È lei la migliore isola d’Europa, posto magico

Conosciuta anche come “giardino galleggiante”, ha ricevuto per l’ottavo anno consecutivo il World Travel Award. Colori, sapori e curiosità sull’isola di Madeira

Anche quest’anno, come negli otto appena trascorsi, Madeira ha ricevuto il World Travel Award, un prestigioso premio del settore turismo. È la maggiore delle isole dell’omonimo arcipelago, un piccolo paradiso terrestre di origine vulcanica di proprietà del Portogallo, al largo della costa del Paese a 500 km da quelle africane. Le isole abitate sono due, Madeira e Porto Santo con i suoi 100 km di spiagge, e cinque gli isolotti disabitati: le tre Desertas e le due Isole Selvagge.

Insieme alle Azzorre, alle Canarie e a Capo Verde forma la Macaronesia, l’insieme degli arcipelaghi che galleggiano sull’Oceano Atlantico settentrionale.

Grazie alla sua posizione a Madeira è primavera durante tutto l’anno. I mesi migliori in cui raggiungere questa destinazione sono quelli autunnali: spiagge deserte, trekking senza caldo cocente, degustazione di vino liquoroso locale, il Madera, surf e vegetazione rigogliosa.

Cosa vedere a Madeira

Il colpo d’occhio arrivando sull’isola sarà notevole: questa terra è una tavolozza di colori naturali che formano un paesaggio armonico e che metterà subito di buon umore.

Il verde della vegetazione, l’azzurro e il turchese del mare, le spiagge di sabbia di origine vulcanica che in alcuni punti raggiungono anche una colorazione nera, cascate, boschi e montagne.

La natura è la protagonista sull’isola di Madeira. A soli 3 km dalla città di Funchal, città natale di Cristiano Ronaldo e capoluogo dell’isola, il Giardino Botanico è un posto magico con piante esotiche e uccelli tropicali.

Un’altra attrazione è il promontorio di Cabo Girão, che con i suoi 589 metri è una fra le più alte falesie europee. Il belvedere, oltre ad offrire una vista spettacolare sull’oceano, è anche uno dei siti preferiti dagli amanti dell’adrenalina: voli con il para-deltaplano e base-jumping sono all’ordine del giorno.

Nella parte nord-est di Madeira, una delle esperienze più interessanti è la visita ad un villaggio che sembra uscito da una fiaba. Santana è la zona con la maggior concentrazione delle coloratissime casette tradizionali dell’isola a forma triangolare con i tetti di paglia.

Cosa fare a Madeira

Per gli appassionati di trekking, i percorsi sono moltissimi: uno dei più sensazionali è il sentiero di 13 km che va da da Pico do Arieiro a Pico Ruivo. Quest’ultima, con i suoi 1862 metri, è la cima più alta di Madeira e in alcuni punti sembrerà di camminare fra le nuvole.

La zona di Santana ospita anche una foresta di Laurissilva, denominata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, in cui sono presenti diversi sentieri in cui fare attività e rimanere a contatto con il bosco.

Anche surfare sarà un’esperienza da provare: secondo alcuni appassionati le onde intorno alle coste di Madeira sono fra le migliori al mondo.

Quest’isola è anche la regina dell’enoganostronomia dell’arcipelago. Al Mercado dos Lavradores di Funchal si potranno assaggiare frutti tropicali come le banane piccole, la guava e la cherimoya, bistecche di tonno con mais fritto e frutti di mare. L’aperitivo più famoso è formato da birra lager locale, la Coral e patelle.

Nei territori di Funchal, Ribeira Brava, São Vicente, Ribeira Janela sono organizzati percorsi di degustazione nei vigneti, in cui nei mesi giusti si potrà partecipare alla vendemmia.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

È lei la migliore isola d’Europa, posto magico