Il borgo di 180 anime che ha fatto il boom di turisti grazie a “The Ferragnez”

Golferenzo conta appena 180 abitanti, ma è recentemente diventato famosissimo ed è stato preso d'assalto dai turisti: merito di Fedez e Chiara Ferragni

A volte basta un istante per cambiare le sorti di un’intera comunità: è quanto sta accadendo al piccolo borgo di Golferenzo, paesino abbarbicato tra le colline del pavese e scelto come location per una delle serie Tv più famose del momento. Tutto merito di Fedez e di Chiara Ferragni che, con il loro show, “The Ferragnez”, hanno dato notorietà a quello che non è altro che un gruppo di casette che accolgono a malapena 180 abitanti.

Golferenzo, location di “The Ferragnez”

Il borgo di Golferenzo è stato scelto per fare da sfondo alla serie Tv “The Ferragnez”, che segue le vicissitudini della coppia più social (e più amata-odiata) di sempre. “La produzione era alla ricerca di un piccolo villaggio di montagna non lontano da Milano, dove l’età media degli abitanti fosse alta, e quindi dove trovare persone che della famiglia di influencer non sapessero nulla o quasi”, aveva affermato l’agenzia creativa che si è occupata dello sviluppo del prodotto. “Così, dopo una selezione tra diversi Comuni dell’alto Oltrepò Pavese, la scelta è ricaduta su Golferenzo”.

Ed è proprio qui, tra le strette viuzze e le casette in pietra, che le telecamere hanno registrato brevi interviste agli abitanti per raccogliere commenti “a caldo” sullo show targato Amazon Prime Video. Il borgo, che conta poco più di 180 persone, ha visto così accendersi le luci dei riflettori su di esso: la notorietà non si è fatta attendere, e i primi turisti si sono riversati lungo le stradine non appena “The Ferragnez” è apparso sul piccolo schermo. Golferenzo si è trasformato nella meta perfetta per il Natale, con la sua atmosfera autentica e un fascino rimasto immutato nel tempo.

La bellezza di Golferenzo

Incastonato in un panorama naturale davvero suggestivo, il borgo si trova sulle colline dell’Oltrepò Pavese ed è cinto da montagne che svettano in lontananza, offrendo una cornice meravigliosa. Il paesino vanta origini antiche, forse persino celtiche: grazie alle testimonianze scritte riemerse da un lontanissimo passato, è stato possibile ricostruire le sue vicende alterne. Dapprima annesso all’abbazia di San Colombano di Bobbio, durante il periodo medievale, Golferenzo è stato posto sotto il dominio pavese dell’Imperatore Federico I. Passato poi di mano in mano per secoli, è arrivato ai nostri giorni.

Quel che ancora resta di una storia così antica e movimentata è soprattutto un fascino magnetico. L’aria che si respira tra le viuzze del centro storico è la stessa di tanto tempo fa: qui le lancette sembrano essersi fermate. Il borgo accoglie ancora alcuni edifici che provengono direttamente dal passato, come la suggestiva chiesa di San Nicola, eretta nel centro del paese e cinta per tutto il perimetro da una piccola muraglia.

A due passi dalla parrocchiale, ecco il castello di Golferenzo. Non è altro che una torre in pietra, caratterizzata da una stretta finestra protetta da un’inferriata, situata sulla parte superiore. Pare proprio che il torrione avesse anche funzioni di prigione, dal momento che al suo interno sono stati rinvenuti alcuni ceppi di tortura. Anche il palazzo signorile che si erge a poca distanza è un’architettura affascinante: purtroppo la si può ammirare solamente dall’esterno, visto che è una proprietà privata.

Golferenzo

Il borgo di Golferenzo, set di “The Ferragnez”

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il borgo di 180 anime che ha fatto il boom di turisti grazie a “...