In Giappone c’è un’isola abitata (quasi) esclusivamente da gatti

Poco più di 100 uomini per 800 gatti: soprannominata “Cat Island”, Tashirojima è un’isola giapponese governata dai gatti. E regala un’esperienza unica.

Terra di stranezze, il Giappone è ricco di luoghi surreali. Tra queste, vi sono intere isole abitate prevalentemente da gatti: a contendersi il primato, insieme ad Aoshima, c’è Tashirojima.  Nella parte orientale del Paese, è un’importante meta turistica a causa della sua… popolazione! Una popolazione decisamente insolita: a fronte di 100 umani, qui vivono oltre 800 gatti. E sono proprio i felini, a farla da padrone.

Ma cosa ci fanno, a Tashirojima, tutti questi gatti? Per capirlo, bisogna tornare al tardo periodo Edo (prima metà dell’Ottocento), quando fu istituita una vera e propria colonia per salvaguardare dai topi gli allevamenti di bachi da seta. I gatti, poi, sono rimasti. E ancora oggi, per proteggerli (in Giappone sono considerati dei portafortuna e vengono trattati con molta cura), non è possibile portare cani sull’isola.

Neppure il terremoto e il maremoto del Tohoku, che si sono abbattuti sul Giappone nel 2011, hanno scalfito i gatti e la loro vita. Situata dietro una penisola, Tashirojima ha subito pochi danni: le sue case sono costruite ad almeno dieci metri dalla riva, e lo strano comportamento dei felini ha messo in allarme la popolazione. Una popolazione composta da poche decine di uomini, prevalentemente pescatori che vivono dei proventi dell’industria ittica.

Oltre a fotografare i “famosi” gatti, chi arriva sull’isola di Tashirojima può visitare i pochi ma originali monumenti presi sull’isola. Tra i villaggi di Odomari e di Nitoda c’è un piccolo tempio costruito in omaggio ad un felino morto accidentalmente, mente in tutto il territorio si trovano numerose costruzioni a forma di gatti, proprio per celebrare gli abitanti a quattro zampe che affollano ogni angolo da quell’isola che, i media, hanno soprannominato “Cat Island”. Un’isola che ha attratto numerosi artisti manga: Shotaro Ishinomori, Tetsuya Chiba, Naomi Kimura hanno realizzato qui le loro opere, oggi amate soprattutto dagli Instagrammers.

Ma come si arriva a Tashirojima (dove, per altro, si può anche trascorrere la notte)? La risposta è: in traghetto. La linea Ajishima Line effettua tre viaggia il giorno tra Ishinomaki (raggiungibile coi treni della linea JR Tohoku) e Nitoda, il porto principale; alcuni traghetti fermano anche nel piccolo porticciolo di Odomari. Il viaggio dura un’ora, e poiché si svolge in pieno Oceano Pacifico potrebbe causare un po’ di mal di mare.

In Giappone c'è un'isola abitata (quasi) esclusivamente da gatti

In Giappone c’è un’isola abitata (quasi) esclusivamente d...