Il borgo sommerso dal lago di Vagli che sta per riemergere

Dopo quasi trent'anni, nel 2023, il borgo fantasma di Fabbriche di Careggine tornerà a splendere sotto il sole. Ecco quando riemergerà dalle acque

C’era una volta, tanto tempo fa, un piccolo borgo situato sulle rive del fiume Eldron, incastonato tra le Alpi Apuane non lontano da Lucca. Aveva tante case in pietra, una chiesa romanica e un ponte a tre arcate, proprio lì dove i cittadini passeggiavano e si incontravano, vivevano.

I giorni erano scanditi dai ritmi lenti fin dalla sua nascita in epoca medioevale. Fabbriche di Careggine, nel cuore della Garfagnana, divenne in tempi moderni uno dei più grandi fornitori di ferro del nostro Paese. Ma con il passare del tempo le fabbriche situate nella zona entrarono in crisi e così il suo borgo.

Questo portò gli abitanti a dedicarsi alla pastorizia e ai campi, ma nei primi decenni del Novecento le cose sembravano destinate a cambiare grazie alla presenza del marmo del territorio. Eppure accade qualcosa che segnò per sempre l’esistenza del paese e che lo fece scomparire tra le acque.

Fabbriche di Careggine

Fabbriche di Careggine dopo svuotamento

La piccola Atlantide nel cuore della Garfagnana

Nel 1941, a seguito della costruzione della diga per sbarrare il corso del fiume Edron, si creò il lago di Vagli, un bacino artificiale collegato alla diga idroelettrica. Quello che non era previsto, però, era innalzamento delle acque di questo che in poco tempo sommersero completamente l’intero borgo medievale di Fabbriche di Careggine.

Come una piccola Atlantide, Fabbriche di Careggine, le strade, le vie e e le case degli abitanti del borgo, furono totalmente inghiottite dalle acque. Abbandonato nel 1947 dai cittadini che furono trasferiti in nuove abitazioni create nella località Vagli di sotto, Fabbriche di Careggine rimase solo un lontano ricordo tra vecchie fotografie d’epoca e memorie custodite gelosamente.

La suggestione del passato, però, è destinata a rivivere attraverso gli occhi di chi guarda ancora oggi i resti di alcuni edifici che emergono timidamente sulla superficie del lago, quasi a voler chiedere di non dimenticare. Ma non è tutto perché  nel corso degli anni il lago artificiale è stata svuotato in diverse occasioni e il vecchio borgo è riemerso in tutto il suo splendore.

Fabbriche di Careggine

Fabbriche di Careggine

Il borgo fantasma riemergerà dalle acque

Lo svuotamento del lago è un evento tanto atteso quanto incredibile perché è questa l’occasione per ammirare i resti dell’antico borgo medievale.

Quando nel 1994 il bacino fu svuotato, la visione delle case in pietra, del cimitero e della chiesa di San Teodoro, così come il quella del ponte e il campanile quasi perfettamente conservati, suscitò scalpore e suggestione nella Garfagnana e in tutta Italia. Come un viaggio nel tempo dove sembrava quasi di vedere ancora le persone vivere e parlare, camminare tra le strade del paese.

Lo svuotamento del lago, con tanto di riemersione del borgo fantasma, è diventato così un vero e proprio evento da attendere con entusiasmo, non solo dagli abitanti di Vagli di sotto che conservano lì le loro memorie e le origini, ma anche da tutti quelli che sono curiosi di guardare con i loro occhi i resti della Atlantide italiana. Un altro svuotamento era stato annunciato nel 2021 ma a causa dell’emergenza sanitaria e di ragioni tecniche questo è stato posticipato.

Da quanto annunciato negli scorsi mesi da Mario Puglia, ex sindaco di Careggine, sarà possibile osservare di nuovo il borgo fantasma di Fabbriche di Careggine nel 2023. Così, dopo quasi trent’anni il paese riemergerà dalle acque.

Fabbriche di Careggine

Fabbriche di Careggine