Preikestolen, la roccia a picco sui fiordi norvegesi

Un pulpito di roccia a strapiombo sul Lysefjord

Il suo nome significa ‘pulpito di roccia’ ed è l’attrazione turistica più famosa di Ryfylke, in Norvegia. Si innalza a 604 metri sul Lysefjord. Nell’antichità era chiamato Hyvlatanna (‘dente piatto’).

Preikestolen, che misura circa 600 metri quadrati, si è formata con lo scioglimento dei ghiacci oltre 10mila anni fa. La roccia sembra essere stata tagliata con il coltello. L’angolo retto è ben visibile una volta giunti in cima.

Per raggiungere la cima, consigliata tra aprile e ottobre, si arriva fino a Tau. Da qui parte un sentiero sterrato che arriva fino a Preikestolen. L’escursione che parte dal parcheggio più vicino richiede 3-4 ore tra andata e ritorno. Lungo il tragitto di 3,8 km si incontrano aree per il pic-nic e pozze d’acqua in cui fare il bagno. La città di Stavanger, capoluogo della regione, dista dal sito solo 25 km.

Se soffrite di vertigini, lo spettacolo è altrettanto bello se visto dal fiordo. E’ possibile imbarcarsi su un traghetto panoramico o recarsi dall’altra parte del fiordo, nel villaggio di Forsand.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Preikestolen, la roccia a picco sui fiordi norvegesi