La nuova pista ciclabile della Slovenia attraversa laghi e vigneti

Tra vini e meraviglie naturali, il tour in bici lungo la nuova pista ciclabile della Slovenia vi regalerà grandi emozioni

Non c’è niente di meglio che una bella pedalata per scoprire i suggestivi paesaggi della Slovenia e – perché no? – godersi alcuni dei suoi prodotti tipici tra una tappa e l’altra. Per questo nasce una nuova pista ciclabile, che presenta caratteristiche davvero interessanti.

Si chiama Bike Slovenia Green, ed è un percorso del tutto nuovo che verrà inaugurato il prossimo 1° novembre 2019. È il primo itinerario multi-tappa al mondo a collegare località splendide, che hanno in comune un dettaglio: hanno tutte il marchio Slovenia Green, ovvero sono impegnate nella lotta all’ecosostenibilità e alla preservazione della natura. Una novità stupenda per tutti gli amanti del cicloturismo, che permetterà di coniugare la passione per le due ruote alla meraviglia nell’ammirare alcuni dei panorami più belli della regione.

Lago di Bled, Slovenia

Lago di Bled, Slovenia – Ph. Zdenek Matyas (123rf)

Il percorso, finanziato dall’Unione Europea e gestito dal ministro dell’economia sloveno, prevede un suggestivo viaggio di una settimana, nel corso della quale verranno toccate sette diverse località. Si parte dall’alto, dalla bellissima città montana di Kranjska Gora, nel cuore delle Alpi Giulie.

A pochi chilometri dal confine con l’Italia e l’Austria, è il punto di partenza ideale per iniziare alla grande, respirando aria pulita e ammirando panorami da mozzare il fiato. Se d’inverno il paesino si trasforma in un’amata località sciistica, quando la neve si scioglie è il ciclismo a farla da padrone. Scendendo verso sud, arriviamo lungo le rive del lago di Bled: un fantastico specchio d’acqua alpino dove sorge l’unica isola della Slovenia.

lago di bohinj, slovenia

Lago di Bohinj, Slovenia – Ph. MikeMareen (iStock)

Da qui, l’itinerario prosegue lungo un suggestivo sentiero che attraversa il Parco Nazionale del Triglav, attorno all’omonimo monte che svetta per oltre 2800 metri d’altezza verso il cielo. Nel cuore del parco, incontriamo un altro splendido lago, quello di Bohinj. È il più grande della Slovenia e offre un panorama incredibile, circondato com’è dalle vette delle Alpi e da una natura incontaminata. Il percorso si snoda poi per alcuni chilometri in un lungo tratto al confine con l’Italia, per attraversare la valle dell’Isonzo, dove l’omonimo fiume scorre placido con le sue acque color verde smeraldo.

San Martino, Slovenia

San Martino, Slovenia – Ph. Rene Walter (123rf)

Dirigendosi ancora verso sud, il tour ci porta a San Martino (in sloveno Šmartno), un affascinante borgo medievale circondato da vigneti. Si trova infatti nel cuore di Collio (Brda), una delle regioni viticole più importanti della Slovenia: qui potrete degustare un buon bicchiere di vino, ma anche assaggiare i prodotti tipici della zona, provenienti dai frutteti e dagli uliveti che punteggiano le dolci colline. È tempo di ripartire alla volta di Comeno (Komen), centro del Carso, per poi raggiungere Lipizza (Lipica). Qui l’altopiano carsico offre un suggestivo panorama di rocce calcaree e grotte misteriose, da ammirare in sella alla bici. Il percorso si conclude a Capodistria (Koper), ultima tappa di un viaggio meraviglioso. La cittadina adriatica ha un patrimonio culturale davvero molto ricco, e potrete approfittarne per un ultimo giorno di vacanza, dedicato alla scoperta delle sue bellezze.

Capodistria, Slovenia

Capodistria, Slovenia – Ph. RAndrey (iStock)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La nuova pista ciclabile della Slovenia attraversa laghi e vignet...