Luoghi insoliti e segreti da visitare a Milano

Milano non è solo il Duomo e il Castello: sono tantissimi i luoghi della Milano segreta da scoprire

Foto di Paola Barni

Paola Barni

Giornalista specializzata in Travel

Giornalista professionista, ama le parole scritte quanto i viaggi. Il mondo è un posto bellissimo, e ogni occasione è buona per scoprirne un pezzettino e raccontarlo.

Milano è famosa per la moda, l’arte e l’architettura, ma al di là della superficie patinata si nasconde una città piena di segreti che aspettano di essere scoperti. Dai giardini nascosti ai vicoli misteriosi, Milano offre un mix unico di storia, cultura e mistero. Oltre all’aspetto glamour del Quadrilatero della moda, al business e al mito della città che non si ferma mai, Milano ha molto da offrire anche ai visitatori più esigenti. Basta un pizzico di curiosità e un minimo di organizzazione – soprattutto per prenotare alcune visite – e si scoprirà sotto la Madonnina un mondo inaspettato e molto, molto affascinante!

Luoghi insoliti e segreti da visitare a Milano

Milano è una città che premia chi è disposto a esplorare i suoi angoli nascosti. Mentre molti visitatori si concentrano sugli itinerari consueti e battuti del Duomo e della Galleria Vittorio Emanuele II, ci sono innumerevoli gemme poco conosciute che aspettano di essere scoperte. Dai vicoli di Brera ai cortili nascosti dei Navigli, Milano è piena di sorprese.

Uno dei modi migliori per scoprire i segreti del capoluogo lombardo è prendere parte a un tour Milano segreta ancora meglio se a piedi attraverso le vie della città. Esistono diverse possibilità di partecipare ad itinerari al fai fuori dai percorsi più frequentati, che portano in quartieri e zone meno conosciute. Questi tour regalano una prospettiva unica sulla metropoli. Le cose insolite da vedere a Milano sono davvero tante!

La storia dei luoghi misteriosi e insoliti di Milano

Qual è la Milano segreta e misteriosa? Il capoluogo lombardo ha una storia ricca di intrighi. Dai tempi dell’Impero Romano fino ai giorni nostri, la città è stata teatro di innumerevoli storie d’amore, tradimenti e vendette. Molte di queste storie si intrecciano con l’architettura e i luoghi simbolo della città, accrescendone il fascino.

Uno dei punti fermi della Milano segreta e misteriosa è il Castello Sforzesco. Questo imponente castello fu costruito nel XV secolo e ha una storia lunga e ricca di avvenimenti. Ha ospitato duchi, sovrani e persino prigionieri e le sue mura sono state testimoni di innumerevoli battaglie e assedi. Oggi il castello ospita diversi musei e collezioni d’arte, il che lo rende una tappa obbligata per chiunque sia interessato alla storia di Milano.

I segreti del Castello Sforzesco

Pochi luoghi in città sono uno scrigno di misteri e leggende quanto il Castello Sforzesco. Ad esempio, si narra che il primo duca di Milano, Francesco Sforza, abbia nascosto un grande tesoro all’interno del Castello. La sua ubicazione esatta rimane tutt’oggi sconosciuta. Un’altra storia racconta di un passaggio segreto sotterraneo che collegherebbe il Castello alla Chiesa di Santa Maria delle Grazie. Il cunicolo sarebbe stato utilizzato per sfuggire a eventuali assedi. Per non parlare dei fantasmi: nel corso dei secoli ci sono state infinite testimonianze di avvistamenti. Pare che Bianca Visconti, che qui fu decapitata nel 1526, si aggiri ancora tra le mura del maniero, così come lo spirito di Ludovico il Moro. E poi c’è il cavaliere nero, più volte visto nei secoli nelle sale del Castello. Secondo la leggenda, il cavaliere era un soldato morto in battaglia durante il periodo di dominazione spagnola. Questi sono solo alcuni dei tanti segreti e misteri che circondano il Castello Sforzesco di Milano, che ne fanno uno dei luoghi più affascinanti e misteriosi della città. Per scoprire cosa si cela dietro la grande bellezza di questo simbolo meneghino, conviene effettuare un tour con audioguida, così da poter anche ammirare le meraviglie che conserva come la Pietà Rondanini di Michelangelo e gli affreschi di Leonardo.

La Vigna di Leonardo in centro città

A pochi passi dal Castello Sforzesco, si trova un altro luogo legato alla figura del genio da Vinci. È la Vigna di Leonardo, da pochi anni ritornata visitabile. Fu Ludovico il Moro a donare questo vigneto al maestro toscano, nel 1498, nei mesi in cui era impegnato a dipingere l”Ultima Cena. Il luogo è splendido, un angolo di verde nel cuore della frenesia di Milano. Oggi c’è anche un Museo e soprattutto la vigna, la stessa di 500 anni fa, che produce vino Malvasia. Per completare il percorso sulle orme di Leonardo, non resta che ammirare l’Ultima Cena, conservata all’interno della Chiesa di Santa Maria delle Grazie. Per la visita, conviene acquistare i biglietti con largo anticipo, meglio ancora se con un tour guidato. Dato che la permanenza concessa è breve, conviene ottimizzare il tempo a disposizione con un esperto che sappia raccontare tutti i segreti nascosti nel dipinto.

Una passeggiata al Cimitero Monumentale

Il Père-Lachaise di Parigi, pur essendo un cimitero, è diventato a tutti gli effetti un’attrazione turistica in virtù dei nomi noti che vi riposano. Anche il capoluogo lombardo può vantare un esempio analogo: è il Cimitero Monumentale, sicuramente tra i principali luoghi insoliti Milano. Tra le sue tombe si trovano quelle di numerose celebrità, artisti, scienziati e politici italiani ed internazionali. Arturo Toscanini, Alessandro Manzoni, Salvatore Quasimodo sono sepolti qui, così come i milanesi più illustri come Carla Fracci, Alda Merini, Dario Fo e Franca Rame, Giorgio Gaber, Enzo Jannacci. Questo spazio monumentale, pur essendo fra i meno noti della città, regala davvero un’esperienza unica. Anche in questo caso, è d’obbligo la guida. Lo spazio è immenso e il rischio di perdersi è concreto.

Le 10 cose più insolite da vedere a Milano

Cosa vedere a Milano di insolito e al di fuori del Duomo e la sua Piazza è una domanda che ha tantissime risposte. Almeno dieci, come le attrazioni – originali, nascoste, nuove e sicuramente meno battute dal turismo di massa – elencate qui sotto.

Il Bosco Verticale

Nella zona di Porta Nuova, tra le più avveniristiche della città, svetta questa coppia di torri residenziali ricoperta di alberi e piante. Questi giganti – un palazzo è alto 78 metri, l’altro 111 – dominano la piazza Gae Aulenti, altro gioiello cittadino, e sono state insignite con il riconoscimento di “grattacielo più bello del mondo”.

La Biblioteca degli Alberi

Sempre nell’area di Porta Nuova, il BAM è un giardino botanico contemporaneo che ospita alberi rari, fiori e piante. Una vera oasi di pace nel cuore della città.

San Bernardino alle Ossa

A due passi dalla sede dell’Università Statale di Milano, questa piccola chiesa risalente al XIII secolo ospita una macabra collezione di ossa umane. Molto probabilmente, spiegano gli storici, si tratta dei resti di malati del lebbrosario che nel Medioevo si trovava nei pressi di questo luogo. È sicuramente una delle cose più strane da vedere assolutamente in città.

La Casa degli Omenoni

A breve distanza dal Teatro alla Scala, questo palazzo – chiamato anche Leoni-Calchi – risale al XVI secolo ed è ornato da figure in pietra scolpite. Il nome deriva dagli otto telamoni della facciata, realizzati da Antonio Abondio.

Le Colonne di San Lorenzo

In zona Ticinese, non distante dai Navigli e anima della movida milanese, si trovano i resti di questa costruzione d’epoca tardo romana. È uno dei rari esempi della Milano imperiale.

La Cripta di San Sepolcro

La cripta ipogea, di epoca medievale, è uno dei luoghi più antichi di Milano. Si può visitare anche in abbinata alla Pinacoteca Ambrosiana, di cui fa parte, con un solo biglietto.

Fondazione Sozzani

Voluta dalla compianta Carla Sozzani e dalla sua famiglia, questo spazio – che si declina in tre diverse location in città – ospita mostre temporanee dedicate soprattutto ad arte contemporanea e fotografia.

Museo del Novecento

Inaugurato una decina di anni fa, è ospitato all’interno del Palazzo dell’Arengario e si affaccia su Piazza del Duomo. È una esposizione permanente con oltre 400 opere d’arte del XX secolo. Incredibile e modernissima la scenografica scala a spirale che collega i vari piani dell’edificio.

Piazza dei Mercanti

A pochi passi dal Duomo e da via Torino, arteria dello shopping, questa storica piazza ospita diversi edifici medievali. Una curiosità? Il colonnato ha un’acustica incredibile: se si parla dietro una colonna posta a un angolo del rettangolare della piazza, chi sta all’estremità opposta riesce a sentire tutto distintamente, nonostante la distanza di decine di metri!

Palazzo della Triennale

Questo edificio modernista (detto anche Palazzo dell’Arte) è stato progettato da Giovanni Muzio ed è sede della Triennale di Milano, un museo di arte moderna e design. Straordinario qui lo studio della luce e le ampie finestre, che grazie all’illuminazione naturale conferiscono agli ambienti un’incredibile solennità.

I giardini nascosti di Milano

Milano è una città che ama gli spazi verdi, e ci sono diversi giardini e parchi nascosti in tutta la città. Queste oasi di tranquillità offrono una piacevole tregua dal trambusto metropolitano e sono un luogo ideale per qualche momento di relax.

Uno dei giardini nascosti più belli di Milano è l’Orto Botanico di Brera. Situato dietro la facciata Sud del Palazzo di Brera, è un giardino storico riconosciuto come Museo. Ospita oltre 300 specie di piante diverse ed è un angolo di pace nel cuore della città. Il giardino è aperto al pubblico ed è un luogo ideale da esplorare in una giornata di sole.

Un’altra gemma verde poco conosciuta è il Giardino della Guastalla, un piccolo polmone verde racchiuso nel centro storico. Il parco è tra i più antichi della città ed è impreziosito da diverse statue e alberi monumentali. Un rifugio silenzioso dalle strade trafficate di Milano.