Venezia, la Festa del Redentore

Un evento che si ripete ormai dal 1577 e celebra la fine della peste

Acqua e terra. Venezia apre i suoi canali e le sue calli ai turisti e ai veneziani per un evento che si ripete ormai dal 1577. La Festa del Redentore, una festa paragonabile a quella di Indipendenza americana del 4 luglio e a quella francese del 14 luglio. La terza domenica di luglio del 1577 il Doge Sebastiano Venier annunciò che la Serenissima era finalmente libera dal contagio della peste. Per festeggiare l’evento, in pochi giorni, venne costruita una chiesa in legno provvisoria e fu realizzato un ponte di barche per collegare la Giudecca alla riva opposta così che il Doge potesse raggiungere la chiesa per le solenni funzioni di ringraziamento.

Anche quest’anno, come è tradizione, i veneziani celebrano, la terza domenica di luglio, la festa del Redentore, oltre che con manifestazioni religiose, con un grande spettacolo pirotecnico. Non per nulla questa è una delle feste religiose più spettacolari al mondo. Una ricorrenza che i veneziani sentono come propria e nella quale ancora oggi, investono tempo, energie e risorse. Un lungo ponte votivo di barche viene allestito sopra il canale della Giudecca per raggiungere la Chiesa del Redentore dalla quale il Patriarca di Venezia, al termine della festa, benedirà la città. Migliaia di persone si riverseranno nelle piazze, nelle calli della città vestita a festa.

Sacro e profano quindi si mescolano in questa tradizione: oltre alle benedizioni sono previste anche feste di gala ma c’è anche chi improvviserà tavolate alla buona e cucinerà pesce e carne alla brace, a pochi passi dal Tempio del Redentore. Il bacino di San Marco si affollerà di barche. Gondole e pupparin addobbati a festa. Ogni genere di imbarcazione carica di persone e piatti tipici invaderà il bacino. Le vivande e i bicchieri verranno passati da una barca all’altra, di mano in mano. Lungo le rive della Giudecca, nel frattempo, inizierà la cena di gala dei vip. I tavoli, a due passi dall’acqua, indosseranno i loro migliori vestiti. Come ogni anno saranno una sorpresa spettacolare i fuochi d’artificio che sanciranno la fine della Festa.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Venezia, la Festa del Redentore