Cosa fare in Norvegia e cosa vedere: i fiordi più spettacolari

Vacanze in Norvegia, la terra dei fiordi, spettacolari insenature della costa che hanno plasmato l'immagine stessa di questa terra.

Cosa vedere in Norvegia se non i suoi spettacolari fiordi? Forse più di ogni altra meraviglia naturale o spettacolare realizzazione umana i fiordi rappresentano l’anima stessa della Norvegia e l’immagine hanno in mente i viaggiatori che decidono di raggiungere queste terra incantata ad un passo dal circolo polare artico. I fiordi sono particolari bracci di mare che si insinuano profondamente lungo una costa, anche per vari chilometri, inondando lo spazio creato da un’antica valle glaciale o fluviale e sono uno dei paesaggi più tipici della costa della penisola scandinava.

Il nome fiordo deriva probabilmente da un’antica parola indoeuropea che significava “approdo” che si è evoluta legandosi al termine norreno, l’antica lingua dei vichinghi, fara che significava “viaggiare”. In questa guida scopriremo i fiordi più spettacolari e suggestivi da vedere in un viaggio in Norvegia alla ricerca della vera anima di questo splendido Paese scandinavo.

Eidfjord: si tratta probabilmente del più impressionante e suggestivo fiordo della Norvegia, situato alla fine del grande Hardangerfjord che si apre poco a sudest di Bergen. L’ambiente naturale di questa zona è di una bellezza che toglie il fiato, con scogliere a strapiombo che si tuffano nelle profonde insenature riempite da un mare color cobalto. La piccola cittadina che sorge sulla sommità del fiordo è un idilliaco villaggio norvegese dove si possono ammirare le piccole case in legno immerse nei pascoli verdeggianti.

Sul fondo di Eidfjord si può ammirare la spettacolare cascata di Vøringfossen, dove l’acqua proveniente dai ruscelli vicini si lancia nel vuoto con un salto di oltre 150 metri. Proprio a causa della sua bellezza e notorietà, Eidfjord è uno dei fiordi più visitati di tutta la Norvegia e durante il periodo estivo tende ad essere gremito di turisti.

Geirangerfjord: un luogo che per la sua importanza naturalistica è stato inserito nel patrimonio dell’umanità Unesco. Geirangerfjord è diventato in breve tempo uno dei simboli stessi della Norvegia e viaggiatori da tutto il mondo arrivano qui ogni anno per ammirare la bellezza selvaggia della natura scandinava.

Oltre alle scogliere a picco sul mare e ai pascoli verde smeraldo il Geirangerfjord è famoso per i numerosi piccoli poderi che costellano l’intera area, e offrono la possibilità di vedere da vicino come pescatori e pastori norvegesi vivessero in passato. Sul fondo del fiordo si trova uno spettacolare sistema di cascate, le Sette Sorelle, il Pretendente e il Velo della Sposa che oltre ad essere una meravigliosa attrazione naturale sono state di ispirazione a molte saghe e leggende norrene, ancora molto diffuse tra gli abitanti dei piccoli villaggi dei dintorni.

Jossingfjord: uno dei fiordi più meridionali della Norvegia, circondato da magnifiche foreste di conifere dove gli escursionisti possono trovare alcuni dei sentieri più belli di tutto il Paese. Questo fiordo si presenta come una spettacolare conca da dove ammirare il mare che si insinua per chilometri nell’entroterra, seguendo il tracciato dell’antica valle glaciale.

La località più spettacolare di Jossingfjord è Helleren, un piccolo gruppo di abitazioni risalenti al XVII secolo abbarbicate alla parete rocciosa nei pressi di una cascata. Sebbene la posizione sia esposta alle frane, le case non sono mai state colpite, facendo nascere la leggenda di una protezione magica generata dal piccolo popolo (elfi, fate e troll della tradizione scandinava).

Magdalenefjord: si tratta del fiordo maggiore situato nell’arcipelago delle isole Svalbard, il territorio norvegese più a nord in assoluto, e l’ultimo avamposto abitato dall’uomo prima della gelida distesa artica. L’insenatura dove si sviluppa Magdalenefjord è un’imponente frattura nel fianco della montagna in granito nero che domina il profilo di Spitsbergen, la maggiore isola delle Svalbard.

In passato il fiordo era utilizzato dai cacciatori di foche e dai balenieri come base sicura dove attraccare, mentre oggi è diventato il cuore di un santuario naturalistico per il ripopolamento degli uccelli artici migratori. Inoltre nei pressi del fiordo si possono avvistare anche orsi polari, volpi artiche e trichechi.

Sognefjord: il fiordo più lungo della Norvegia e secondo al mondo dopo il gigantesco Scoresby Sund in Groenlandia, che si estende per oltre 200 chilometri appena oltre la città di Bergen. Il fiordo è uno dei più visitati durante le brevi estati norvegesi e offre la possibilità di ammirare un paesaggio molto vario, dalle acuminate scogliere della costa fino alle dolci colline dell’interno.

Nei pressi di Sognefjord si trova il magnifico parco naturale di Jotunheim, la grande area naturalistica che porta il nome del regno dei giganti del gelo della mitologia norrena, dove si può ammirare il meglio della natura selvaggia norvegese. Un’altra caratteristica di questa area della Norvegia sono le tipiche chiese di legno che costellano le campagne e i villaggi che si affacciano sul fiordo, un vero spettacolo dell’architettura scandinava.

Trollfjord: il fiordo dei Troll, che porta cioè il nome di uno dei più famosi personaggi della mitologia nordica. Le leggende dei pescatori locali narrano di come questo luogo fosse in passato popolato da queste magiche creature solitarie. Il fiordo si trova nella regione settentrionale della Norvegia, al confine tra le contee di Lofoten e Vesterålen, e si allunga per oltre 2 chilometri nell’entroterra circondato da alte scogliere di rocce scure.

Durante l’estate è possibile attraversare il fiordo in kayak per ammirare le spettacolari formazioni rocciose dal basso per poi aggirarlo e proseguire a piedi sulla ricca rete di sentieri escursionistici che rendono questa regione della Norvegia una delle più visitate da hikers e amanti della natura.

Cosa fare in Norvegia e cosa vedere: i fiordi più spettacolari