Il Blue Monday si combatte con un viaggio. Lo dice la scienza

Secondo i medici, il terzo lunedì dell’anno è considerato il più triste. Gli esperti di viaggio hanno trovato la cura

Il Blue Monday è il giorno più triste dell’anno. Secondo i medici, il ritorno al lavoro e alla routine quotidiana dopo parecchi giorni lontano dallo stress e dagli impegni, rende gennaio un mese difficile da vivere. Per questo, da diverso tempo, il terzo lunedì dell’anno è considerato il giorno più triste.

Cosa fare per combattere questo sentimento di “spleen” moderno? Secondo gli esperti di viaggi basta prenotare una vacanza, anche breve. Non è un messaggio promozionale, anche questo è provato. Secondo i dati degli ultimi anni, in occasione del Blue Monday è stato riscontrato un aumento medio delle ricerche di voli del 5% rispetto a quelle condotte durante gli altri lunedì di gennaio.

Inoltre, se il Blue Monday è il giorno della tristezza, il giorno successivo, il martedì, è il giorno dell’anno in cui vengono effettuate più prenotazioni (è accaduto negli ultimi tre anni di fila). E se organizzare un viaggio a lungo raggio, così, d’impulso non è semplice, lo è molto di più prenotare un break verso una destinazione vicina. Sono le Capitali europee, come Parigi, Londra, Barcellona, Lisbona e Amsterdam, quelle più prenotate dopo il Blue Monday.

Se siete alla ricerca di un’ispirazione per prenotare un weekend senza spendere troppo, ma che vi renderà sicuramente felici, ecco quali sono state le cinque città europee più felici secondo il World Happiness Report 2019.

1. Helsinki

Helsinki, la Capitale più settentrionale dei Paesi dell’Unione Europea, è stata la migliore città dove andare in vacanza nel 2019.

2. Oslo
Si è guadagnata il titolo di Capitale Verde d’Europa 2019 grazie al suo impegno nella conservazione delle aree naturali e nell’adozione di misure per ridurre l’inquinamento al fine di salvaguardare l’armoniosa coesistenza di natura e ambiente urbano.

3. Copenhagen
È una città tollerante, giovane e attenta all’ambiente, ideale per essere visitata in bicicletta.

4. Reykjavík
Nonostante il clima rigido che la contraddistingue per quasi tutto l’anno, Reykjavík può essere definita come una “meta calda” grazie allo spirito della gente che la popola. Oltre a un’intensa vita notturna.

5. Zurigo
Una città dalle mille sfaccettature, dove l’elevata qualità della vita convive con un animo profondamente rivoluzionario e la multiculturalità della sua popolazione.

L’Italia è alla posizione 36.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il Blue Monday si combatte con un viaggio. Lo dice la scienza