma la mostra per chi ama la moda e il cinema

Arriviamo al capoluogo della “Provincia Granda”, che si adagia nei pressi di sei valli, tra Liguria e Francia, su un leggero altipiano a forma di cuneo naturale.

Questo delizioso centro d’arte piemontese è ricco di attrazioni: dalla Cattedrale di Santa Maria del Bosco, alla chiesa di Santa Chiara, caratterizzata da una sinuosa facciata curvilinea, fino alla Chiesa di Sant’Ambrogio, che testimonia la vicinanza storica alla città di Milano.

Castello di Racconigi

Getty Images, Adriana Oberto

Tra sorprendenti edifici sacri e artistici, il punto d’incontro è Piazza Duccio Galimberti contornata da ristoranti, locali, botteghe, caffè e tanti monumenti. Tra i diversi appuntamenti nel Cuneese è in programma la mostra pensata per gli amanti della moda e del cinema: Un set alla moda. Un secolo di cinema italiano tra fotografie e costumi visitabile fino all’8 dicembre 2020, presso il Filatoio di Caraglio.

Alba: eventi d’arte alla scoperta delle Langhe

Alba, storica capitale delle Langhe, dal 2014 fa parte della rete internazionale delle Città Creative UNESCO nella sezione “Gastronomia”. Qui si svolgono tante iniziative di carattere enogastronomico, tra cui la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Albae il Mercato Mondiale del Tartufo, in programma dal 10 ottobre all’8 dicembre 2020.

Langhe, Roero e Monferrato si svelano anche gallerie d’arte contemporanea a cielo aperto, con originali opere e installazioni che creano itinerari evocativi tra colli, vigneti e borghi.

Verbania: il prezioso giardino sul lago

Verbania è chiamata il “giardino sul lago” per il suo panorama spettacolare fatto di ville e parchi, principali attrattive del luogo. Qui è possibile lasciarsi incantare dai numerosi edifici storici, giardini e luoghi d’arte: i Giardini Botanici di Villa Taranto, il parco a terrazze di Villa San Remigio o Villa Giulia, oasi verde dalla quale si scorge l’Isolino di San Giovanni, proprietà dei Borromeo e meta estiva prediletta da Arturo Toscanini.

A poco più di una decina di chilometri di distanza, si raggiunge Stresa, ricca di una bellissima vista sul lago. Volgendo lo sguardo verso il Golfo Borromeo è possibile osservare il piccolo arcipelago formato dall’Isola Madre e l’Isola Bella. Ed è qui che il magnifico Palazzo barocco sull’Isola Bella ospita – fino al 1° novembre 2020 – la mostra Vitaliano VI e l’invenzione dell’Isola Bella, un itinerario che racconta l’epopea creativa dell’artefice dell’Isola come oggi la conosciamo.

Novara: la perla artistica del Piemonte

Il tour alla scoperta delle città d’arte piemontesi sarebbe infinito. Ad ogni passo ci si può innamorare di un edificio, di una piazza, di un monumento, di un giardino. Il Piemonte è davvero una regione entusiasmante per chi si nutre di arte.

Le ultime due città che vogliamo consigliarti sono dunque Novara e Vercelli. La prima è l’elegante capoluogo caratterizzato dalla Basilica di San Gaudenzio, ulteriore testimonianza del Barocco in Piemonte, con la grande cupola-torre a mattoni opera dell’eclettico architetto Alessandro Antonelli, lo stesso autore della Mole torinese.

Novara

Getty Images, Giorgio Perottino

Il Battistero del V secolo è l’edificio più antico della città e anche una delle principali testimonianze paleocristiane del territorio. Non può mancare un breve tour nel centro storico medievale, affascinante con le sue vie, i portici e i resti dell’antica cinta difensiva. A Novara dal 24 ottobre 2020 al 24 gennaio 2021 è possibile visitare la mostra “Divisionismo. La rivoluzione della luce” negli spazi del Castello Visconteo Sforzesco, antica struttura militare trasformata in moderno polo culturale.

Infine, lei… Vercelli!

Vercelli è definita la Capitale Europea del Riso, ma è anche il magico incontro tra storia e innovazione, perché accanto ai suoi tesori antichi spiccano edifici dal carattere contemporaneo. Questa, che è l’unica città turrita del Piemonte, accoglie tanti simboli che la contraddistinguono, tra questi spicca la Basilica di Sant’Andrea, esempio di architettura gotica italiana, che nel 2019 ha spento ben 800 candeline.

Sant'Andrea Vercelli

Getty Images, Giorgio Perottino

Tra i monumenti da visitare consigliamo il Castello Visconteo, risalente al XIII secolo e il Museo della Farmacia, che racconta duecento anni di storia della disciplina. Chi si trova in città può visitare anche il Museo Borgogna, la seconda pinacoteca del Piemonte per ricchezza e varietà delle opere, ma anche il Museo Leone e il Museo del Tesoro del Duomo. Insomma, c’è davvero l’imbarazzo della scelta e anche questa è una città che meriterebbe un capitolo a parte per ricchezza storico-culturale.

Il Piemonte regala numerose altre mete per gli amanti dell’arte: per farti un’idea del suo patrimonio culturale e scegliere tra tutte le destinazioni possibili, puoi visitare il sito di Visit Piemonte, dove troverai tante informazioni utili per programmare il tuo entusiasmante viaggio.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Alla scoperta delle città d’arte del Piemonte