Stephen King, i luoghi oscuri che hanno ispirato la penna dello scrittore

Così il Maine ha ispirato le ambientazioni delle più terrificanti e spaventose opere di Stephen King

“I love Derry” è la scritta che compare sull’iconico palloncino rosso tenuto in mano da Pennywise, e a guardare un po’ oggi quella che è l’intera carriera del padre del pagliaccio ballerino, la sensazione è che quella città sia stata la più grande ispirazione di Stephen King.

Il prolifico scrittore americano non ha bisogno di presentazioni, la fama dei suoi celebri romanzi, infatti, lo precede. Da IT a La Torre Nera, passando per Shining, titoli questi che solo a nominarli, fanno accapponare la pelle, ma che sono rimasti nella memoria di chiunque si sia avvicinato al genere letterario in questione.

Perché se c’è un merito da attribuire a King è quella sua innata capacità di trasportare i lettori nelle sue storie e di trasformare quelle normali situazioni conflittuali di vita in momenti di puro terrore.

Bangor

Bangor – Fonte iStock

Famose sono le ambientazioni delle sue opere, le stesse che abbiamo ritrovato poi nei film ispirati ai suoi celebri romanzi. Tra queste Derry, la cittadina che ha fatto da cornice alle avventure dei perdenti intenti a combattere IT.

La città fittizia di Derry esiste davvero e si chiama Bangor ed è qui che nel 1947 è nato Stephen King. Tra queste strade lo scrittore si è ispirato, lasciando partorire dalla sua mente Derry dove sono ambiente molte delle sue opere.

Il tour dell’orrore, per conoscere i luoghi che hanno ispirato la penna dello scrittore, inizia proprio qui, nella casa di Stephen King. La struttura in stile gotico, circondata da una recinzione in ferro battuto, è considerata un vero e proprio luogo di culto per gli amanti del genere horror.

Stephen King casa

La casa di Stephen King, Bangor – Fonte iStock/MarcDufresne

Tappa imperdibile è anche la libreria pubblica di Bangor, la stessa dove Mike Hanlon, di IT, si rifugiava per studiare gli strani accadimenti che riguardavano la città. Il cimitero di Mount Hope, invece, ha fatto da cornice ad alcune scene del terrificante romanzo Pet Sematary, ripreso poi anche nell’omonimo film.

In generale, è stato proprio il Maine ad ispirare lo scrittore. Questo piccolo stato degli Stati Uniti, con i suoi boschi e i paesaggi naturali, ha visto nascere le ambientazioni più spaventose dei romanzi di King.

Al di là del confine canadese, invece, troviamo un altro luogo imperdibile per gli amanti dei racconti dello scrittore: l’Overlook Hotel, quello dove è ambientato Shining. Si tratta dello Stanley Hotel in Colorado, un albergo che, tra i tanti servizi offerti, organizza anche dei ghost tour che raccontano le storie dei fantasmi che lo abitano.

The Stanley Hotel

Stanley Hotel, Colorado – Fonte iStock

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stephen King, i luoghi oscuri che hanno ispirato la penna dello scritt...