Il borgo con la più importante raccolta di opere seriali d’Italia

Le Corbusier, Van Der Rohe, Fontana, Rotella e Cattelan: oltre duecento opere in uno dei borghi del viterbese più importanti dell'Etruria: benvenuti a Tarquinia

Nella magica Maremma Laziale svetta Tarquinia, città del viterbese che è uno scrigno incredibile di cultura etrusca e romana. Uno dei centri più importanti dell’Etruria dal punto di vista artistico e architettonico, un borgo che si lascia scoprire lentamente e che possiamo definire un sito archeologico a cielo aperto. Non è un caso che abbia saputo conquistare viaggiatori da tutto il mondo.

Cosa vedere a Tarquinia

Tarquinia è un luogo in cui i turisti possono trovare ogni meraviglia: bellezze architettoniche, artistiche e archeologiche di grande valore storico, e riserve naturali come la Riserva Naturale delle Saline di Tarquinia, la Campagna Maremmana, i Monti della Tolfa e i Monti Cimini. L’antico centro etrusco e romano su cui si fonda la città, sorgeva sulla Civita”, una collina alle spalle del “colle dei Monterozzi” dove oggi si trovano l’abitato di Tarquinia, e la necropoli antica (necropoli dei Monterozzi).

Il Duomo costruito nel 1260 è il principale luogo di culto del borgo, e merita di certo una visita. Così come le bellissime chiese: la Chiesa di Santa Maria in Castello, l’arabeggiante Chiesa della Santissima Annunziata, la Chiesa di San Giuseppe, la Chiesa di San Leonardo e la Chiesa del Suffragio. Passeggiando per il centro storico di Tarquinia, si scorgono le spiccate caratteristiche medievali: le grandi torri che svettano qua e là tra le case, e le possenti mura di cinta che proteggono ancora la parte nord della città.

Da non perdere, durante la visita a questa cittadina così ricca di storia e cultura, anche i resti di Palazzo dei Priori,  Palazzo Vitelleschi,  in cui ammirare i reperti nelle sale del Museo Nazionale Etrusco, qui ospitato, e la Fontana Nova, lungo Via di Fontana Nuova: una scenografica fontana posta in uno scenario suggestivo di rupi, arcate e verdi prati. Questo è anche un apprezzato punto panoramico su tutto il centro storico di Tarquinia.

Tarquinia cosa vedere

Uno scorcio di Tarquinia

Tarquinia: il borgo con la raccolta di opere seriali più importante d’Italia

Tarquinia, tuttavia, non è solo uno dei borghi scrigno d’arte e cultura antichissime. In questa cittadina della maremma laziale è presente la raccolta di opere seriali più importante e vasta d’Italia. Si tratta della Collezione Peruzzi (prima a Milano e dal 2017 a Tarquinia): oltre duecento opere seriali di arte italiana contemporanea, che ha preso vita dal 1980 grazie alla passione dell’Ingegner Vittorio Peruzzi, che ha raccolto opere di artisti che rappresentano in modo completo i movimenti e gli artisti italiani conosciuti in tutto il mondo.

La Casa Museo Peruzzi di Tarquinia, alle Piane del Marta, è diventata un vero e proprio punto di riferimento assoluto per appassionati, studenti, critici, studiosi delle avanguardie internazionali dalla seconda metà del Novecento.

Cosa si può ammirare a Casa Museo Peruzzi? Diverse icone della storia del mobile moderno con le opere dei più importanti architetti del movimento moderno internazionale come: Le Corbusier, Wright, Jacobsen, Rietveld, Van Der Rohe, Castiglioni, Mollino, Frattini, Mari, Sapper, De Lucchi, Wegner, Ponti, Thonet, Magistretti, Ingrand, Starck. E rappresentanze eccellenti dei vari movimenti artistici, con opere seriali pop di Baj, Rotella, Spoldi, le sculture di Consagra e Arnaldo Pomodoro; pezzi di Afro, Burri, Capogrossi, Fontana, Vedova, Agnetti, Fabro, Kounellis, e i nuovi e già consacrati nomi come Bonvicini, Vitone e Cattelan.

Casa Peruzzi Tarquinia

Casa Museo Peruzzi