Domenica al museo: le straordinarie aperture del 7 luglio in tutta Italia

Il 7 luglio torna l'iniziativa #domenicaalmuseo che prevede l'ingresso gratuito nei musei e parchi archeologici italiani: una selezione da Nord a Sud

Foto di SiViaggia

SiViaggia

Redazione

Il magazine dedicato a chi ama viaggiare e scoprire posti nuovi, a chi cerca informazioni utili.

Dopo il successo dell’iniziativa #domenicaalmuseo il 2 giugno che ha visto un’affluenza di 286.054 persone, domenica 7 luglio si rinnova l’appuntamento voluto dal Ministero della Cultura che consente l’ingresso gratuito nei musei e parchi archeologici italiani ogni prima domenica del mese.

Si tratta di un’iniziativa molto apprezzata dal pubblico: le visite si svolgeranno con i soliti orari di apertura delle singole strutture, con l’accesso previa prenotazione laddove previsto.

Da Nord a Sud, sono numerosi i musei e i parchi archeologici, dai più famosi a quelli forse meno conosciuti, che partecipano all’iniziativa #domenicalmuseo offrendo l’ingresso gratis: l’elenco completo, costantemente aggiornato, è disponibile sul sito ufficiale del Mibact. Di seguito, vi proponiamo alcune idee interessanti.

I musei che aderiscono nel Nord Italia

In Piemonte, a Torino, ingresso gratuito domenica 7 luglio ai Musei Reali, a Villa della Regina e a Palazzo Carignano, in provincia aderisce il Complesso monumentale del Castello Ducale, giardino e parco di Aglié mentre nel Cuneese il Complesso monumentale del Castello e Parco di Racconigi. In Liguria, ad esempio, saranno visitabili gratis i Musei nazionali di Genova – Museo Palazzo Reale di Genova nonché il Palazzo Spinola, il Castello di San Terenzo a Lerici, e l’Area archeologica di Nervia (Ventimiglia).

Spostandoci in Lombardia, tra le molteplici proposte non mancano le Grotte di Catullo, il Museo Archeologico e il Castello Scaligero di Sirmione, la Pinacoteca di Brera e il Cenacolo Vinciano a Milano, il Complesso Monumentale e Museo della Certosa di Pavia e il Museo di Palazzo Ducale e il Museo Archeologico Nazionale a Mantova. In Veneto, invece, troviamo tra gli altri il Parco nazionale delle Incisioni Rupestri di Capodimonte, l’Area Archeologica di Feltre (Belluno), il Museo Archeologico nazionale di Verona nonché le Gallerie dell’Accademia, la Biblioteca Nazionale Marciana, la Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro, il Museo d’Arte Orientale e il Museo di Palazzo Grimani a Venezia.

In Friuli Venezia Giulia, si entra gratuitamente al Museo archeologico nazionale di Cividale del Friuli, alla Basilica paleocristiana di via Madonna del Mare e al Museo Storico e Parco Castello di Miramare di Trieste mentre in Emilia Romagna, a Ravenna alla Basilica di Sant’Apollinare in Classe, al Mausoleo di Teodorico, al Museo Nazionale e il Battistero degli Ariani, ai Musei Nazionali – Pinacoteca di Bologna, e al Complesso Monumentale della Pilotta a Parma.

I musei che aderiscono nel Centro Italia

Tra l’ampia scelta, in Toscana non mancano le Gallerie degli Uffizi, il Museo del Bargello, il Museo archeologico nazionale, il Giardino di Villa Il Ventaglio, il Giardino della Villa a Castello e Villa della Petraia a Firenze, i Musei nazionali di Siena – Pinacoteca nazionale di Siena, il Museo nazionale di Villa Guinigi e la Pinacoteca nazionale e Museo di Palazzo Mansi di Lucca, nelle Marche il Museo archeologico statale di Ascoli Piceno, la Rocca demaniale di Gradara, il Palazzo Ducale di Urbino – Galleria nazionale delle Marche nonché il Palazzo del Lapidario, e ad Ancona il Museo archeologico nazionale delle Marche e il Museo tattile statale Omero.

In Abruzzo, per fare qualche esempio, domenica 7 luglio è possibile visitare gratis l’Abbazia di Santo Spirito al Morrone (Sulmona), il Museo casa natale di Gabriele d’Annunzio a Pescara, il Museo archeologico nazionale di Campli (Teramo), e in Molise a Campobasso, il Museo archeologico nazionale e Palazzo Pistilli, e il Santuario italico di Pietrabbondante (Isernia).

I musei che aderiscono nel Sud Italia

Infine, per quanto riguarda le aperture nel Sud Italia, in Campania a Napoli troviamo il Museo Archeologico nazionale, la Certosa Museo di San Martino, il Palazzo Reale, la Crypta Neapolitana, Castel Sant’Elmo e Museo del Novecento, e il Complesso monumentale e Biblioteca dei Girolamini, la Certosa di San Lorenzo a Padula (Salerno), nonché i celebri Parchi Archeologici di Pompei, Ercolano e i Campi Flegrei.

In Basilicata, il Parco archeologico di Herakleia e il Museo archeologico nazionale della Siritide a Policoro, i Musei nazionali di Matera e il Museo archeologico nazionale della Basilicata “Dinu Adamesteanu” a Potenza, in Puglia Castel del Monte ad Andria, il Castello Svevo di Trani, il Museo nazionale archeologico di Altamura, e il Museo archeologico nazionale di Taranto – MArTA.

Concludiamo la carrellata con la Calabria dove usufruire dell’ingresso gratuito alla Galleria Nazionale di Cosenza, alla Cattolica di Stilo, al Museo archeologico lametino di Lamezia Terme e alla Chiesa di San Francesco d’Assisi di Gerace, e con la Sardegna dove ammirare la Pinacoteca nazionale e il Museo nazionale archeologico ed etnografico “Giovanni Antonio Sanna” di Sassari, il Museo archeologico nazionale di Cagliari e l’Altare prenuragico di Monte d’Accoddi (Sassari).