Zanzibar, l’eden che profuma di spezie

Colori abbaglianti, lunghe spiagge deserte, mare favoloso e una barriera corallina da sogno. In partenza per la meta low cost dell'autunno

Al largo delle coste della Tanzania, incastonato nell’Oceano Indiano, si trova l’arcipelago di Zanzibar.

 

Un paradiso terrestre formato dall’isola di Unguja, comunemente identificata con il nome dell’arcipelago stesso, Zanzibar e da Pemba, la seconda isola per grandezza.

 

Poi ci sono isole minori, come Prison Island, dove vivono le tartarughe giganti di terra, Mnemba, un parco marino protetto nonché uno dei migliori spot per il diving e lo snorkeling, Qwale e Chumbe.

 

Unguja ospita la città principale dell’arcipelago, Zanzibar City. Il suo quartiere storico, Stone Town, dichiarato Patrimonio dell’umanità dall’Unesco, è l’ideale per avvicinarsi alla storia e alle tradizioni del popolo zanzibarino.

 

Qui si possono trascorrere piacevoli momenti tra le bancarelle e i negozietti ricchi di oggetti d’artigianato locale e nelle vie centrali, dove i più curiosi possono vedere la casa natale di Freddie Mercury, fondatore dei Queen.

All’interno è ricoperta da una fitta vegetazione rigogliosa fatta di banani, palmeti giganti e di numerose piante da frutto.

 

Sulle coste è lambita da acque che assumono tonalità che variano dal verde smeraldo all’azzurro intenso, con una ricca barriera corallina, ideale per gli amanti del mare: dall’”animale da spiaggia” all’appassionato di diving e snorkeling. Un mare popolato da barracuda, squali, mante, tonni e delfini.

Zanzibar è chiamata anche l’Isola delle spezie, date le numerose piantagioni di chiodi di garofano, cannella, zenzero e noce moscata, profumi che si respirano sull’isola; un commercio rimasto a oggi una delle principali attività economiche dell’arcipelago.

 

Insomma, il luogo ideale dove trascorrere una vacanza di assoluto relax con pochi programmi per la giornata, ospiti di un popolo estremamente cordiale: di giorno, tra spiagge e snorkeling, di sera ci si riposa sull’amaca davanti a un tramonto spettacolare.

Zanzibar, l’eden che profuma di spezie