Visto turistico per l’Argentina: dove richiederlo, costi e durata

Visto turistico per l'Argentina: quando serve, dove presentare la domanda per ottenerlo, quali sono i costi e la durata di questo permesso per andare in vacanza

Il visto turistico per l’Argentina non è previsto per i cittadini in possesso di passaporto italiano o comunitario che desiderano recarsi in vacanza per periodi inferiori ai tre mesi. In loco il permesso si può estendere per altri tre mesi senza particolari procedure e le stesse condizioni valgono anche per i paesi limitrofi. Il visto in ogni caso si può chiedere direttamente all’aeroporto del Paese d’arrivo con la semplice presentazione del passaporto alla frontiera. Tale documento deve avere una validità di sei mesi dalla data di ingresso in Argentina.

Tutte le informazioni necessarie per conoscere quali siano i Paesi esentati dalla presentazione del visto, sono reperibili presso l’Ambasciata Argentina in Italia a Roma, in piazza dell’Esquilino 2, o presso il Consolato Generale a Milano in via Agnello 2. Il visto è necessario se ci si reca in Argentina per motivi diversi da quelli turistici, come ad esempio un viaggio di affari. In questo caso bisogna rivolgersi all’Ambasciata o al Consolato per inoltrare la domanda. Ai moduli della domanda andranno allegati il passaporto, una fotocopia dello stesso, due foto tessere, il biglietto aereo di andata e ritorno, le credenziali bancarie e la lettera della compagnia.

Stesso discorso vale se avete intenzione di lavorare in Argentina. Anche in questo caso il visto per lavoro va richiesto alle autorità e alla domanda vanno allegate 3 foto tessera a colori recenti, il passaporto, il certificato di nascita tradotto in spagnolo da un ente riconosciuto e la copia del contratto di lavoro. In caso non si avesse la possibilità di recarsi presso il Consolato, è possibile affidarsi a una delle tante agenzie accreditate. Il costo sarà lievemente superiore ma, le pratiche saranno svolte da personale competente e affidabile.

In caso di problemi con i documenti, una volta effettuato l’ingresso in Argentina, potete recarvi presso l’Ambasciata Italiana o il Consolato Italiano a Buenos Aires. Approfittando di una vacanza in Argentina non potete farvi scappare l’occasione di vistare le bellissime e ampie cascate di Iguazu che il Paese divide con Paraguay e Brasile. Un posto unico, perfetto per una giornata in mezzo alla natura incontaminata di quest’area. I più avventurosi preferiranno fare un’escursione in Patagonia, una regione divisa con il Cile, e salire sul vulcano Berro Bayo per ammirare il panorama.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Visto turistico per l’Argentina: dove richiederlo, costi e ...