Pedalare sull’acqua: in una riserva naturale del Belgio

Si chiama "Fietsen door het water", ed è una pista ciclabile scavata sotto il livello dell'acqua capace di regalare un'esperienza unica

Avresti mai pensato di poter pedalare sull’acqua? In Belgio è possibile. O, meglio, è questa la sensazione che si vive quando si percorre la Fietsen door het water.

Siamo nel Limburgo, la provincia più orientale della Fiandre (al confine coi Paesi Bassi). Qui, nel suo cuore, si trova la riserva naturale De Wijers, un piccolo paradiso fatto di laghetti d’ogni dimensione, di centinaia d’uccelli acquatici e di un’atmosfera bucolica e pacifica, che toglie il fiato ai ciclisti e agli escursionisti che qui si recano per lunghe passeggiate o per rilassanti gite in bicicletta.

Fonte: Facebook (De Wijers)

All’interno della riserva – straordinaria unione tra cultura, natura e storia che si estende su sette municipalità – è stata inaugurata un pista ciclabile unica nel suo genere. Più che di un lungo itinerario, si tratta in realtà di un suggestivo tratto che – coi suoi 212 metri per tre di larghezza – è stato scavato sotto il livello dell’acqua, e permette quindi di pedalare col laghetto ad altezza ad occhi, sia a destra che a sinistra. L’effetto? Pare sia sensazionale, come se è proprio sull’acqua che si pedalasse.

Realizzata in cemento, l’originale pista ciclabile ha gli argini alti mezzo metro ed è quindi sicura per tutti, grandi e bambini. “Non hai bisogno di indossare stivali di gomma o una muta perché, se sarai fortunato, rimarrai asciutto. Ma la pista ciclabile ti permetterà di attraversare il laghetto, da una sponda all’altra, e ad un certo punto ti troverai a pedalare con l’acqua ad altezza occhi da entrambi i lati“, si legge sul sito del turismo del Limburgo.

Fonte: http://www.visitlimburg.be (Ph: Luc Daelemans)

L’obiettivo della Fietsen door het water – parte della fitta rete di percorsi ciclabili che attraversa tutta la regione – è quello di promuovere il cicloturismo in questo straordinario angolo di Belgio, e in particolare in quella riserva che, coi suoi 700 laghetti e i suoi punti d’interesse storico-naturalistico, merita d’essere conosciuta.

Perché non c’è solo la straordinaria pista nell’acqua, qui, ma c’è tutto un susseguirsi di monumenti naturali e non solo, capaci d’attirare l’attenzione di tutti e di regalare un’esperienza indimenticabile.

de wijers

Fonte: Facebook (De Wijers)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pedalare sull’acqua: in una riserva naturale del Belgio