Dove lasciare la mancia e dove assolutamente non farlo

Quando viaggiamo c'è un dilemma che riguarda tutti: la mancia. In questa piccola guida abbiamo scritto un vademecum utile per districarsi in ogni Paese

Foto di Elena Usai

Elena Usai

Travel blogger & content creator

La scrittura, il viaggio e la fotografia sono le sue grandi passioni e quando parte non dimentica mai di portare un libro con sé.

Paese che vai, mancia che lasci: a volte i fastidiosi extra li trovi inclusi nel conto, altre volte sono da inserire nel piattino, altre volte sono obbligatori, altre ancora di cortesia. Per noi italiani possono trasformarsi in un vero enigma! E viaggiando per il mondo, a volte, non conosciamo le consuetudini di ogni destinazione e non abbiamo idea di come comportarci quando arriva il fatidico momento del conto. Per molti la mancia è anche sinonimo di ringraziamento e cortesia, un segno di apprezzamento del servizio ricevuto che talvolta sfocia in un vero e proprio galateo sociale.

Un europeo su due, quando viaggia, è preparato perfino sulle mance da dare: in un paese diverso dal proprio il turista rispetta le consuetudini del posto sull’elargire mance in locali, alberghi e taxi. I più generosi? Gli svizzeri-tedeschi! Gli italiani, invece, secondo un recente sondaggio di TripAdvisor, sono gli ultimi in Europa per le mance in vacanza. Le cause, afferma l’indagine, sono da ricercarsi sia nella tendenza degli italiani a non lasciarle per una questione di abitudine e cultura che per la crisi e l’inflazione attuale.

Insieme agli svizzeri-tedeschi, i più propensi a elargire le mance sono i francesi che, con il loro 47% di generosità, battono gli anglosassoni (43%) e gli spagnoli (37%). Le mance vanno bene, ma solo se ben guadagnate: il 21% dei viaggiatori europei si sente in dovere di dare la mance “perché è giusto”, mentre la maggioranza degli intervistati (47%) lascia un extra solo quando le aspettative sono state pienamente soddisfatte.

Ecco perché un mini vademecum come quello che abbiamo preparato di seguito può risultare utile a tutti!

Come dare la mancia paese per paese

La mancia può mettere in crisi anche il viaggiatore più esperto, tra percentuali e situazioni imbarazzanti. In alcuni paesi è vista in modo negativo, come in Giappone, in altri è considerata obbligatoria. Vediamo nel dettaglio come dare la mancia paese per paese per evitare disastri.

Stati Uniti

Negli Stati Uniti la mancia è obbligatoria perché già calcolata nello scontrino: quando la cameriera arriva per il pagamento, bisogna scegliere tra il 10% o il 15%. Questo perché il paese a stelle e strisce è considerato il regno indiscusso delle mance e la causa non è positiva. Il salario medio del personale è talmente basso che è proprio grazie alle mance che riesce a migliorare lo stipendio, potendosi così permettere gli alti costi della vita in città come New York.

Nord, Centro e Sud America

In Messico è consuetudine lasciare il 10%, il 15% o il 20%. Una volta richiesta la cuenta, ossia il conto, il personale ti domanderà se desideri lasciare la mancia (e si aspetta che tu lo faccia) scegliendo tra queste tre opzioni. La mancia può essere anche compresa nel prezzo, in questo caso troverai una nota nel menù. In Centro e Sud America, come Guatemala, Costa Rica o Perù non è obbligatoria, ma gradita. Tuttavia, in alcuni paesi come il Brasile o il Cile, la mancia è obbligatoria negli hotel ed è considerata un obbligo formale per guide turistiche e autisti.

Inghilterra e Irlanda

In Inghilterra, invece, non è prevista dalla legge e non è obbligatoria. Il personale riceve il salario minimo nazionale e non deve fare affidamento sulle mance, come avviene negli Stati Uniti. Tuttavia, soprattutto se abbiamo ricevuto un buon servizio, è considerato un segno di cortesia, come anche in Irlanda. Qui è apprezzata nei ristoranti, mentre in molti locali è presente il classico barattolo posizionato sul bancone di fianco alla cassa.

Francia e Germania

Le mance in Francia non rappresentano una parte fondamentale delle entrate dei lavoratori e per questo non sono obbligatorie. Tuttavia, lasciarla è considerato come un gesto di gentilezza: a volte basta semplicemente lasciare il resto sul tavolo se la cifra non è troppo alta. I francesi, questo, lo sanno bene e quando viaggiano sono considerati i più generosi. Anche in Germania e in Austria non è obbligatoria, ma chiunque, dai bar ai ristoranti, l’aspetta. È considerata infatti buona norma lasciare al personale di servizio circa il 10-15% del conto.

Mancia al bar
Fonte: iStock
Lasciare la mancia al bar può essere un segno di gentilezza

Spagna e Portogallo

Come in Italia, anche in Spagna il personale di servizio è stipendiato e il conto del ristorante include il servizio/coperto. Non è necessario aggiungere una mancia al conto, a meno che il servizio non sia stato ottimo: in questo caso si può lasciare qualche euro in moneta o il 5-10% del totale. In Portogallo è ben vista e solitamente si aggiunge al conto il 5-10% oppure si arrotonda la cifra lasciando il resto sul tavolo.

Grecia e Turchia

In Grecia, nei ristoranti e negli hotel, la mancia è a discrezione della persona e si aggira intorno al 5-10%. In Turchia, invece, è consuetudine lasciare circa il 5-20% del conto complessivo soprattutto a tassisti, facchini e camerieri quando non inclusa nel servizio.

Asia 

Come abbiamo anticipato in precedenza, l’Asia ha una filosofia diversa nei confronti della mancia. Soprattutto in paesi come il Giappone e la Cina, le mance non sono contemplate perché percepite come mancanza di rispetto nei confronti del personale di alberghi e ristoranti. Nel sud-est asiatico invece, in destinazioni molto turistiche come l’Indonesia, la mancia è ben accetta.

Medio Oriente

In Medio Oriente la mancia è gradita, oltre che richiesta. A Dubai, per esempio, è già inclusa nello scontrino, mentre in altre destinazioni turistiche come la Giordania, la mancia è sempre ben apprezzata soprattutto da chi lavora negli hotel, dalle guide e dagli autisti.

Africa

Quando non inclusa nel servizio, lasciare la mancia è considerato un atto di gentilezza e apprezzamento. In paesi come l’Egitto e il Marocco, per esempio, lasciarla significa assicurarsi una maggiore qualità del servizio. Nel Nord Africa non è consentito accettare soldi senza dare qualcosa di materiale in cambio, come un prodotto, quindi molte guide e autisti l’accetteranno con discrezione perché rappresenta un ottimo aiuto economico.