Viaggio a Macao: cosa vedere oltre ai casinò

Macao non è solo la Las Vegas d'Oriente. Tra templi, musei e un assaggio della cucina tipica: ecco cosa fare a Macao

Sono ormai anni che quella che fu la piccola città di pescatori Macao è diventata regina indiscussa del gioco d’azzardo, battendo anche Las Vegas. I casinò e gli hotel di lusso di Macao però hanno lasciato spazio a tantissimo altro: la città ha un fascino davvero unico, perché nonostante Macao sia in Cina, forte è l’influenza portoghese per una commistione di generi davvero unica al mondo.

La città infatti è stata una colonia del Portogallo dal XVI secolo fino al 1999, tanto che il portoghese è ancora la lingua ufficiale – insieme al cantonese – e ovunque è possibile ammirare le tradizionali piastrelle azzurre con i nomi delle strade, palazzi coloniali e edifici art decò.

Cosa vedere a Macao

La città cinese di Macao è stata nominata dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità, vale davvero la pena fare un giro per il centro, che è così piccolo e facile da girare da essere perfetto anche per i più pigri. Quindi niente scuse, con scarpe comode e buona volontà riusciremo davvero a vivere una vacanza unica. Vediamo quali sono le cose più importanti da vedere, oltre alle soste nei luccicanti casinò.

Cattedrale di San Paolo

Dell’edifico rimane solo la facciata anteriore poiché il resto fu distrutto in un incendio nel 1835. Nonostante ciò è il monumento numero uno della città e attira migliaia di turisti per la bellezza delle sue forme.

Torre di Macao

Da antica cittadina di pescatori a città super moderna: l’evoluzione di Macao ha la sua massima espressione in questa torre. Tantissime le attività e i servizi che offre, tra cui un ristorante girevole, passeggiate esterne da vertigine e anche bunjee jumping!

Tempio di A-Ma

Il tempio di A-MA risale al XVI secolo ed è dedicato alla dea dei marinai. Oggi il caratteristico tempio in stile tradizionale ospita diversi credo religiosi.

Museo del Gran Prix

Gli amanti dei motori conoscono Macao in Cina proprio per il circuito automobilistico che ospita. Per questo la città ha deciso di dedicare a questa passione un museo in cui si possono ammirare ben 30 mostre con mezzi da competizione, cimeli e oggetti curiosi.

Piazza del Senato

Qua è davvero evidente la passata dominazione portoghese, grazie agli edifici ma soprattutto alla pavimentazione a mosaico che con la sua decorazione a onde richiama la città di Sintra, in Portogallo.

Fortezza di Guia

Costruita nel ‘600 come avamposto militare, esprime in tutto e per tutto il melting pot culturale della città. Elementi orientali e occidentali si mixano in particolare nella cappella, il faro è il trait d’union tra le due culture marinare e sottolinea l’attaccamento al mare.

La Spiaggia nera e l’isola di Coloane

Hac Sa Beach – tradotto Spiaggia Nera – è leggermente fuori dalla città, ma la gita vale davvero la pena. Estremamente suggestiva, nonostante il nero non sia più assoluto perché il governo ha aggiunto della sabbia comune per evitare l’erosione. La spiaggia è lunga circa un chilometro e deve il suo colore ai minerali portati a riva dalle onde.

Per chi volesse fuggire ancora più lontano dallo scintillio dei casino, consigliamo un giro sull’Isola di Coloane. Le severe norme governative e i titoli di proprietà rendono molto difficile l’acquisto di immobili e terreni, per questo il tempo sembra essersi fermato: ci sono case basse, viali alberati e molta tranquillità. Qui c’è la famosa pasticceria Lord Stow, che ha dato i natali alle crostatine all’uovo, esportate da Macao in tutto il mondo. Per pranzo possiamo fermarci al famoso ristorante Fernando e ordinare gamberoni all’aglio e maialino di latte arrosto.

Museo delle case di Taipa

Nella vicina isoletta di Taipa sorge questo caratteristico museo: una serie di residenze dai colori sgargianti dove in passato risiedevano il Governatore portoghese, i suoi ufficiali e le loro famiglie. La zona è ricca di negozietti tipici per uno shopping sfrenato.

Museo di Macao

Se abbiamo ancora tempo e non sappiamo cosa vedere a Macao, possiamo visitare il museo cittadino nella Fortezza del Monte. Qua possiamo ammirare manufatti e pezzi d’antiquariato che ci raccontano la storia coloniale e l’antica tradizione cinese.

Cosa mangiare a Macao

I sapori di Macao sono unici. Parola d’ordine? Fusion! Qui si combinano al meglio gli ingredienti portoghesi e cinesi, con influenze brasiliane e da Goa, che erano altre colonie portoghesi. Ingredienti principali sono i frutti di mare, merluzzo, sardine, granchio, ma anche carne di coniglio, anatra e pollo. Le spezie importate sono curcuma, cannella, peperoncino e noce di cocco, con cui vengono condite le pietanze cotte generalmente al forno o sullo spiedo.

Il piatto nazionale è il minchi, carne macinata di manzo o maiale con patate, cipolle e salsa di soia. Se abbiamo ancora fame possiamo ordinare un altro piatto tipico: la zuppa al cavolo verde, che sostituisce l’europeo cavolo con il Bok Choy cinese.

Come arrivare a Macao

Il modo più semplice per arrivare a Macao è via mare, infatti dista solo un’ora di Traghetto da Hong Kong, ma è anche collegata con la Cina continentale. Inoltre, molti hotel e casino offrono la traversata gratuita per raggiungerli, possiamo informarci quindi in sede di prenotazione. Se intendiamo arrivare con l’automobile, dobbiamo sapere che solamente i veicoli con targa di Macao o della Cina possono entrare.

Viaggio a Macao: cosa vedere oltre ai casinò