Terme di Acqui: dove il benessere è al primo posto

La grande tradizione termale di queste terme piemontesi dalle antiche origini

Ad Acqui Terme, in Piemonte, sono presenti diverse strutture termali dove riuscire a prendersi cura del proprio benessere psico-fisico. Le Regie Terme Acqui presentano molteplici trattamenti curativi presso i due rinomati Stabilimenti di cura. Le Nuove Terme sono ubicate nel centro città e sono aperte tutto l’anno. Si collegano con lo storico Grand Hotel Nuove Terme che ha al suo interno un moderno centro benessere dotato di piscina con acqua termale. Un’altro stabilimento è il Regina in zona Bagni ed è annesso all’albergo adiacente.

Le sorgenti termali di questa zona hanno origini antichissime e sono state utilizzate fin dall’epoca dei romani. Sono presenti tre principali fonti dalle quali scaturiscono acque benefiche. La prima è chiamata la Bollente e alimenta gran parte degli stabilimenti presenti. E’ ipertermale e la sua temperatura raggiunge i 75°C. Possiede un grande contenuto minerale ed è classificata come acqua sulfureo-salsobromojodica. Viene impiegata nella terapie reumatologiche, ortopediche, otorinolaringoiatriche, pneumologiche e ginecologiche. Utile nelle affezioni dermatologiche e in gastroenterologia.

Esistono poi le fonti del Lago delle Sorgenti. Sono acque termali che si raccolgono in due bacini e utilizzate anche in concomitanza con i fanghi terapeutici prodotti. Vengono utilizzate nella S.p.a. Lago delle Sorgenti e, insieme all’acqua della Bollente, negli Stabilimenti di cura. Può essere definita un’acqua ipertermale con un contenuto minerale di 2.500 mg/litro. Presenta le stesse proprietà terapeutiche della Bollente e viene impiegata per le identiche problematiche salutari.

La fonte chiamata dell’Acqua Marcia è stata scoperta nella seconda metà del Settecento. Inizialmente venne usata per i bagni terapeutici nello Stabilimento Antiche Terme. Oggi è impiegata anche per trattamenti inalatori grazie al suo grande contenuto di solfuri. Risulta essere un’acqua fredda che sgorga a 19°C, possiede un elevato contenuto minerale ed è classificata come sulfureo-salsobromojodica. Recentemente non è utilizzata con costanza per problemi impiantistici, nonostante sia indicata per numerose cure inalatorie e per trattamenti dermatologici.

In tutta la zona sono presenti diversi siti di interesse storico-culturale da visitare. La stessa città di Acqui Terme, Alessandria, vanta origini antichissime ed è ricca di attrattive artistiche dall’immenso valore. Numerosi sono i siti archeologici da scoprire come quelli della Piscina Romana oppure i maestosi resti dell’ Acquedotto Romano sul greto del fiume Bormida.

Immagini: Depositphotos

Terme di Acqui: dove il benessere è al primo posto