Cosa vedere a passeggio per il centro storico di Crema

A Crema, tra santuari, palazzi e musei…ecco qualche consiglio sulle cose da vedere nel centro storico dell’elegante cittadina della Pianura Padana.

Crema è una bella cittadina al centro della Pianura Padana, ricca di testimonianze della storia medievale che ha vissuto. Oltre ad essere una buona base per visitare tutta la zona e gli altri centri della Lombardia, Crema offre tanti spunti per chi ha voglia di scoprire le bellezze nascoste del suo centro storico. Costruita attorno al fiume Serio, probabilmente in seguito all’invasione longobarda del VI secolo, Crema è oggi una città ordinata e tranquilla, con un elegante e grazioso centro storico, ricco di architetture medievali e rinascimentali e di belle chiese. Una meta perfetta, quindi, per chi ha voglia di una vacanza tranquilla, all’insegna della cultura e vuole evitare la folla delle grandi città.

La maggior parte dei monumenti da non perdere di Crema è situata nelle vie centrali a poca distanza l’uno dall’altro e ad ovest del fiume Serio. In piazza Duomo trovate la bellissima Cattedrale di Santa Maria Assunta, imponente struttura ricostruita sui resti del Duomo romanico distrutto nel 1160. La facciata a capanna e “a vento” è davvero splendida e presenta grandi archi a tutto sesto in stile romanico. Il maestoso campanile, poi, pur essendo parte integrante della chiesa, vi sembrerà quasi un elemento separato e vi conquisterà con il suono delle sue campane in bronzo risalenti alla metà del 1700.

Proprio di fronte al Duomo, non perdetevi la visita all’elegante Palazzo Comunale, costruito nel 1525. La struttura, un raffinato portico a vele con archi in cotto sormontata da una cornice e da due file di finestre, è in perfetta architettura rinascimentale. A contraddistinguerla è il mix tra la tendenza lombarda ad utilizzare il cotto e l’utilizzo di logge con i tre archi, di gusto squisitamente veneto. La facciata, rivolta verso il Duomo, è circondata da una serie di edifici con portici del Cinquecento, che rendono davvero suggestivo passeggiare nella piazza principale di Crema.

Alle spalle del Duomo, proseguendo lungo via Civerchi, bastano pochi passi per arrivare allo storico Palazzo Benzoni-Frecavalli, oggi sede della Biblioteca Comunale di Crema. Risalente al XVII secolo, la bellissima struttura è stata la prima residenza dei Benzoni, al tempo il più importante casato di Crema, per passare alla fine del ‘700 alla famiglia Frecavalli. Dal 1800 ad oggi, il palazzo è stato sede del Ginnasio, dell’Ospedale degli Esposti e Mendicanti, del Partito nazionale fascista, del Tribunale e, dal 2002, della biblioteca.

A metà strada tra piazza Duomo e le sponde del fiume, non perdetevi una visita al Museo Civico di Crema e del Cremasco che raccoglie importanti testimonianze delle diverse fasi storiche della vita della cittadina e delle aree limitrofe. L’area archeologica, per esempio, offre vari elementi per conoscere la presenza umana nei dintorni dalla preistoria all’età medievale ed espone le attrezzature di guerrieri longobardi trovate in alcune tombe della zona.
Per gli amanti dell’architettura religiosa, poi, oltre alle chiese più piccole disseminate per la città, è d’obbligo una visita ai due bellissimi santuari di Crema, dedicati entrambi alla Madonna: quello di Santa Maria delle Grazie e quello di Santa Maria della Croce, posti ai lati opposti della centro abitato.

Al limite meridionale della città fortificata, proprio vicino alle cosiddette mura venete e accanto al parco comunale Campo di Marte, fa bella mostra il Santuario di Santa Maria delle Graziesantüare dale Grasie, in dialetto cremasco. La costruzione, che iniziò il primo giugno del 1601, durò circa 9 anni e venne rallentata (e interrotta) diverse volte anche a causa di una carestia.

Per ammirare il Santuario di Santa Maria della Croce , invece, bisogna lasciare il centro storico e prendere la strada per Bergamo. Circa un chilometro a nord, superato il canale Vacchelli, ecco la splendida struttura a pianta circolare. Il Santuario venne costruito nel punto in cui, secondo la leggenda, Caterina degli Uberti, esponente di una famiglia benestante di Crema, morì per mano del marito, un bandito bergamasco. La donna, dopo l’apparizione della Madonna cui si era rivolta in preghiera, riuscì a sopravvivere abbastanza da ricevere i sacramenti e morire nella sua città e nel punto dell’apparizione venne messa una croce e, più tardi, costruito il Santuario.

Arrivare a Crema è semplicissimo perché la cittadina si trova a solo un’ora di macchina sia da Milano sia da Bergamo ed è comunque comodamente raggiungibile in treno da tutta Italia. Per quanto riguarda gli aeroporti, i più vicini sono Linate, Malpensa e Orio al Serio, ma anche quelli di Brescia e Verona sono ben collegati alla città con servizi di bus navetta.

Cosa vedere a passeggio per il centro storico di Crema