Riva di Solto, l’angolo più selvaggio della Lombardia

Il borgo lombardo che nasconde degli angoli selvaggi che mozzano il fiato

Guardando le immagini di questo angolo di mondo verrebbe facile pensare di essere ovunque tranne che in Italia. Invece, non è così. Questo luogo, infatti,  appartiene alla zona di Riva di Solto, in provincia di Bergamo, una delle aree più selvagge della Lombardia. Un territorio così particolare e incontaminato da catapultare direttamente tra i paesaggi asiatici, come quelli delle Filippine.

Riva di Solto si trova a circa un’ora e mezza da Milano ed è un bellissimo e quieto borgo che però regala scorci estremamente suggestivi poiché lambito dall’affascinante Lago d’Iseo. Questo, infatti, lungo la strada litoranea tra Riva di Solto e Castro regala uno spettacolo impressionante fatto di alte lastre di roccia scoscese che formano una piccolissima insenatura con annessa una spiaggetta.

Senza alcun dubbio l’orrido del Bogn a Riva di Solto mostra il lato più selvaggio e puro del famoso bacino lacustre lombardo. Questo si può costeggiare a piedi con una passeggiata in pianura di circa 2,5 km, oppure ammirare comodamente in macchina. Tuttavia, è meglio farlo sulle proprie gambe poiché gli scorci nascosti e segreti che regala la vista di questa baia poco conosciuta lasciano davvero senza parole.

Impossibile non rimanere colpiti, infatti, dai mastodontici lastroni verticali a strapiombo nel lago dal ponte. Del resto, questa è una zona dalla bellezza mozzafiato. Dal Bogn, inoltre, parte la strada litoranea a picco sul lago, interamente scavata nella roccia e percorribile in auto verso il paese di Castro, che offre scorci e paesaggi particolarmente emozionanti.

E per finire non può di certo mancare una visita al borgo medievale di Riva di Solto, un paesino che con i suoi antichi palazzi, i giardini secolari e il suggestivo lungolago affascina per l’eleganza d’altri tempi. Basti pensare alla chiesetta di San Rocco, la cui prima attestazione risale al 1526; la chiesa di San Bernardino, costruita nel 1482, con ricchi affreschi oggi conservati nella più capiente chiesa parrocchiale e la chiesetta di S. Cassiano a Gargarino, eretta presumibilmente intorno al X secolo, all’interno della quale si possono ammirare meravigliosi affreschi del ’300 e ‘400.

Insomma, Riva di Solto regala angoli selvaggi e incredibili del Lago d’Iseo, ma è anche e davvero un gioiello medievale da non perdere.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Riva di Solto, l’angolo più selvaggio della Lombardia