Australia: ecco quel che resta della città dell’oro

Pine Creek è stata protagonista della corsa all'oro alla fine dell'800, ora è quasi disabitata

Pine Creek conta circa 600 abitanti, ma a vederla oggi sembra una città abbandonata. Ciò che resta della febbre dell’oro che si è scatenata alla fine del 1800 in questa zona sono solo vecchi rottami arrugginiti. Macchinari in disuso, furgoni abbandonati nei campi, anche l’insegna che indica che siete arrivati a Pine Creek è consumata dal tempo.
Nel bel mezzo del nulla del Northern Territory australiano, per raggiungerla bisogna lasciare la Stuart Highway, la strada principale che taglia in due l’Australia da Nord a Sud partendo da Darwin per arrivare a Port Augusta.

Ai tempi d’oro c’era anche una stazione ferroviaria molto trafficata. Ora sulle stesse rotaie si vede passare il Ghan, uno dei treni più affascinanti del mondo, che attraversa il continente passando dalle verdi colline del Sud al Red Center fino al mare: è lo spettacolo quotidiano a cui i pochi abitanti assistono per distrarsi.

La scoperta dell’oro fu casuale. Fu durante la costruzione della linea telegrafica, infatti, che venne rinvenuto il primo giacimento d’oro. E fu subito febbre: In pochi anni arrivarono cercatori d’oro da ogni dove, soprattutto dalla Cina, ma non solo. Sorsero case, hotel, l’ufficio postale, la stazione di polizia, la scuola e nacque il giornale locale. Le miniere erano 15 e gli abitanti più di 3mila. Poi l’oro si esaurì e lentamente Pine Creek venne abbandonata.

Oggi i turisti vi fanno tappa attirati dall’archeologia industriale di questo luogo. Il vecchio bar ricavato in un capannone arrugginito è ancora funzionante. Al suo interno sono conservati gli attrezzi dei minatori e oggetti dell’epoca. Una sorta di museo. Se sono fortunati, i visitatori possono ammirare il lussuoso Ghan che passa veloce fischiando e che lascia dietro di sé solo il silenzio. Se avete in programma un viaggio nel Nord dell’Australia, Pine Creek si trova a un’ora da Katherine Gorges e Nitmiluk National Park e a due ore da Darwin.

SiViaggia

Australia: ecco quel che resta della città dell’oro