Castelli abbandonati, una vacanza da brivido

Un tempo abitati da nobili famiglie, oggi questi antichi manieri sono desolatamente vuoti. Ma il loro fascino rimane intatto. Un tesoro nascosto in Europa (Italia compresa) e nel mondo

Se amate i luoghi affascinanti, ma allo stesso tempo desolati e circondati da un’aura di mistero, nella lista dei vostri viaggi non può mancare una visita ai castelli abbandonati. Di edifici un tempo abitati da nobili famiglie e ora caduti in rovina se ne possono trovare molti, soprattutto in Europa. Ognuno con una storia diversa e un’atmosfera suggestiva, in grado di meravigliare anche il turista più scettico.
L’Irlanda è uno dei paesi più ricchi da questo punto di vista. Sulla costa occidentale dell’Isola di smeraldo possiamo ammirare il Ballycarbery castle, distrutto dai cannoni inglesi nella Guerra dei Tre Regni del XVII secolo, o il Leamaneh Castle, situato più Nord. Nella lingua gaelica il suo nome significa “il balzo del cavallo”. In Irlanda del Nord troviamo il castello di Dunluce, famoso in tutto il mondo dopo la sua comparsa sulla copertina di un album dei Led Zeppelin.
In Scozia spicca il Crichton Castle, sulle rive del fiume Tyne, non lontano da Edimburgo. Lì venne assassinato il conte William Douglas. Notevole anche il castello di forma triangolare di Caerlaverock, sopravvissuto a numerosi assedi nel corso dei secoli.
Più recente lo Chateau Miranda, o Château de Noissy, in Belgio. Un capolavoro d’arte neogotica abbandonato dal 1990 e purtroppo quasi distrutto da un incendio nell’estate del 2017. In passato era stato utilizzato anche per le riprese cinematografiche di alcuni film.
Sempre un incendio, ma questo del 1780, distrusse lo spettacolare castello di Spis, nell’omonima regione della Slovacchia.
Anche in Italia non mancano le idee per un weekend all’insegna del mistero. In Piemonte il Castello di Rovasenda versa in stato di abbandono, ma all’interno nasconde un vero e proprio tesoro, con stanze affrescate e antichi stemmi nobiliari. A Napoli invece troviamo Villa Ebe, denominata anche Castello di Pizzofalcone. Un capolavoro neogotico devastato da un incendio di origine dolosa nel 2000, ma ancora pieno di fascino, nonostante il suo stato di abbandono.
Se invece avete in programma un viaggio negli Stati Uniti non potete perdervi il Castello Bannermann, nello stato di New York, devastato all’interno da un’esplosione di munizioni e successivamente da un incendio, oppure il Bennett College, un collegio femminile riconvertito come hotel e successivamente fallito.

Castelli abbandonati, una vacanza da brivido