Dalla Bretagna alla Normandia in bicicletta: l’itinerario

Dalla Nantes a Mont-Saint-Michel, nasce un percorso ciclabile che attraversa alcuni dei luoghi più belli del Nord della Francia

Foto di Ilaria Santi

Ilaria Santi

Giornalista & Travel Expert

Giornalista, viaggia fin da quando era bambina e parla correntemente inglese e francese. Curiosa, autonoma e intraprendente, odia la routine e fare la valigia.

Chi scrive di viaggi, talvolta, ancora oggi, è in grado di aprire nuove vie e di stimolare nuove idee e itinerari. È quanto è accaduto in Francia, dove un autore delle celebri guide “Routard” ha creato un bellissimo itinerario da fare in bicicletta chiamato “Voyage en Bretagne”, che va da Nantes, nel Nord Ovest della Bretagna, al celeberrimo Mont-Saint-Michel, in Normandia. L’autore ha percorso in prima persona l’itinerario, lungo strade accessibili a tutti, impiegandoci una settimana. Giusta giusta per una bella vacanza alla scoperta di alcune delle zone più suggestive del Nord della Francia.

Voyage en Bretagne: l’itinerario

Per riuscire a dare vita all’itinerario hanno collaborato le città coinvolte nel progetto e tutti i Comuni che si trovano lungo il percorso, come i siti storici, le strutture moderne e i musei, i luoghi naturali e quelli architettonici così come le aziende addette all’ospitalità, a partire dalla gastronomia. L’itinerario è diviso in cinque tappe: Nantes, Saint-Nazaire, Rennes, Saint-Malo e Mont-Saint-Michel, per un totale di 395 chilometri.

Nantes, la città di Jules Verne

Nantes è la meta perfetta da visitare con i bambini, ma anche in coppia. Tanti i riferimenti ai viaggi fantastici raccontati nei suoi romanzi dall’ideatore di Capitano Nemo e dell’Isola del tesoro, Jules Verne tra i più amati dai bimbi (ma anche dagli adulti). È la città delle “machine”, gigantesche macchine meccaniche dalle sembianze animalesche. Ma, nella valle della Loira e a un passo dall’Oceano Atlantico, Nantes regala anche scorci naturali mozzafiato per momenti romantici.

Saint-Nazaire, la marittima

Conosciamo questa città per il porto, che può ospitare fino a tremila navi, e per i cantieri navali (nei Chantiers de l’Atlantique vengono costruiti i transatlantici più grandi e famosi del mondo, anche italiani), ma Saint-Nazaire è una città ricca di storia. Ne è testimone la sua fortezza a difesa della città. E poi ci sono le spiagge, ben 20, la maggior parte delle quali costeggia il famoso Sentiero dei doganieri, un lunghissimo percorso di oltre 1.300 km che permetteva ai 35.000 doganieri istituiti da Napoleone Bonaparte di presidiare tutti i tratti di costa e di ispezionare ogni crepa e ogni anfratto sul mare.

Rennes, la città dal cuore bretone

Capitale della Bretagna, questa cittadina francese vanta un patrimonio artistico, storico e architettonico da Capitale europea. Bellissima, tipicamente nordica, con il suo centro storico di origine Medievale, le case a graticcio e i tetti in ardesia affacciate su strette vie lastricate di pietra. Un città viva e piena di giovani per via delle numerose università che ospita, con tanti bar e deliziosi bistrot.

Saint-Malo, la città fortificata

È una bellissima cittadina costiera fortificata, famosa per le sue spettacolari maree. Dalla riva si gode di una vista impagabile su Mont-Saint-Michel. Ha un centro storico molto caratteristico, completamente cinto dagli alti bastioni. Con la bassa marea, uno dei fenomi più incredibili che si possono godere su questa costa, si può raggiungere a piedi il Fort National, una fortezza costruita nel 1689 da Vauban al largo di Saint-Malo.

Mont-Saint-Michel

È il secondo luogo più turistico di Francia dopo Parigi. Tutti lo conoscono, anche solo per averlo sentito nominare, questo isolotto in mezzo al mare che si avvicina o si allontana dalla costa in base alle maree (per le quali ogni anno giungono qui migliaia di visitatori). Affascinante il suo profilo visto da lontano, ma estremamente pittoresca all’interno, l’isola è tutto un sali-scendi e un crocevia di stretti vicoli che portano all’abbazia benedettina che rappresenta uno dei principali santuari europei dedicati a San Michele Arcangelo.

Le altre piste ciclabili che si incrociano

Ma la ciclabile Nantes-Mont-Saint-Michel attraversa tratti di altre piste famosissime e molto ben mantenute e che, volendo, possono essere lo spunto per qualche deviazione. Tra queste, c’è una parte del percorso chiamato “Loire à Vélo” (la Loira in bicicletta), un bellissimo itinerario che costeggia la Loira e che misura in tutto 900 km, collegando il centro della Francia all’Oceano Atlantico.

Il percorso incrocia anche “La Vélodyssée” o ” Véloroute de l’Atlantique”, uno dei 15 itinerari ciclabili della rete EuroVelo: 1.200 km di strada verde, solo nel tratto francese (l’intero percorso inizia in Norvegia e termina in Portogallo), che costeggia tutto l’Atlantico e che parte La Rochelle per terminare sulla costa basca, in Spagna.

La ciclabile Nantes-Mont-Saint-Michel attraversa anche parte della “Voie 2 de Bretagne” che passa per un pittoresco paesaggio bretone fatto di canali e tre delle più belle città storiche del Nord della Francia: St-Malo, Dinan e Rennes.

E, in ultimo, comprende anche una parte dell’itinerario chiamato “Vélomaritime”, il tratto francese dell’EuroVelo4, lungo 1.500 km tra la Manica e il Mare del Nord, che collega la città di Roscoff, in Bretagna, a Dunkerque (o Dunkirk), al confine col Belgio. Anche questo è un percorso ciclabile bellissimo da fare in quanto tocca alcuni luoghi importantissimi dal punto di vista naturalistico ma anche storico, come la costa di Granito Rosa, le spiagge dello Sbarco, le falesie di Etretat, la Baia della Somma, la costa d’Opale e anch’esso arriva a Mont-Saint-Michel. Insomma, un viaggio moderno attraverso una terra molto antica e ricca di fascino.