Cosa fare a Geirangerfjord, la perla dei fiordi norvegesi

La vacanza dei vostri sogni a Geirangerfjor:il giro in kayak o in mountain bike e la passeggiata a piedi per chi ha spirito d’avventura

Geirangerfjord è il fiordo norvegese tra i più belli al mondo. È circondato da montagne selvagge e lussureggiante vegetazione. Impreziosito da cascate altissime che accarezzano le scogliere, è uno dei luoghi più spettacolari del pianeta, meta ogni anno di tantissimi turisti.

Le cascate sono il tocco magico di questo paradiso terrestre. Rimarrete incantati delle meravigliose cascate delle Sette Sorelle (dai 7 flussi d’acqua che precipitano in mare) e da quelle del Pretendente (la cascata della riva opposta); non dimenticatevi inoltre il Velo della Sposa.

Geirangerfjord è oggi meta del turismo internazionale, iniziato alla fine del XIX secolo grazie al Kaiser Guglielmo. Nel 2013 il fiordo ha ispirato la location del celebre cartone animato di Walt Disney “Frozen”, successo mondiale.

Tante le opportunità e le cose da fare c’è sicuramente il giro in kayak. Oppure scegliete il noleggio delle mountain bike per sfidarvi in velocità dominando le colline presso il fiordo. Davanti a uno dei panorami più suggestivi del mondo.

Tutta da vivere anche la passeggiata per la città collinare. Lungo la strada principale che avvolge la costa incontrerete gli abitanti, tutti molto cordiali e coinvolgenti. Gli autobus sono disponibili d’estate, da giugno a fine agosto. Il tempo cambia molte volte durante il giorno: caldo, ventoso, frescio, molto freddo (ma non dimenticate la crema solare e lo spray per le zanzare). Purtroppo secondo gli abitanti di Geiranger (la cittadina più importante del fiordo) i ghiacciai si stano ritirando.

Passeggiate nei pressi delle cascate di Geirangerfjord. Qui troverete un percorso ben curato che include scale in metallo (327 passaggi non scivolosi con ringhiere) che salgono sul lato della cascata fino al centro del fiordo e all’Unione Hotel, con molti punti panoramici.

C’è poi il viaggio a Sky to Fjord, garantito da uno dei piccoli negozi di articoli da regalo del porto dei traghetti (agevolmente identificabile dal tetto verde). Ed è una spettacolare escursione in bici da 17 chilometri fino alla montagna (c’è la neve anche d’agosto). Il viaggio comprende anche il trasporto della bici in furgone. C’è anche l’Odissea costiera, il noleggio del kayak per una giornata intera. È possibile partecipare anche ad una visita guidata. Il kayak vi farà vivere un’emozione unica: offre spettacolari visite su cascate, montagne e se siete fortunati avvisterete anche delfini. Il modo più comune per conoscere il fiordo resta comunque la crociera.

C’è anche chi si sveglia alla 4 del mattino per ammirarlo. Per vedere le piccole case che si aggrappano alle falesie. Per vedere i contadini norvegesi che lavorano i campi, pascolano le mucche, lavorano i campi da giardino. Le temperature possono variare ma è meglio portare abiti pesanti e portarsi i binocoli per ammirare gli animali e le fattorie. L’estate è la stagione migliore per visitare il fiordo. Ogni estate Geirangerfjord è visitato da cento navi da crociera con oltre 300 mila passeggeri, ma sono tanti quelli che arrivano in autobus.

Da non perdere il villaggio di Geiranger. Comunità rurale all’estremità orientale del fiordo. Dall’altra parte c’è Hellesylt e da lì parte l’altro fiordo, quello di Sunnylvsfjord collegato a sua volta col grande fiordo di Stofjord.

I più temerari girano le colline intorno a Geriranger a piedi o in bicicletta, ma tenete presente che in inverno sono chiuse la maggior parte delle strade della zona: meglio scegliere l’estate. Attenzione per camperisti e ciclisti: le colline sono ripide. Anche se potrete vivere un’esperienza ugualmente esaltante sul traghetto Hellesylt con un comodo salotto da bar.

Tappa di collegamento con Geirangerfjord in crociera è Alesund città con 40 mila abitanti ricostruita in stile art nouveau nel 1904 dopo un incendio. Tante le cose da vedere, c’è il museo, il parco dell’Atlantico che offre la possibilità di visitare l’acquario d’acqua salata dove potrete anche fare delle immersioni.

C’è il Centro Art Nouveau e Museo d’Arte Kube. Ospitato in un’antica farmacia nel centro della città, il museo Sunnmore, un museo popolare aperto alla cultura norvegese, con oltre 500 oggetti di case degli ultimi 300 anni, una grande collezione di imbarcazioni, le repliche di navi vichinghe e l’antica chiesa di Borgund. Il museo del periodo medievale espone manufatti di scavi del vecchio centro commerciali e riproduzioni di illustrazioni medievali che riproducono il modo di vivere della costa norvegese occidentale di allora. Da non perdere anche la visita della città

Imperdibile la salita al Mt Aksla e Fjellstua: dal parco cittadino si sale fino alla scogliera per godere di una vista mozzafiato su fiordi e montagne. Già da metà strada la vista è incredibile in cime c’è anche un ristorante che serve ottimi piatti di pesce. Per festeggiare la fine della vacanza niente di meglio di una buona birra: presso Geirangerfjord ordinate la birra locale, è deliziosa e leggera, meglio se accompagna da salmone fresco o da un panino.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cosa fare a Geirangerfjord, la perla dei fiordi norvegesi