Vernazza, il borgo marinaro dai mille colori a picco sul Mar Ligure

Spiagge, chiese e un castello: a Vernazza, località delle Cinque Terre, c'è molto da scoprire e da ammirare

Se Vernazza fosse un quadro sarebbe sicuramente un acquerello. Un dipinto che mette allegria solo a guardarlo, in cui c’è spazio per tutti i colori dell’arcobaleno: il blu del mare, il rosa e l’arancione delle abitazioni a ridosso della spiaggia, il verde dei vigneti e perfino il rosso delle gote dei passanti e dei naviganti, sintomatico delle emozioni che questo scenario, così bello quanto straordinario, è in grado di trasmettere a chi ha il privilegio di posare lo sguardo su di esso.

Il borgo di Vernazza | Ph. MartinM303 (iStock)

Vernazza è uno di quei borghi da visitare almeno una volta nella vita, insomma, non fosse altro per toccare con mano quanto grandi possano essere, a volte, l’estro e il talento di sua signora Madre Natura. Scopriamo ora, nel dettaglio, cosa vedere in questa splendida località della Liguria.

La storia di Vernazza

Il fatto stesso che Eugenio Montale ne sia rimasto stregato al punto tale da dedicargli dei versi, la dice lunga sul fascino irresistibile di questo borgo. Un luogo unico al mondo che fa parte, dal 1999, del Parco Nazionale delle Cinque Terre e che, per ovvie ragioni, è una delle attrazioni principali di questo tratto di costa. Così come le altre perle che costellano la Riviera ligure di Levante, anche Vernazza ha origini antichissime.

I primi insediamenti risalgono al periodo romano, ma fu solo nel Medioevo che i popoli iniziarono ad intuire le potenzialità di questo borgo, posto in una posizione a dir poco strategica. Vernazza fu per lungo tempo l’unica, tra le Cinque Terre, a vantare un porto che offrisse riparo in caso di bisogno. E che fu più volte sfruttato, per questa ragione, ai tempi delle Repubbliche Marinare.

I luoghi d’interesse di Vernazza

Vernazza sorge in cima ad un promontorio che si tuffa direttamente in mare e che può essere raggiunto solo attraversando la cosiddetta strada Litoranea. Questo luogo da cartolina può essere idealmente suddiviso in due parti differenti, ma comunicanti: da una parte c’è l’insenatura naturale con il suo delizioso porticciolo, cavallo di battaglia di Vernazza e attrazione imperdibile, dall’altra c’è un centro storico che eguaglia, in fascino e bellezza, l’area a ridosso del mare.

Il Castello dei Doria a Vernazza | Ph. Nikkusha (iStock)

Il modo migliore per scoprire tutto quello che Vernazza ha da offrire è girarla a piedi, in un itinerario sospeso tra mari e monti capace di regalare emozioni impareggiabili. La prima tappa di questo tour potrebbe essere il Castello dei Doria, una fortezza medievale dalla quale è possibile godere di una vista mozzafiato sul borgo.

Vale la pena visitare anche la Chiesa di Santa Margherita d’Antiochia, dietro la cui costruzione si cela un’affascinante leggenda: pare che nell’antichità gli abitanti del luogo avessero trovato lungo la spiaggia una scatola di legno al cui interno erano custodite le ossa di un dito di Santa Margherita. La reliquia scomparve dopo un po’, ma venne nuovamente ritrovata nello stesso punto. Da qui la decisione, più o meno nel ‘300, di erigere un edificio di culto in onore di questa figura.

Passeggiando per il centro storico ci s’imbatterà, ad un certo punto, nel torrione della città: si tratta di un’opera fortificata, in posizione opposta rispetto al castello, che indica l’esatto punto in cui le mura di Vernazza iniziavano ufficialmente.

La Chiesa di San Pietro, nella frazione di Corniglia | Ph. MStudioImages (iStock)

Si trova nella frazione di Corniglia, invece, la Chiesa di San Pietro, che attira subito l’attenzione con la sua doppia architettura: parte della struttura è in stile gotico, mentre altri dettagli rimandano alla tradizione barocca. La facciata, interamente realizzata in pietra, è ornata da vetrate che sono opera del maestro Longaretti e da un rosone in marmo bianco di Carrara.

Il mare di Vernazza

Chi ha voglia di tuffarsi nelle acque cristalline del Mar Ligure troverà, a Vernazza, due spiagge meravigliose: una di esse si estende proprio accanto alla chiesa di Santa Margherita, mentre la seconda si raggiunge attraversando una grotta che dalla piazza del paese arriva direttamente a due passi dalla riva.

La spiaggia di Vernazza | Ph. Filippo Bacci (iStock)

Non si tratta di spiagge ampie e servite da stabilimenti balneari di lusso. Sono piuttosto piccole, ma il paesaggio in cui sono incastonate le rende assolutamente deliziose in tutto e per tutto. Il luogo ideale in cui prendere il sole, fare un tuffo, rilassarsi ed entrare in contatto con la natura maestosa ed imponente che, con grande maestria, ha dato vita a quel paradiso che oggi chiamiamo Cinque Terre.

  • [contact-form][contact-field label="Nome" type="name" required="true" /][contact-field label="E-mail" type="email" required="true" /][contact-field label="Sito web" type="url" /][contact-field label="Messaggio" type="textarea" /][/contact-form]

    Vernazza, il borgo marinaro dai mille colori a picco sul Mar Ligure

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vernazza, il borgo marinaro dai mille colori a picco sul Mar Ligu...