Lago di Molveno, specchio d’acqua turchese circondato dalle Dolomiti

Considerato lo specchio d'acqua più bello d'Italia, il lago di Molveno è la meta perfetta per chi cerca un contatto puro con la natura

Foto di SiViaggia

SiViaggia

Redazione

Il magazine dedicato a chi ama viaggiare e scoprire posti nuovi, a chi cerca informazioni utili.

Con le sue montagne, i suoi castelli, i suoi boschi, i suoi laghi, il Trentino è davvero magico. Una vera forza della natura che si può ritrovare anche a Molveno, un piccolo paesino in provincia di Trento che ospita un lago meraviglioso, dalle acque cristalline. Si tratta del Lago di Molveno, uno specchio d’acqua in cui si riflettono le Dolomiti di Brenta.

Ritenuto il più bello d’Italia per il Touring Club Italiano e Legambiente, il lago di Molveno è certamente il luogo ideale per una gita o per trascorrere intere vacanze, sia per rilassarsi, anche con la famiglia, o viverlo intensamente praticando diverse attività sportive.

Cosa fare al Lago di Molveno e nei suoi dintorni

Questo specchio d’acqua d’origine alpina, dagli inconfondibili color turchesi, è infatti un piccolo gioiello in cui potersi rilassare. Come? Passeggiando lungo le spiagge, di 12 ettari, o nei prati circostanti, perfettamente curati e all’inglese. Qui si può praticare anche la mountain bike nei sentieri; fare una gita in barca o in pedalò, oppure sperimentare un’uscita in canoa. Le attività, insomma, non mancano di certo e anche una sola camminata lungo le rive del lago diventa uno spettacolo davvero impagabile, con la sensazione di essere abbracciati dalle Dolomiti: a questo proposito, non può certo mancare il giro ad anello del lago di Molveno, della durata di circa tre ore per una distanza di 11 chilometri.

Molveno e il suo lago, inoltre, sono la scelta giusta per chi ama fare trekking e lunghe escursioni tra i monti. Questo paesino di 1000 anime, a soli 40 km di distanza da Trento e che gode di un riconoscimento di qualità turistico ambientale, può essere il punto di partenza ideale per gite all’aria aperta, verso malghe e rifugi, per trascorrere una giornata in mezzo alla natura: un’escursione che rimane impressa è quella verso i rifugi della Val Seghe, 13 chilometri per quattro ore e mezza.

Si può entrare nel cuore delle Dolomiti di Brenta, Patrimonio Unesco; decidere di addentrarsi con l’ausilio della funivia panoramica nell’Altopiano di Pradel, noto per i percorsi avventura del Forest Park e perfetti per i bambini; o ancora, mettersi in viaggio per una gita al Parco faunistico di Spormaggiore, a soli dieci minuti dal paese, per osservare gli orsi bruni, i lupi, i gufi e le linci.

Il Lago di Molveno è una meta ideale durante tutto l’anno anche se, nella stagione fredda, gli amanti degli sport invernali adoreranno sciare nel comprensorio di Fai della Paganella o inoltrarsi con le ciaspole nei sentieri del Parco Naturale Adamello Brenta. Insomma, un vero gioiello da scoprire per chi ama il Trentino e non solo.

Dal canto suo, il raccolto paesino dalla tipica architettura di montagna merita una visita per una piacevole camminata nel centro storico pedonale tra negozietti di artigianato e scorci che non lasciano indifferenti, respirando la quiete tra le strette stradine e dando uno sguardo ai punti salienti quali il settecentesco Palazzo Saracini, la Chiesa parrocchiale intitolata a San Carlo Borromeo e l’antica Segheria Taialacqua.

Come arrivare al Lago di Molveno

Vi sono varie opzioni per raggiungere lo splendido Lago di Molveno, definito dal poeta Antonio Fogazzaro “gemma purissima in superbo scrigno“.

In auto

Provenendo da sud:

  • Uscire a Trento Nord e proseguire in direzione Mezzolombardo.
  • Dopo aver superato la galleria, prendere la destra al bivio per Fai della Paganella, Andalo e Molveno (totale 25 km).
  • In alternativa, al secondo bivio, girare a sinistra verso Spormaggiore, Cavedago, Andalo e Molveno (totale 25 km).

Provenendo da nord:

  • Uscire a San Michele all’Adige e continuare fino a Mezzolombardo.
  • Dopo aver superato l’abitato, prendere la prima sinistra al bivio per Fai della Paganella, Andalo e Molveno (totale 25 km).
  • In alternativa, prendere la seconda sinistra verso Spormaggiore, Cavedago, Andalo e Molveno (totale 25 km).

Da Riva del Garda:

  • Percorrere la strada statale 421 fino alle Sarche.
  • Al bivio, girare a sinistra seguendo le indicazioni per San Lorenzo in Banale.
  • Proseguire costeggiando il lago fino a Molveno.

Chi, invece, si sposta con i mezzi pubblici può optare per il treno scendendo a Trento, prendere il trenino della linea Trento-Malè fino a Mezzolombardo e, da qui, l’autobus per Molveno.

Sempre in autobus, da Trento e da Mezzocorona partono numerose corse giornaliere per Molveno che è altresì collegata con Riva del Garda, Cles in Val di Non (con Cambio) e Madonna di Campiglio.