Come scegliere gli sci?

Quali sono le varie categorie di sci e e come scegliere correttamente il modello giusto

Paolo De Luca

Paolo De Luca Maestro di escursionismo e di sci

Nello sci da discesa le tipologie di attrezzo si dividono in quattro macro categorie, le quali si individuano sulla base di caratteristiche fondamentali come “anima”, “sciancratura” e “utilizzo”: sci race, sci allround, sci all mountain e sci freeski da freestyle e freeride.

La tecnicità di uno sci si valuta principalmente in base alla sua rigidità strutturale, determinata soprattutto dai materiali impiegati per realizzarne l’anima, cioè la parte più interna, di solito in legno, iniettata oppure composita. In generale, più lo sci è rigido – sci race, allround e all mountain high performance – più risulterà essere tecnico e performante.

All’inverso, più la sua struttura sarà morbida – all mountain sport performance – più sarà facile e meno faticoso. Per sciancratura si intende la forma dello sci in situazione statica che ne determina il raggio di curva; maggiore sarà la differenza tra larghezza di spatola – centro – coda minore sarà il raggio di curva possibile. Immagina di appoggiare lo sci a terra e disegnare con la matita il suo profilo; proseguendo all’infinito questa linea otterrai un cerchio il cui raggio ti indicherà il comportamento teorico del tuo sci. È importante sottolineare che il raggio di curva dinamico è invece praticamente impossibile da calcolare, in quanto la deformazione dello sci in fase dinamica farà variare continuamente la distanza tra punta e coda e di conseguenza il raggio di curva stesso.

Vediamo ora quali sono le varie categorie di sci, a chi sono più congeniali, per quale tipo sono più adatti e come sceglierne correttamente le misure.

RACE
Gli sci race si dividono in due sotto categorie: slalom gigante e slalom speciale. Gli sci da slalom gigante sono adatti a un utilizzo in pista a velocità elevate, con massima stabilità e ottima presa di spigolo su neve dura. Sono adatti a sciatori atletici che prediligono curve a raggio ampio con capacità da buone ad agonista. La misura consigliata va dall’altezza della persona (sciatori leggeri e meno aggressivi) fino a 5 cm in più (sciatori pesanti o molto aggressivi).

Gli sci da slalom speciale sono adatti a curve a raggio corto e garantiscono un’elevata rapidità di inversione dello spigolo, con ottima reattività e maneggevolezza. Sono adatti a sciatori che prediligono le curva a raggio medio – corto con capacità da buone ad agonista. Le misure consigliate vanno da 5 fino a 15/20 cm in meno della persona in base alla propria morfologia e capacità tecnica.

SCI ALLROUND
Gli sci allround sono adatti alla maggioranza degli sciatori: molto maneggevoli, si guidano con poca forza e perdonano di più gli errori. Lo sciatore allround alterna curve condotte (cioè con la completa padronanza degli sci) a curve derapate (scarsa padronanza degli sci) e curve a raggio medio – ampio a curve a raggio medio – stretto. Sono pertanto attrezzi estremamente versatili adatti a sciatori anche di ottimo livello che desiderano uno sci adatto a varie situazioni.

In questa grande categoria troviamo attrezzi allround sport performance – più indicati per sciatori principianti e in evoluzione – con strutture morbide sia in flessione che torsione per facilitare l’ingresso in curva e la conduzione, e sci allround high performance – per sciatori esperti – più aggressivi e dinamici, decisamente più stabili ad alta velocità e in grado di garantire un’ottima conduzione e un raggio di curva a metà tra short turn e long turn. Spesso gli sci allround hanno un centro piuttosto largo che ne aumenta equilibrio, stabilità e adattabilità a tutti i tipi di neve. Inoltre, pur essendo sci da pista a tutti gli effetti non disdegnano sporadiche apparizioni in neve fresca. Per quanto riguarda la misura corretta, più che l’altezza dello sciatore ne vanno tenuti in considerazione il peso, l’abilità e la capacità di guida. Per sciatori meno esperti altezza – 10/15 cm, per sciatori tecnici o più pesanti invece si consigliano attrezzi di lunghezza che va da uguale all’altezza dello sciatore fino a 5/10 cm in meno.

SCI ALL MOUNTAIN
Gli sci all mountain sono molto simili agli allround ma sono decisamente più larghi e in alcuni casi più morbidi in deformazione. Sono quindi l’ideale per gli sciatori che si avventurano spesso fuori dalle piste in quanto la loro geometria più larga garantisce un migliore galleggiamento e controllo sui tracciati non battuti. Nonostante questo garantiscono una buona stabilità e tenuta ad alte velocità sulle piste con neve dura e compatta. Il loro limite, vista la larghezza del centro sci, è la rapidità di inversione nei cambi di spigolo dinamici.

Tutti i modelli all mountain sono pensati per muoversi benissimo sia in pista che fuori. Ci sono però delle differenze: più è largo lo sci, migliore è il suo comportamento fuori pista, più è sciancrato, più si adatta al carving su tracciati battuti. Anche per questa categoria è possibile suddividere il prodotto in due sottocategorie: sci all mountain sport performance (adatti a sciatori principianti e in evoluzione) e sci all mountain high performance (per sciatori esperti). Per la scelta della misura si può stare sui 5/10 cm in meno della persona per gli sciatori poco esperti, dall’altezza della persona fino a 5 cm in più per quelli con maggiore esperienza.

SCI FREESKI
In questa categoria troviamo gli sci freeride e gli sci freestyle. Per le loro caratteristiche gli sci freeride sono adatti nella neve fresca. Presentano una larghezza decisamente accentuata di tutto il profilo dell’asta per permettere la massima galleggiabilità. La sciancratura più ampia della parte anteriore (fino alla zona dell’attacco) permette una buona maneggevolezza, mentre la sciancratura più ridotta nella parte posteriore conferisce maggiore stabilità e prese di spigolo meno aggressive.

Molti sci da freeride di ultima generazione presentano una forma “rocker”, in modo che punta e coda risultino particolarmente sollevate dal terreno per produrre un’ottima forza di galleggiamento, a svantaggio tuttavia di un minor controllo in pista e su neve dura. Per la scelta della misura, i criteri sono vari: per gli sciatori esperti o pesanti si arriva fino a 10 cm in più rispetto alla propria altezza. E’ possibile diminuire la misura per gli sciatori meno potenti o per chi necessita di maneggevolezza per passaggi nei boschi o in canalini stretti.

Gli sci freestyle sono attrezzi con qualità allround che, grazie alla forma twin tip (doppia punta), risultano essere molto maneggevoli in tutte le situazioni. Sono sci per tutti, leggeri e maneggevoli, facili da condurre anche in andature in back, nei salti e in tutte le evoluzioni della “new school”. Per questi sci è importante notare la posizione di montaggio degli attacchi: se montati centralmente portano lo sci ad adattarsi al meglio alle acrobazie in park, se montati più indietro rispetto al centro sci rendono invece l’attrezzo più stabile e adatto ad un utilizzo in pista o fuori pista. Per la scelta della misura si va dall’altezza della persona fino a 5/10 cm in meno.

Paolo De Luca Maestro di escursionismo e di sci Nato e cresciuto in montagna, per lui è sempre stato naturale viverla sia d’inverno sia d’estate. La sua passione ha fatto sì che diventasse Maestro di escursionismo e Maestro di sci alpino, collaborando con la Scuola di Sci Claviere (TO) e con la stazione internazionale di Le Deux Alpes (Francia). Amico di Gustav Thoeni, con il campione olimpico condivide la convinzione che in montagna non esistano titoli e che non si finisca mai di imparare, perché il segreto sta nell’umiltà e nel rispetto delle regole dettate dalla sicurezza

Come scegliere gli sci?