Scoperta la grotta più profonda dell’Asia

Misura 238 km e contiene 138 grotte e 5 fiumi: è la grotta più profonda del continete asiatico e si trova in Cina

Un enorme sistema di caverne è stato scoperto nel Sud-Est della Cina. Secondo gli esperti speleologi si tratterebbe della più grande grotta mai ritrovata in tutta l’Asia.

Le caverne Shuanghe – perché di fatto si tratta di diverse cavità distribuite una di seguito all’altra – si trovano nella provincia cinese di Guizhou, si estendono per 238,48 chilometri e coprono un’area equivalente a quella di tre città messe assieme.

Questo sistema di grotte è lungo 16 km in più rispetto alla caverna Gua Air Jernih che si trova in Malesia e che finora era considerata la grotta più lunga del pianeta.

La grotta cinese ha una conformazione piuttosto complessa: dentro scorrono addirittura cinque fiumi sotterranei, ci sono delle cascate e si dirama per ben 118 gallerie.

La grotta di Shuanghe non solo è oggi la più grande al mondo, ma al suo interno si trovano fossili di fondamentale importanza scientifica: si tratta di resti di specie ormai estinte da secoli, che rappresentano la testimonianza dei cambiamenti ecologici e climatici che la Terra ha subìto. Questa scoperta potrebbe aiutare nello studio anche dei futuri cambiamenti climatici.

Spedizioni di scienziati provenienti dall’Europa, dal Giappone e dalla stessa Cina avevano effettuato scavi in questa zona fin dal 1987. Da allora, erano stati rinvenuti oltre 100 km di caverne.

Oggi Shuanghe è stato dichiarato un Parco nazionale geologico, ma le autorità cinesi vorrebbero che diventasse un Parco geologico di importanza mondiale.

Scoperta la grotta più profonda dell’Asia