Visitare la capitale del Sudan, Khartum

Cosa vedere nella capitale del Sudan, alla scoperta di Khartum e dei suoi luoghi significativi

La Repubblica del Sudan è uno stato arabo-africano situato nella zone settentrionale del continente. Il Sudan confina a nord con l’Egitto, a est con il Mar Rosso, l’Eritrea e l’Etiopia, a sud con il Sudan del Sud e a nord con la Repubblica Centrafricana, il Ciad e la Libia.

Il Sudan è diviso in diciassette regioni, ma per orientarci all’interno di questo grande stato africano è sufficiente avere presente la collocazione di cinque aree: il Sudan settentrionale, area ricca di siti storici, il Darfur caratterizzato da una forte instabilità politica, il Sudan Orientale che confina con l’Etiopia e tra queste tre aree la regione del Kordofan e il Sudan centrale, che coincide con il territorio della capitale.

La capitale del Sudan è la città di Khartum, situata in una posizione centrale all’interno del Paese. Khartum si trova in corrispondenza della confluenza del Nilo Bianco e del Nilo Azzurro. I due fiumi si incontrano formando il grande corso del Nilo che sfocia poi nel Mar Mediterraneo. Il Nilo Bianco, che deve il suo nome al particolare colore delle sue acque ricche di sodio, nasce dal Lago Vittoria e scorre per più di 3.700 chilometri attraversando diversi paesi africani dall’Uganda al Sudan. Il Nilo azzurro nasce invece dal Lago Tana, nell’Altopiano Etiopico e con un cammino più irregolare scorre per più di 1.600 chilometri formando poi a Khartum il corso del fiume Nilo.

Oggi Khartum è una metropoli formata da tre diversi centri, la città di Khartum è infatti collegata a nord con North Khartoum, noto come al-Kharṭūm Baḥrī e ad ovest con Omdurman, chiamata anche Umm Durmān. L’origine della parola Khartum è incerta, probabilmente deriva dall’arabo ma potrebbe anche provenire da un termine Dinka, una popolazione del Sudan del Sud.

Il nostro tour alla scoperta della capitale del Sudan inizia proprio dai due fiumi che la cingono, il Nilo Bianco a Ovest e il Nilo Azzurro a est. Con un po’ di fortuna potrete osservare la fauna locale che comprende diverse specie di uccelli che sostano lungo le sponde di questi due fiumi durante il periodo delle migrazioni. Se ne avrete il tempo potrete anche organizzare una crociera sul fiume Nilo, un modo diverso e suggestivo per ammirare la capitale del Sudan.

La capitale del Sudan conta più di cinque milioni di abitanti ed è una grande metropoli in cui convivono forti contrasti. Come città capitale Khartum è un centro politico e amministrativo, nonchè un importante snodo economico e commerciale. Nelle strade centrali della capitale si possono ammirare il Parlamento, ospitato in un edificio storico, e numerosi importanti palazzi come il Palazzo della Repubblica. Un tour della capitale del Sudan vi permetterà di ammirare diverse moschee, alcune chiese cattoliche ma soprattutto numerosi edifici in stile coloniale inglese o in stile arabo. La capitale del Sudan conserva infatti un patrimonio culturale vario che risente dell’influenza delle diverse popolazioni che abitarono l’area nel corso dei secoli.

Vi consigliamo la visita al Sudan National Museum, dove potrete approfondire la conoscenza della storia del Sudan grazie ai numerosi reperti appartenenti al Regno di Kush, al Regno di Nubia e all’Antico Egitto. Inoltre, nelle vicinanze dell’edificio museale, si trovano due templi egiziani, il tempio di Buhen e il Tempio di Semna. La capitale del Sudan ospita anche un Giardino Botanico e il Museo Etnografico, situato vicino al ponte Mac Nimir per poter scoprire le tradizioni della vita culturale sudanese.

La vicina zona di Omdurman si presenta come una città parallela, infatti questo centro è stato anticamente la città capitale. Oggi custodisce numerosi siti di interesse turistico, tra cui vi sono il Mausoleo dei Mahdi e il Museo della Casa di Khalifa, ma i viaggiatori vengono a Omdurman soprattutto per visitarne il famoso mercato. Il Mercato di Omdurman è uno dei luoghi più caratteristici della capitale del Sudan e sicuramente è il luogo giusto per immergersi completamente nella colorata vita locale. Qui è possibile trovare prodotti artigianali locali e ovviamente moltissimi prodotti alimentari. A ovest di Omdurman si trova anche il mercato dei camelli, un frequentatissimo luogo di commercio e scambi di questi utilissimi animali.

Il Sudan è caratterizzato da un clima tropicale continentale che presenza variazioni stagionali, in più nelle zone desertiche si verificano forti escursioni termiche tra il giorno e la notte. A nord della capitale del Sudan si trova il Deserto del Bayuda, che insieme al Deserto di Nubia, costituisce la parte orientale del grande Deserto del Sahara. L’itinerario alla scoperta della capitale del Sudan non può non comprendere un’escursione nel deserto per vedere da vicino le rocce nere di origine vulcanica. Il percorso permette di scoprire anche che queste regioni sono meno desertiche di quello che sembra, vicino ai pozzi vi capiterà infatti di incontrare le carovane dei Bisharin, una popolazione nomade che si sposta nella regione con cammelli e bestiame.

Nei dintorni della capitale del Sudan si trovano inoltre diversi siti di interesse turistico, come ad esempio i siti archeologici di Meroe e molti altri lungo il corso del Nilo. Per ammirare l’immenso patrimonio naturale si possono organizzare inoltre escursioni sulle catene montuose che si trovano a ovest del Darfur o lungo la riva del Mar Rosso.

Il Sudan è un paese ricco di meraviglie naturali e di monumenti storici, purtroppo il Paese soffre da anni di instabilità economica e tensioni politiche, vi raccomandiamo quindi prudenza sia negli spostamenti che durante il soggiorno nella capitale. È opportuno inoltre ricordare che in Sudan vige la legge coranica della sharjia, per questo occorre non dimenticare di mantenere un comportamento e un abbigliamento rispettoso.

Visitare la capitale del Sudan, Khartum