Passaporto elettronico e visto turistico: le novità

Con l'introduzione del passaporto elettronico diminuiscono costi e tempi di emissione

Quando si pianifica un viaggio all’estero bisogna stare molto attenti ai documenti richiesti per l’ingresso in altri Paesi. Per i cittadini dell’UE è possibile circolare liberamente in Europa con la sola carta d’identità valida per l’espatrio. Per gli italiani che desiderano intraprendere un viaggio nei Paesi al di fuori dell’area Schengen, invece, è obbligatorio il passaporto in corso di validità e, in taluni casi, si deve richiedere anche il visto turistico. Prima di intraprendere un viaggio occorre assicurarsi anche sulla sicurezza del Paese da visitare.

Il passaporto elettronico è un libretto dotato di microchip contenente i dati anagrafici, la foto, le impronte digitali e la firma digitalizzata del titolare. Le novità introdotte dalla normativa sul passaporto elettronico riguardano prevalentemente i costi, le modalità di emissione e i tempi per il rilascio. Si tratta di un’utilissima semplificazione per i cittadini italiani. A partire dal 24 Giugno 2014, la normativa prevede che per il rilascio del passaporto non sia più necessaria la marca da bollo annuale, ma è sufficiente un contrassegno telematico di €73,50 da acquistare solo per il primo rilascio o per il rinnovo (dopo 10 anni) del documento di viaggio. Il costo complessivo del rilascio del passaporto sarà dunque di €116,00, risultante dalla somma di €73,50 (contrassegno) più il costo del libretto di €42,50.

Un’altra novità riguarda la possibilità di ricevere il passaporto a domicilio tramite posta assicurata, dopo averne fatto richiesta, con un costo aggiuntivo di €8,20 per le spese di spedizione. La maggiore semplificazione per i cittadini italiani riguarda la possibilità di richiedere il passaporto online sul sito della Polizia di Stato, per prenotare ora, data e luogo per la presentazione della domanda, evitando così lunghe code negli uffici (Questura, Commissariato, stazione dei Carabinieri). Anche i minori di 12 anni devono avere un documento di viaggio individuale, con dati anagrafici e fotografia per il riconoscimento, e i loro nominativi non vanno più riportati per iscritto all’interno del passaporto dei genitori.

Per i cittadini italiani che viaggiano in un Paese al di fuori dell’Unione Europea per una durata inferiore a 90 giorni, è richiesto il passaporto. Per visitare Cina, India, Russia, Australia, Egitto e Sud Africa, oltre al passaporto, è necessario il visto turistico prima di partire. Per i viaggi negli Stati Uniti, oltre al passaporto, è obbligatorio ottenere l’autorizzazione ESTA, da richiedere online entro 72 ore dalla partenza. Infine, quando il soggiorno all’estero ha una durata superiore ai 90 giorni, il cittadino è obbligato a richiedere il visto per qualsiasi Paese fuori dall’UE, con la motivazione della permanenza.

Immagini: Depositphotos

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Passaporto elettronico e visto turistico: le novità