Aielli, il borgo d’Abruzzo che è uno spaccato di storia

Il piccolo paese abruzzese è una perla nella natura: proprio in questi giorni, Aielli è animato da uno splendido street art festival

Arrampicato su uno sperone roccioso, circondato da due torrenti che convergono presso il Lago di Fucino, sorge uno splendido borgo: stiamo parlando di Aielli.

Situato in provincia dell’Aquila, è una perla della terra abruzzese e si estende all’interno del Parco Regionale del Velino-Sirente, ai piedi del Monte Etra. Le fonti, sul suo primo insediamento, arrivano addirittura dall’età del bronzo, e nel corso dei secoli il borgo è stato eletto a roccaforte, grazie alla sua posizione dominante sulla valle.

Aielli venne ricostruito integralmente nel ‘300, dopo la distruzione dei suoi castelli. Ma nel 1915 subì un ulteriore, drastico cambiamento, dovuto al terremoto che devastò la zona. Il borgo antico venne spostato più in basso, nei pressi della stazione ferroviaria, tuttavia è rimasto intatto il centro storico con il suo municipio, che ancora oggi viene chiamato Aielli Alto.

Aielli.

Aielli. Fonte: Instagram

La storia di questo paesino è affascinante, così come le meraviglie naturali e architettoniche che sorgono sul suo territorio. Visitarlo è come fare un tuffo nel passato: pensate che il paese vecchio è stato utilizzato come set per il film Fontamara, con Michele Placido.

In onore di questo evento, il romanzo omonimo di Ignazio Silone – da cui è stato tratto il film – è stato interamente trascritto sui muri del paese, nell’estate del 2018. Culturalmente parlando, d’altronde, Aielli è sede di importanti opere di street art. Ne sono già presenti diverse, e presto se ne aggiungeranno delle altre.

Segnatevi le date: dal primo al quattro agosto 2019 ha luogo proprio ad Aielli un festival artistico di grande rilevanza nazionale: Borgo Universo. Arrivato alla sua terza edizione, questo evento vedrà protagonista lo street artist spagnolo Okuda San Miguel, le cui opere sono esposte in tantissimi paesi di tutto il mondo.

Aielli - Opera dello street artist Okuda

Aielli – Opera dello street artist Okuda. Fonte: Instagram

Il festival ospiterà, inoltre, molti altri artisti che esporranno le loro installazioni lungo le vie del paese, dando vita ad un museo a cielo aperto. Tra arte e musica, decine di culture diverse faranno capolino in terra d’Abruzzo per un evento assolutamente imperdibile.

Ma Aielli offre molto di più: all’interno della sua torre medievale del 1300, chiamata “Torre delle Stelle”, è ospitato il Museo del Cielo, ricco di meraviglie che stupiranno grandi e piccini. Inoltre l’osservatorio astronomico che da anni vi ha sede permetterà, proprio in occasione di Borgo Universo, di esplorare il cielo di giorno e di notte.

Gli amanti della natura non rimarranno delusi nello scoprire lo spettacolo offerto dal Parco Regionale del Velino-Sirente. Per non parlare delle Gole di Aielli-Celano, il canyon più bello dell’Appennino centrale, che porta ad una piccola e suggestiva cascata chiamata Fonte degli innamorati.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Aielli, il borgo d’Abruzzo che è uno spaccato di storia