Roma, eternamente sexy

Le mete più hot in Europa: da Roma a Bath, da L'Avana a New York

Potere delle classifiche: saltata a pie’ pari dagli architetti e dagli urbanisti dell’Urban design Group che non hanno inserito Roma nella top ten delle città più belle del mondo, la città eterna si prende la sua rivincita con gli innamorati. Il Sunday Times Travel Magazine, l’allegato viaggi del domenicale del Times, l’ha infatti decretata meta più hot in Europa dopo averla già incoronata lo scorso anno – in un articolo in cui il giornalista si diceva «scioccato dalla sua maestosità» – come «il posto con più attrazioni al mondo».

Nella caput mundi delle fughe erotiche e dei weekend all’insegna dei sensi l’itinerario suggerito nella sensualità urbana delle sue bellezze si snoda tra resti archeologici, ristoranti e negozi lussuosi scelti per la bellezza degli arredi, il servizio ed il confort proposti. Si parte da Piazza di Spagna: dopo aver visto sorgere il sole sui gradini di Trinità dei Monti, suggerisce il magazine, si può fare colazione nella rinomata e very british sala da tè Babington’s (che però apre alle 9, quindi meglio calcolare bene i tempi).

«Per un vero “effetto wow” – scrive il Sunday Times – si può passeggiare da piazza del Popolo fino a Piazza Venezia, (la torta nuziale, ovvero l’Altare della Patria n.d.R.) fino al Colosseo. «Per una vista dell’opulenta S. Pietro e dei suoi dintorni fuggite dalla folla e andate al ristorante La Pergola al Waldorf Astoria, a circa 20 minuti di taxi». Il pomeriggio prosegue all’Antico Caffé Greco, «un po’ turistico ma con un allure antica e romantica» in via dei Condotti e con un giro in scooter – come Audrey Hepburn e Gregory Peck in Vacanze Romane – fino alla Bocca della verità mentre per trascorrere la serata il consiglio cade sul cockail discobar Bloom vicino a piazza Navona, fashion e minimalista.

Dopo Roma la seconda in classifica è Bath, elegante cittadina del Somerset patrimonio dell’Umanità: dietro ai suoi portoni chiusi la città è positivamente umida grazie all’esuberanza dei romani che hanno costruito i primi bagni – sono le uniche terme naturali del Regno Unito – oggi interamente in stile georgiano. L’Avana è terza con i suoi colori, i suoi palazzi coloniali e le «automobili vintage» a cui non bisogna dimenticare di aggiungere la giusta colonna sonora di salsa e clima caraibico. Seguono l’immancabile Londra (più che altro per i negozie e i locali), New York (grazie a Sex and the city) e Berlino: «la più disubbidiente città d’Europa rompe tutte le regole. Quale altro posto è migliore per un brivido illecito (e pieno di segreti da portare a casa)?».

Parigi che con la torre Eiffel e le luci basse di bistrot «sembra essere fatta apposta per gli innamorati» si guadagna il settimo posto, seguita da S. Pietroburgo («in inverno ci scalda a vicenda e in primavera via i vestiti»), Siviglia («lunghe notti, flamenco, un lato sorprendentemente sexy»), Tangeri («intensa e affilata è la città più piccante del Marocco»), Stoccolma («avete presente il momento in cui vi rendete contro di essere attratti da qualcuno che avevate sempre considerato solo un amico?) e Istanbul («con le esotiche silhouette delle moschee»).

Roma, eternamente sexy