L’itinerario della Ciclovia dell’acquedotto che collega l’Irpinia e il Salento

Oltre 500 chilometri tra Campania, Basilicata e Puglia: la Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese è uno degli itinerari più belli d'Italia

Misura oltre 500 chilometri, la Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese, ed è uno straordinario percorso escursionistico e cicloturistico che si snoda (anche) in terra di Puglia. A conferirle il nome è la particolarità del suo tracciato, che segue due condotte storiche dell’acquedotto.

Pedalare lungo l’itinerario significa pedalare lungo il Canale Principale – che comincia a Caposele, nella provincia campana di Avellino, e si conclude a Villa Castelli, in provincia di Brindisi – e lungo il Grande Sifone Leccese, che da Villa Castelli arriva invece sino a Santa Maria di Leuca, in provincia di Lecce. Due  condotti storici, oltre che splendidi da percorrere: il primo, nel 1915, fece arrivare l’acqua a Bari; il secondo è celebrato da una cascata monumentale realizzata nel 1939 e recentemente ristrutturata.

Itinerario narrativo“, la Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese percorre tre regioni (Campania, Puglia e Basilicata) e mette in collegamento alcuni tra i luoghi più belli e poco noti del Sud Italia: l’Alta Irpinia, il Vulture Melfese, l’Alta Murgia, la Valle d’Itria, l’Arneo e l’entroterra salentino.

Per oltre la metà, si pedala su strade precluse al traffico motorizzato: il primo tratto su greenway si svolge al confine tra Basilicata e Campania mentre il secondo, lunghissimo, si snoda da Venosa (in provincia di Potenza) a Seclì (in provincia di Lecce). In Salento e in Irpinia si può pedalare lungo strade rurali e mai, per 500 chilometri, ci si trova a percorrere statali e provinciali trafficate e pericolose.

Attualmente, sono al vaglio numerosi progetti per il restauro della Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese: progetti che puntano a preservare il carattere autentico e naturale del percorso, e che mirano a farne una delle vie verdi per il turismo sostenibile più importanti d’Europa.

Perché, questo percorso, non solo mette in collegamento tra loro luoghi dall’elevato interesse culturale e turistico, ma regala ai cicloturisti un’esperienza unica, lenta e contemplativa, che comporta tutto un susseguirsi di casette di ispezione, di piccoli edifici con l’anno di costruzione impresso, di antiche fontanine di ghisa, di piccoli tombini circolari che seguono l’itinerario, e del lento susseguirsi della lunghissima condotta. Paesaggio, archeologia industriale e viaggio esperienziale si incontrano qui, in uno dei percorsi più belli d’Italia.

Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese

Scopri tutte le più belle piste ciclabili delle altre regioni d’Italia.

L’itinerario della Ciclovia dell’acquedotto che collega l&...