5 cose da fare in Belgio, tra scorci da fiaba e mulini a vento

Bando alle solite banalità: canali, scorci medievali e pietanze speciali sono ciò che serve per vivere a pieno il Belgio

Se state pianificando una vacanza è ovvio che avrete voglia di vedere qualcosa di più oltre a quelle consigliate dalle solite, monotone guide. Magari vi interessa scoprire città oniriche e incantevoli, assaggiare specialità imperdibili e di fare esperienze fuori dal comune: ecco allora le nostre 5 cose da fare in Belgio fanno proprio per voi.

Arrivando in questo Paese la priorità è scoprire le sue gemme più brillanti: d’altro canto non c’è solo Bruxelles. Provate a scegliere una delle mete che vi consigliamo o a vivere una delle esperienze elencate: non ve ne pentirete!

Scoprire le bellezze di Dinant

Affascinante e pittoresca, Dinant sorge sul fiume Mosa che sembra farle da specchio, facendola brillare a tutte le ore. Una mini-crociera sul fiume è d’uopo se arrivate in città nei mesi estivi o primaverili, altrimenti potrete godervi il lungofiume a piedi. Il nome Dinant si traduce in “Valle Divina” (dal celtico) e in effetti l’atmosfera romantica la fa proprio sembrare un posto che gli dei sceglierebbero per passare qualche giorno sulla terra.

Tra le cose da visitare sono da segnalare la Cittadella Medievale e la Collegiata di Notre Dame. Un’altra curiosità su Dinant? È la città di nascita del sassofono, perché ha dato i natali ad Adolphe Sax, che lo creò nella prima metà dell’800.

Fare una passeggiata a Bruges

Ci sono posti che lasciano a bocca aperta: Bruges è proprio uno di quelli. Si tratta di una città relativamente piccola, ma che riesce a essere straordinariamente carica di attrazioni. A lasciare il segno è sicuramente il suo aspetto da fiaba: i canali, gli edifici antichi e le strade ciottolate, così come gli ampi spazi verdi, fanno quasi pensare a un paese uscito dai racconti dei fratelli Grimm.

A Bruges si possono scoprire perle come la Basilica del Sacro Sangue, che ospita una reliquia di Cristo, l’incredibile Groeningemuseum, con la sua gigantesca collezione di pittori fiamminghi, o fare una passeggiata tra il vecchio fossato e le porte della città medievale per scoprire i mulini a vento.

Visitare Anversa, perla fiamminga

Quando si parla di Anversa non si può fare a meno di pensare ai diamanti. Sì, perché questa città, oltre a essere la seconda più grande del Belgio (e il suo più grande porto), è stata per lunghissimo tempo un luogo attrattivo per ricchissimi magnati e donne altolocate, oltre che proprio per commercianti di queste spettacolari pietre preziose e di sete.

Ad oggi mantiene un legame con il passato proprio per via di sete e gioielli: il suo panorama del fashion e della moda è uno dei più vibranti in assoluto. Visitare Anversa significa scoprire una città viva e all’avanguardia, che però non ha dimenticato la sua storia: i contrasti architettonici e le caffetterie tipiche sono testimonianza di un’anima duplice.

Assaggiare i Gaufre

Gustosi, morbidi e allo stesso tempo esplosivi: i Gaufre sono una delle pietanze più amate del Belgio. Si tratta di cialde d’impasto morbido e leggero, vagamente vanigliato e composto da farina, grano, zucchero, sale, uova e latte (o addirittura burro fuso). L’impasto viene cotto tra due piastre di metallo per dare la tipica forma a “griglia”.

Una volta pronti i Gaufre vengono serviti, caldissimi, con spolverate di zucchero a velo, cannella o altre spezie. Nei locali più tipici e nelle pasticcerie del Belgio è possibile trovare tante varianti con topping, cioccolato o addirittura gelato. Si consiglia il loro assaggio con accanto una bella tazza di cioccolata calda.

Sognare a Gand, gioiello delle Fiandre

Gand è una delle città più vibranti e affascinanti d’Europa. È ritenuta il “segreto meglio custodito” del continente, per via delle sue preziose opere monumentali e della sua vita straordinariamente fervente. Urbana e alla moda, ma allo stesso tempo ricca di storia, Gand è un gioiello fiammingo che offre tante attrazioni diverse.

Gli amanti dei panorami mozzafiato potranno raggiungere il Graslei, un punto panoramico sul canale nel centro della città, con una splendida vista sui numerosi ponti, grandi case ed edifici medievali. Chi vuole perdersi nella storia potrà invece scoprire il Castello di Gravensteen e il suo campanile, riconosciuto dall’Unesco. Da non perdere anche i tanti itinerari in bicicletta.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

5 cose da fare in Belgio, tra scorci da fiaba e mulini a vento