Sagre che san di primavera

Tra maggio e giugno gli appuntamenti del gusto nelle regioni d'Italia

Ogni stagione dell’anno si presta per un appuntamento goloso. Mai però come la primavera, che invita a una gita fuori porta all’insegna delle bontà nostrane e delle bellezze naturali. Il mese di maggio è poi ricco di appuntamenti per golosi e curiosi, adulti e bambini. Ecco quelli che abbiamo selezioanto per voi.

Asparago di Verona e Soave: un legame tra bianchi
L’asparago bianco di Verona è il protagonista indiscusso di Asparagi Signori in Tavola, kermesse gastronomica organizzata dal Consorzio Valorizzazione Asparago di Verona, che si tiene fino alla fine di maggio nei paesi di Arcole, Zevio, Belfiore, Rivoli Veronese e Cologna Veneta. Per l’occasione in cinque ristoranti della Strada del vino Soave, gli avventori potranno gustare oltre alle pietanze tipiche della cucina scaligera, anche piatti con protagonisti gli asparagi. Ad accompagnare il tutto, la freschezza e la vivacità di un altro “bianco”, il Soave. Chi lo vorrà potrà anche addentrarsi nel “più grande vigneto d’Europa”. Ben 6mila e 600 sono gli ettari di territorio dedicati alla coltivazione di Garganega, l’uva bianca che dà il Soave. Una volta lasciata alle spalle l’autostrada, il verde paesaggio che ci si trova di fronte vi inviterà a rallentare i ritmi per assaporare la vita tranquilla dei borghi di paese, la calda ospitalità di cantine e agriturismi nonché la bellezza di chiese romaniche, ville, castelli e musei.

L’eccellenza gastronomica in piazza
Per tutto il mese di maggio riparte il viaggio nei sapori della Val di Chiana Senese, con l’VII edizione della rassegna enogastronomica Sapori del Monte Cetona, ovvero l’occasione per “incontrare” i gusti di qualità là dove nascono. Sempre a maggio, Cetona renderà omaggio alla rassegna con la terza edizione della Sagra dei Pastrignocchi e del Cuculo, rispettivamente un tipico formato di pasta e un biscotto dal sapore antico, entrambi alimenti poveri della tradizione locale. In calendario pranzi e cene in piazza, serate danzanti ed esibizioni degli sbandieratori di Cetona e di Montepulciano. Protagonista dell’ultimo fine settimana di maggio sarà invece San Casciano dei Bagni con la quarantunesima edizione della Sagra dei Pici di Celle sul Rigo, tre giorni di festa dedicati al caratteristico formato di pasta. La chiusura della rassegna Borgo in festa, serata a base di musica dal vivo e buona cucina organizzata dalla Contrada di Sant’Andrea a Castiglioncello del Trinoro, frazione di Sarteano.

Fratelli di latte
Per due giorni a maggio il borgo medievale di Gualdo (Macerata) diventa la meta “golosa” di tutti gli amanti di Asiago, burrata, caciocavallo e Fontina. Qui va, infatti, in scena la 14ª edizione di Formaggi d’Autore, ricca vetrina nazionale dei prodotti lattiero-caseari. Una kermesse diventata ormai un classico nell’agenda di primavera di un esercito di gourmet e che, anno dopo anno, sta diventando sempre più un punto di riferimento per i produttori italiani di ogni regione, protagonisti dell’intera filiera, e per un vasto pubblico di appassionati alla ricerca del gusto ma anche di quei piccoli segreti per scoprire i valori nutrizionali dei formaggi, come renderli versatili in cucina, come riconoscerli per evitare le truffe. L’intero paese è coinvolto: le bancarelle degli espositori s’installano tra le vie tortuose e strette che guardano ai non lontani Monti Sibillini, la grande piazza centrale e la passeggiata che si snoda tra i giardini. E ci sarà solo l’imbarazzo della scelta tra gli erborinati (gorgonzola, roquefort), gli stagionati (grana, parmigiano, pecorino) e i formaggi freschi tra cui la Mozzarella di Bufala. Uno spazio d’onore sarà riservato, inoltre, a quei prodotti caseari tutelati dai Presidi Italiani (per la valorizzazione dei prodotti a base di latte crudo). Per gli amanti della buona tavola, sarà allestita l’osteria “Odissea nello sfizio”, dove si potrà provare la cucina, ovviamente a base di formaggi, dei talentuosi chef Peppe Rossi e Aurelio Damiani, due dei migliori interpreti della tradizione marchigiana.

Laghi d’Italia in festa
A Iseo (Brescia), in riva al Sebino, è attesissimo l’esordio del primo Festival dei Laghi Italiani, che, tra maggio e giugno, chiamerà a raccolta gli specchi d’acqua più belli di tutto lo Stivale, dal Friuli alla Sicilia. Per undici giorni, il filo conduttore dell’acqua accompagnerà i visitatori alla (ri)scoperta di storia, cultura, tradizioni, folklore e gastronomia dei nostri laghi, da quelli alpini a quelli delle isole. In particolar Bontàlago porterà nel centro storico e sul lungolago il meglio della produzione agroalimentare e artigianale lacustre. Sulle bancarelle sarà possibile acquistare prodotti unici e rari, difficilmente rintracciabili nei punti vendita tradizionali. I visitatori potranno apprezzare a Sebino, oltre allo splendido cuore medievale e al Castello Oldofredi di Iseo, anche le Ville Liberty di Sarnico, l’Accademia Tadini di Lovere e gli affreschi del Romanino a Pisogne. Dal punto di vista culturale, Palazzo Vantini a Iseo ospiterà una serie di mostre d’arte e fotografia tra cui l’esposizione “I laghi italiani nelle pittura”, con un centinaio di opere a tema datate tra ‘800 e ‘900. A Pilzone verranno poi esposte barche d’epoca, il centro storico di Iseo si abbellirà di installazioni floreali e due conferenze sveleranno il mito dei Cantieri Riva e quell della presenza di Leonardo sul lago.

Conoscere con G.U.S.T.O.
È dedicata alla formazione del “consumatore consapevole” la prima edizione di G.U.S.T.O. -Genuine Usanze Sulla Tavola Oggi, in programma a 23 maggio nel centro storico di Moncalieri (TO), organizzata da ASCOM -Confcommercio Torino con la partecipazione di Slow Food Piemonte e Valle d’Aosta. Fil rouge della manifestazione è la riscoperta dei prodotti della collina torinese e delle tradizioni enogastronomiche del territorio, reinventate ed aggiornate con creatività e stile contemporaneo. A partire dalla tradizionale Merenda Sinoira, proposta nella splendida cornice del Giardino delle Rose in versione “picnic” con assaggi di ricette in versione sfiziosa e inusuale. Per i più trendy e attenti alle mode, da provare l’assaggio dei piatti della tradizione rivisti in chiave “street food” come i “tajarin da passeggio” proposti dalla Piola Vagabonda, che prende il nome dalla tipica osteria piemontese. Importante lo spazio dedicato ai laboratori di consapevolezza sul cibo dedicati ai bambini, tenuti e coordinati da Carol Povigna e Marlena Buscemi dell’Osservatorio Gastronomico di Pino Torinese, dal taglio giocoso e creativo, come “Conosco i miei polli”, un gioco dell’oca sui possibili cicli dell’uovo, dal pulcino…al tagliolino. Per gli adulti i laboratori di conoscenza delle eccellenza del territorio coordinati da Slow Food.

Festa della Focaccia
A fine maggio a Recco si terrà la trentacinquesima edizione della Festa della Focaccia. Un appuntamento imperdibile per gustare uno dei piatti tipici della Riviera Ligure, ritenuta una delle opere gastronomiche più famose in tutta Italia. Oltre che l’occasione per ammirare i paesaggi di questa pittoresca cittadina. Tra i protagonisti della giornata, l’inconfondibile stile delle bottiglie S.Bernardo by Giugiaro Design, che contribuiranno ad arricchire le tavole dei ristoranti locali più rinomati. Un connubio che tende a sottolineare il forte legame di S.Bernardo con il territorio d’origine e con la tradizione gastronomica locale. Il tutto per trascorrere una piacevole giornata all’insegna dei valori della cultura culinaria Made in Italy.

Firenze, Gelato Festival
A fine maggio, dalle ore 10 alle 23, Firenze si trasformerà in una gelateria a cielo aperto. È il Firenze Gelato Festival che si terrà in Piazza Santissima Annunziata che per l’occasione sarà trasformata nel Villaggio del Gelato Artigianale, con i migliori maestri gelatieri in arrivo da tutta Italia. Protagonisti soprattutto i bambini con attività ludico-didattiche in collaborazione con l’Istituto degli Innocenti, il Salone de’ Cinquecento in Palazzo Vecchio ospiterà il convegno inaugurale della manifestazione mentre Piazza della Repubblica diventerà il Villaggio del Gelato Industriale, ulteriori tappe del festival saranno le gelaterie del centro storico fiorentino, in particolare alcune di esse si trasformeranno in corner colorati e freschi dove divertirsi e stare in allegria. Per accedere all’area degustazioni e diventare protagonisti del percorso del gusto si potrà acquistare la card elettronica multifunzione dell’evento.

La Grande Bufala
Per il terzo anno consecutivo Eboli si conferma capitale della mozzarella di Bufala campana dop grazie a La Grande Bufala, appuntamento ormai tradizionale della cittadina salernitana, in programma tra maggio e giugno. Degustazioni di prodotti tipici guidate permetteranno di assaporare tutto il piacere di alimenti di qualità. Insomma un’occasione golosa per scoprire la terra campana e le sue eccellenze enogastronomiche. Ogni giorno sarà dedicato a una delle cinque province (Avellino, Benevento, Caserta, Napoli, Salerno) con iniziative capaci di raccontare costumi e territori di ciascuna di esse.

Sagre che san di primavera